Giovedì 17 Aprile 2014
LE INTERVISTE
19 Apr 2014 15:00
Serie A TIM 2013-2014
  VS  
Udinese   Napoli
[ Precedenti ]
E' IL MOMENTO DI ACCELERARE PER LO STADIO: COSA PREFERIRESTE?
  
  
  

Daily Network
© 2014
LE INTERVISTE

Biasin: "A causa della vicenda di Conte c'è stato il rifiuto di Van Persie"

Tira aria pesante in casa Juventus dopo il mancato patteggiamento di Conte per la vicenda Calciopoli
07.08.2012 08:00 di Redazione Tutto Napoli.net - @tuttonapoli  articolo letto 6653 volte
Fonte: di Fabrizio Biasin per tuttomercatoweb.com
© foto di Fabrizio Biasin

C'era una volta l'estate, mese dell'ormone a mille, della fidanzatina che durava dieci giorni e poi tanti saluti, dei saldi e degli affaroni a poco prezzo (si fa per dire...). Non per niente nelle grandi città il primo giorno dei ribassi si creavano file apocalittiche davanti a quelle vetrine che il resto dell'anno fanno tremare il portafoglio solo a guardarle. I saldi del calciomercato, invece, iniziavano sempre un po' più tardi, con i tifosi al mare a sbranare i quotidiani sotto l'ombrellone con il motto: "Meno colpi di sole e più colpi all'Atahotel, mortacci vostra!".

Ebbene questo mondo non c'è più, messo da parte come i Calippo a mille lire (o i Fior di Fragola, o il Cono Palla, o il Twister) e il calciobalilla che andava con le monete da 500. Oggi, se ti va bene, fare una partitina a biliardino ti costa un euro con la maledetta inflazione che c'è. L'inflazione nel calciomercato ce l'hanno portata quei ricconi degli arabi. In principio furono quelli del Manchester City, abilissimi a scippare alla nostra Serie A Kolarov e Balotelli per far felice Roberto Mancini. Per il resto hanno arricchito le casse delle altre squadre inglesi o di qualche fortunato club spagnolo. Poi sono arrivati gli altri arabi, quelli che hanno preso casa sotto la Tour Eiffel, troppo vicini a noi per non creare guai. Hanno cominciato con Pastore e Sirigu facendo la felicità di Zamparini, quindi hanno convinto Leonardo a mollare Milano (alla faccia del povero Moratti) per tornare a fare il dirigente. Infine hanno ingaggiato quel fenomeno di Carletto Ancelotti, che strafatto di nostalgia rossonera s'è portato a Parigi i pezzi pregiati della gioielleria-Milan. I petrolieri impiccioni hanno infine deciso di fare un altro sgarbo al collega Moratti e gli hanno soffiato sotto il naso il gioiellino Lucas, inseguito da un anno abbondante da Branca & c. e negli ultimi giorni vicinissimo ai nerazzurri. Ma i dirigenti nostrani, piaccia o non piaccia, al giorno d'oggi devono saper far di conto: per l'attaccante del San Paolo erano disposti a mollare fino a 30 milioni, non di più (ed era già un'esagerazione). Leonardo invece è arrivato brillantissimo dai dirigenti verdeoro con una valigetta piena di palanche: 45 milioni uno sull'altro per un pupo di vent'anni. E Lucas da «incedibile» è stato impacchettato.

Bene ha fatto l'Inter a mollare l'asta, ché i soldi in arrivo dall'Oriente non vanno buttati via col primo brasiliano ottimamente pubblicizzato (alle Olimpiadi gioca dieci minuti a partita...).

A proposito, l'affare con il colosso cinese delle costruzioni è il vero capolavoro di Moratti da quando ha deciso di "fare" calcio. In un modo o nell'altro è il primo patron a entrare nell'era della Serie A 2.0 aprendo alla partnership milionaria con i cinesi. Soldi da una parte e il supporto della Crcc nella costruzione del nuovo stadio, il passo più urgente per chiudere il gap con la Juventus, perché sul campo i conti sono tutti da fare. Soprattutto perché il rinato Coutinho dà molte più garanzie di Lucas, che sarebbe arrivato in ogni caso solo a gennaio. I nerazzurri in ogni caso hanno bisogno di un altro rinforzo a centrocampo (Gargano così triste sul Golfo è molto più di una possibilità) e hanno in mano una carta ottima per raggiungere l'obiettivo senza sforzo, Pazzini, che a sua volta farebbe di tutto pur di finire a Torino in un curioso scambio con Quagliarella.

Le carte sembrano mancare invece al Milan, che - perdonate la battutaccia da terza elementare - al momento abbonda solo di... carta igienica. La stupidata è trita e ritrita, ma torna d'attualità con la nuova corte a Kakà, a Diarra e al difensore Nkoulu. Il figlioccio di Berlusconi, se starà bene, potrebbe ridare speranze a un ambiente depresso dalle cessioni di Thiago e Ibra. Con il Real si tratta alla grande (in particolare da domani, dopo l'amichevole di New York) e anche con il giocatore i rapporti sono ottimi. Potrebbero non esserli quelli tra Ricardo e il suo futuro allenatore: «Lo impiegherei alla Pirlo», ha preannunciato Allegri. Un'idea che al brasiliano potrebbe far... Kakà.

Tira aria pesante in casa Juventus dopo il mancato patteggiamento di Conte per la vicenda Calciopoli. Il vice del bell'Antonio, Stellini, si è dimesso e si vocifera che il tecnico bianconero sia pronto a cambiare collegio difensivo per il secondo grado del processo sportivo. Un'idea arrivata direttamente dai piani alti di Corso Galileo Ferraris, dove le vicende giudiziarie dell'allenatore stanno creando non pochi problemi. In particolare sul mercato in lieve ma sensibile "frenata": le accuse sportive hanno fatto saltare la trattativa con Van Persie (che ora sembra voler restare all'Arsenal). Chiusa una porta, si riapre un portone: quello di Dzeko, che manda messaggi d'amore alla Serie A. Di mezzo, però, ci sono ancora gli sceicchi che dovrebbero prendere un altro attaccante (Higuain?) prima di liberare il bosniaco. Maledetti, assatanati, arrogantissimi sceicchi.

P.s. Per la regolarità del calcio (e non stiamo parlando di fair play) non resta che tifare tutti insieme  per un futuro pieno di "casi Malaga". Non stiamo parlando di gelati fantastici e non più in produzione tipo il Maxistecco, ma del club spagnolo lasciato da un giorno all'altro con il proverbiale sedere per terra dall'ex proprietario arabo. Il tutto a poche settimane dall'esordio in Champions League. Chi vuole gufare con me (o mangiarsi un gelato Anni 80) si faccia un giro su Twitter (@Fbiasin).


Altre notizie - Le Interviste
Altre notizie
 

ZOLA: "BENITEZ PORTERÀ LO SCUDETTO A NAPOLI. MI RIVEDO IN MERTENS, CALLEJON ED INSIGNE"

Fu tra i protagonisti assoluti del secondo scudetto, il suo sacrificio - con il trasferimento al Parma - servì al Napoli di Ferlaino per non fallire. Insomma, quando parliamo di Gianfranco Zola, facciamo riferimento sempre e comunque ad un pezzo molto importante della stor...

ESCLUSIVA – MARIO SUÁREZ IPOTESI POSSIBILE, MA DUE FATTORI RENDONO COMPLESSA LA TRATTATIVA

Il mercato del Napoli è già in fermento in vista di una stagione nella quale gli azzurri dovranno trovare maggi...

MANDARINI: "DIFFICOLTÀ HAMSIK DOVUTE AL PRIMO INFORTUNIO SERIO DELLA CARRIERA, VOGLIO RIBADIRE UNA COSA"

Fabio Mandarini, giornalista del Corriere dello Sport, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Goal. Ecco qu...

SOMMA: "MAZZARRI POTREBBE CHIEDERE HAMSIK, LAMELA SOSTITUTO IDEALE"

Mario Somma, allenatore, ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Goal. Ecco quanto evidenziato da TuttoNapol...

APPUNTAMENTO QUOTIDIANO CON CLUB NAPOLI ALL NEWS. LIVE DALLE 15:30 - VERAMENTE HAMSIK POTREBBE ANDARE VIA?

Consolidato appuntamento con Club Napoli Allnews. Puntuale dalle 15:30 e fino alle 19:20 il magazine sportivo vi accompa...

ADL FA GLI AUGURI A BENITEZ: "PRIMO COMPLEANNO A NAPOLI TRA LA STIMA E L'AFFETTO DI TUTTI"

Tramite il suo profilo Twitter, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha rivolto i suoi auguri a Rafael Benitez, man...

PELILLO...NELL'UOVO - ALMENO 5 COLPI, GRANDI MANOVRE PER BIGON

Occhi sul futuro per il Napoli di Benitez. Il terzo posto è vicino e la finale, in quanto tale, farà storia a s...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 17 Aprile 2014.
 
Juventus 87
 
Roma 79
 
Napoli 67
 
Fiorentina 58
 
Inter 53
 
Parma 51
 
Torino 48
 
Milan 48
 
Lazio 48
 
Atalanta 46
 
Hellas Verona 46
 
Sampdoria 41
 
Genoa 39
 
Udinese 38
 
Cagliari 33
 
Chievo Verona 30
 
Bologna 28
 
Livorno 25
 
Sassuolo 25
 
Catania 20

   Editore: TC&C SRL Norme sulla privacy