Zamparini su Cavani: "Ma quale rapina! Se ne andrà da Napoli solo per guadagnare il doppio. Tra Roma e Napoli ho consigliato a Balzaretti..."

Parla il presidente del Palermo
 di Redazione Tutto Napoli.net - @tuttonapoli  articolo letto 29753 volte
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Zamparini su Cavani: "Ma quale rapina! Se ne andrà da Napoli solo per guadagnare il doppio. Tra Roma e Napoli ho consigliato a Balzaretti..."

A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” è intervenuto Maurizio Zamparini, presidente del Palermo
“Cavani? Ma quale rapina, se ne andrà solo se guadagnerà il doppio. Ho consigliato il Napoli a Balzaretti”
“La prima giornata di campionato? Si sfideranno due società molto amiche e due presidenti molto amici.
Balzaretti? Non so se si convincerà a venire a Napoli, molto dipenderà da De Laurentiis che credo che dovrebbe chiamare direttamente il calciatore. A me dispiacerà un po’ ma ho fatto una promessa a Balzaretti. Gli ho detto che se Aurelio si muoverà, cercherà lui.
Se entro il 31 luglio Balzaretti resterà a Palermo? Resterà per tutta la stagione a Palermo perché devo avere del tempo per rimpiazzarlo. Non posso lasciare un buco altrimenti favorirei, già ad inizio campionato, le altre squadre. Ho promesso a De Laurentiis, quindici giorni fa, che avrei chiamato Balzaretti e gli avrei parlato della possibilità di andare a Napoli e che se il ragazzo avesse accettato, poi ci saremmo seduti a tavolo per concludere io e lui. Il ragazzo ha espresso alcune perplessità perché naturalmente avevamo parlato sempre e solo di Parigi. Non sento Balzaretti da cinque o sei giorni ma a breve ci risentiremo e capiremo come andrà a finire.
L’offerta del Napoli è stata la migliore. La decisione con cui De Laurentiis è arrivato su Balzaretti, è la stessa già utilizzata in precedenza, quando è venuto a prendere Cavani. Sono rammaricato di aver perso Cavani ma gli avevo promesso che lo avrei lasciato andare. Cavani è un giocatore da grandissimo club per cui sarà difficile trattenerlo anche a Napoli. Napoli è una grande squadra ma quando si sente parlare di Real Madrid, Barcellona, Manchester City, Chelsea facciamo riferimento a club capaci di pagare il calciatore tre volte il suo valore. Non credo però che Cavani possa lasciare Napoli quest’anno.
Se la questione dello scippo a Maria Soledad può determinare in Cavani qualche suggestione per lasciare Napoli?  Ma quale rapina, l’unica suggestione è lo stipendio doppio che prenderebbe da qualche altra parte. Tutto il resto non conta, sono scuse, come è accaduto a Palermo.
L’ultima giornata di campionato? Se mi chiedete che fiducia ho nel lavoro della Lega io dico che è pari a zero. Sono quasi 30 anni che sono in Lega e so come funzionano determinate cose. Non so cosa abbiano inserito nel computer. Già la faccenda che non possono incontrarsi due squadre che si sono già sfidate nella prima giornata della scorsa stagione oppure che chi ha giocato nello scorso campionato in trasferta, quest’anno dovrà giocare in casa sono stupidaggini che vengono messe in piedi per taroccare un risultato che dovrebbe essere frutto solo del computer.
Se si creerà una Lega parallela? La Lega di oggi è lo specchio dell’Italia. È disastrata l’Italia ed è disastrata anche la Lega ma da qui ad un anno sono convinto che l’Italia cambierà e ci riapproprieremo di ciò che è nostro. Di conseguenza, cambierà anche la Lega.
Se l’anno prossimo mi candiderò in politica? No, non lo farò mai. Il mio impegno è a supporto dei nuovi politici, giovani, che vogliono cambiare il Paese. Ho dieci nipoti e cinque figli e non voglio lasciare loro questa Italia di merda perché hanno diritto a qualcosa di diverso. È dura trovare la forza per cui invito tutti a scendere in campo, tenendoci per mano per riappropriarci del nostro Paese. Non farò mai politica ma combatterò sempre per questo”.