Giovedì 24 Aprile 2014
COPERTINA
26 Apr 2014 20:45
Serie A TIM 2013-2014
  VS  
Inter   Napoli
[ Precedenti ]
INSIGNE ANCORA IMPRECISO. SOLO 2 GOL IN CAMPIONATO, TI HA DELUSO?
  
  
  

Daily Network
© 2014
COPERTINA

RILEGGI IL LIVE - Mazzarri: "E' il migliore ritiro della mia carriera! Serve un'alternativa a Maggio. Attaccante? Arriva solo se..."

23.07.2012 11:30 di Redazione Tutto Napoli.net - @tuttonapoli  articolo letto 23399 volte
Fonte: dai nostri inviati a Dimaro, Antonio Gaito e Raimondo De Magistris

PREMI F5 PER AGGIORNARE LA PAGINA E SEGUIRE LA DIRETTA

 

12.03 - Conclusa la conferenza stampa

Speri che entro il 31 agosto possa arrivare altro attaccante? "L'attaccante in più, qualora dovesse arrivare, lo si vedrà in campo tre volte all'anno. Numericamente la rosa in avanti è giusta. Se Vargas e Insigne vengono ritenuti ideali per la prossima stagione è inutile prendere un nuovo attaccante, si crea solo confusione. Per come siamo ora, già uno deve andare in tribuna. Bisogna solo capire se Vargas e Insigne sono adatti al progetto Napoli e alle ambizioni della piazza. Vedremo, andranno valutate cose importanti. Se uno dei due giovani andrà via non sarà una bocciatura, ma solo fare esperienza per tornare poi più pronti. Ecco perché, quando si parla di giovani, ripeto che bisogna discutere con grande oculatezza".

Come valuta Donadel? "E' uno di quei calciatore che l'abbiamo preso perché tutti pensavamo fosse utile. E' un calciatore d'esperienza che ha fatto la Champions con la Fiorentina. Il problema è stato l'infortunio grave. S'è operato, sta recuperando bene. Tutti lo aspettiamo a braccia aperte. Quando recupererà al 100% può considerarsi un nuovo acquisto".

Con questa crisi può essere la politica più giusta quella di scovare giovani forti? "L'importante è che si parta tutti alla pari. Questo è un mio modo di fare da sempre, lavoro per la mia azienda. Nel primo anno c'erano 27/28 calciatori e l'obiettivo è stato snellire la rosa cedendo quei calciatori non funzionali al progetto. Questa società con i fatti ha attuato questa politica. L'importante è che ci sia chiarezza".

Come ha visto i giovani Bariti e Fornito? "Bariti non lo conosco bene, nell'ultima stagione ha giocato nel 4-4-2 come esterno alto. Dobbiamo capire se è altrettanto valido nella fase difensiva come in quella offensiva. Fornito è un talento, è cresciuto fisicamente e ha una forte personalità. Mi piace davvero molto. Da lì a dire che è pronto per la prima squadra, però, è presto. Bisogna fare altre valutazioni. E' di sicuro avvenire, mi ricorda un po' Hamsik"

Il presidente ha parlato di primi tre posti... "E' giusto che De Laurentiis si esalti e trasmetta a noi stimoli forti. Che si sogni di arrivare primi è un conto, ma l'importante è che ci siamo risposte anche tecniche. Ognuno ha il suo ruolo, io continuo a pensare al presente come ho sempre fatto in carriera".

Come ha visto Britos? "Era venuto perché si pensava avesse caratteristiche per il nostro gioco. E' chiaro che non veniva dal Real Madrid, ma dal Bologna. Lui ha avuto solo il problema che non è stato bene fisicamente, non è stato mai al top. Quest'anno, se non gli succede nulla, sarà il titolare. Finora mi ha dato le risposte giuste. E' chiaro che è un gigante, ha bisogno di tempo per entrare in condizione". 

Con questo nuovo modulo ha chiesto accorgimenti diversi anche alla difesa? "Sono due i calciatori che si sono spostati con questo nuovo modulo: Hamsik e Inler. Avendo, però, le punte verticali uno dei due può dare una mano in più alla difesa, cioé Inler che può dare maggiore aiuto alla difesa. I meccanismi della nostra retroguardia non cambiano, ma con lo svizzero c'è uno scudo in più per la nostra difesa". 

Serve un mancino o un destro? "Facendo un calcio propositivo c'è bisogno di qualcuno che salti l'uomo. Ho impostato a Zuniga a sinistra perché è più in grado di saltare l'uomo. Se questo ragionamento è valido, ci serve più un destro o, l'ideale, un calciatore che giochi su entrambe le fasce".

Perché questo modulo? "Vogliamo creare un calcio propostivo, vogliamo attaccare e mettere in difficoltà gli altri. Qualche partita, pur giocando bene, ci è andato male. Credo però sia un atteggiamento che paghi. Soprattutto giocando con mezzale importanti si può essere più propositivi". 

C'è qualche calciatore con cui ha un feeling particolare? "La gestione del gruppo si può fare in tanti modi, io ho sempre puntato sul rispetto dei ruoli e la massima trasparenza. Devo essere libero di escludere chiunque, ma è chiaro che ci sono alcuni giocatori che evidenziano di essere più in mostra degli altri. In questo gruppi di questi calciatori ne ho avuti diversi, faccio tre nomi su tutti: Cannavaro, De Sanctis e Maggio. Se devo mandare un messaggio rafforzativo al gruppo chiamo loro. Guai, però, a diventare troppo amico di qualcuno, altrimenti sei condizionato nelle scelte".

Che ruolo avrà Pandev? "E' uno dei giocatori più affidabili. E' un calciatore importante, nonostante le difficoltà negli ultimi due anni all'Inter. Ha bisogno solo di ritrovare ritmo e stimoli, il calcio è fatto di questo. Sta trovando la migliore condizione fisica. I calciatori di maggiore tasso tecnico devono avere una condizione fisica ideale, altrimenti non rendono al meglio e non possono mettere in mostra la loro tecnica".

Lei negli ultimi giorni ha anche cantato. Ha intonato a Gargano "Resta cu 'mme"? "Con me ha giocato io faccio sempre giocare quelli che credono mi possano garantire la vittoria. Poi se un calciatore ha desideri di andare via o non ha più stimoli è un altro discorso. Io penso solo allo spogliatoio e faccio giocare sempre chi sta meglio".

Quali sono i più e i meno di questo ritiro? "La prima indicazione che mi aspetto dal ritiro è che il lavoro atletico sia svolto al meglio. Da questo punto di vista è stata la migliore preparazione che ho avuto in carriera. Il dato che balza agli occhi è che nessuno ha saltato un allenamento, a eccezione di Campagnaro ieri mattina che ha recuperato, comunque, la sera. Indicazioni importanti sono arrivate anche dal punto di vista tecnico-tattico. Ho visto grande attenzione da parte di tutti, sia dai vecchio che dai nuovi. Lo stesso Behrami ieri ha provato ad assimilare subito cosa voglio. Qui a Dimaro c'è l'ambiente ideale per lavorare".

11.32 - E' entrato Mazzarri in teatro, ha inizio la conferenza stampa. 

11.00 - Tra poco avrà inzio la conferenza stampa di Walter Mazzarri di chiusura del ritiro di Dimaro


Altre notizie - Copertina
Altre notizie
 

BASTA POLEMICHE INTERNE, C'È UNA FINALE IN PALIO! ADL PENSA A LEONARDO COME FIGURA INTERMEDIA TRA SQUADRA E DIRIGENZA

Presto per i mugugni. Per litigi, recriminazioni, per le voci incontrollate su partenze e arrivi. Mancano pochi giorni alla finale di Coppa Italia, ancora meno alla gara di San Siro contro l'Inter dell'ex Walter Mazzarri ma l'azzurro intorno al Napoli è sfumato...

ALTRO CHE AIUTI DA SAN GENNARO, MENCUCCI DIMENTICA CHE BENITEZ HA RINUNCIATO AD OTTO TITOLARI

"Quest'anno San Gennaro si è sprecato molto con il Napoli e poco con la Fiorentina. Non vorrei essere blasfemo ma il Napoli ha avuto una stagione regolare, i suoi giocatori migliori sono in forma mentre noi abbiamo ai box due giocatori molto importanti". Le d...
Per poter vedere questo video hai bisogno di Flash, se devi installarlo segui il link: Installa Flash.

ESCLUSIVA – VALLE (AS): “VARGAS HA CONQUISTATO VALENCIA, ECCO COSA MI CONFESSÒ. BERNAT? A DICEMBRE CI FU UN CONTATTO”

Edu Vargas, dopo la positiva esperienza al Gremio, sta conquistando anche Valencia - dove si trova in prestito secco -  ...

BRUSCOLOTTI A CLUB NAPOLI: "PUR ESSENDO UNA STAGIONE DI TRANSIZIONE QUESTO È STATO UN CAMPIONATO POSITIVO"

Giuseppe Bruscolotti, lo storico capitano del Napoli, era presente all'inaugurazione del Nemea di Cardito: questo, sintet...

ACCOSTATO AL NAPOLI, ANCHE LA FIORENTINA SU MUSACCHIO

La Fiorentina resta alla finestra, ma aumentano le pretendenti per acquistare il cartellino di Mateo Musacchio ...

FOTO - MERTENS COMMENTA IL MINI-TORNEO: "CHE DIVERTIMENTO A CASTEL VOLTURNO!"

"Fun at Castel Volturno today! #training #6vs6 #WinningTeam": così Dries Mertens su Twitter, il morale dello...

IL CENTROCAMPO SVIZZERO: UN OROLOGIO CHE DI TANTO IN TANTO PERDE QUALCHE SECONDO

Nel 1949 un film, la cui fotografia entra di diritto negli annali del cinema e che gli valse anche l’Oscar, decret&ogra...

ANCORA UNA VOLTA LE PRODEZZE MORTIFICATE DA UNO SVARIONE. ORA NON DIAMO UN SENSO ALLA STAGIONE DI MAZZARRI

Il giovane Scuffet contro uno dei portieri più esperti del continente, Reina. Ecco uno dei motivi  di interesse a...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 24 Aprile 2014.
 
Juventus 90
 
Roma 82
 
Napoli 68
 
Fiorentina 58
 
Inter 56
 
Parma 51
 
Milan 51
 
Torino 49
 
Lazio 49
 
Hellas Verona 49
 
Atalanta 46
 
Sampdoria 41
 
Genoa 39
 
Udinese 39
 
Cagliari 36
 
Chievo Verona 30
 
Sassuolo 28
 
Bologna 28
 
Livorno 25
 
Catania 23

   Editore: TC&C SRL Norme sulla privacy