VERSIONE MOBILE
tmw
 Martedì 23 Settembre 2014
LE INTERVISTE
24 Set 2014 20:45
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Napoli   Palermo
[ Precedenti ]
TUTTONAPOLI AWARD - SCEGLI IL MIGLIORE AZZURRO IN CAMPO CON L'UDINESE
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

LE INTERVISTE

Biasin: "A causa della vicenda di Conte c'è stato il rifiuto di Van Persie"

Tira aria pesante in casa Juventus dopo il mancato patteggiamento di Conte per la vicenda Calciopoli
07.08.2012 08:00 di Redazione Tutto Napoli.net - @tuttonapoli  articolo letto 6709 volte
Fonte: di Fabrizio Biasin per tuttomercatoweb.com
© foto di Fabrizio Biasin

C'era una volta l'estate, mese dell'ormone a mille, della fidanzatina che durava dieci giorni e poi tanti saluti, dei saldi e degli affaroni a poco prezzo (si fa per dire...). Non per niente nelle grandi città il primo giorno dei ribassi si creavano file apocalittiche davanti a quelle vetrine che il resto dell'anno fanno tremare il portafoglio solo a guardarle. I saldi del calciomercato, invece, iniziavano sempre un po' più tardi, con i tifosi al mare a sbranare i quotidiani sotto l'ombrellone con il motto: "Meno colpi di sole e più colpi all'Atahotel, mortacci vostra!".

Ebbene questo mondo non c'è più, messo da parte come i Calippo a mille lire (o i Fior di Fragola, o il Cono Palla, o il Twister) e il calciobalilla che andava con le monete da 500. Oggi, se ti va bene, fare una partitina a biliardino ti costa un euro con la maledetta inflazione che c'è. L'inflazione nel calciomercato ce l'hanno portata quei ricconi degli arabi. In principio furono quelli del Manchester City, abilissimi a scippare alla nostra Serie A Kolarov e Balotelli per far felice Roberto Mancini. Per il resto hanno arricchito le casse delle altre squadre inglesi o di qualche fortunato club spagnolo. Poi sono arrivati gli altri arabi, quelli che hanno preso casa sotto la Tour Eiffel, troppo vicini a noi per non creare guai. Hanno cominciato con Pastore e Sirigu facendo la felicità di Zamparini, quindi hanno convinto Leonardo a mollare Milano (alla faccia del povero Moratti) per tornare a fare il dirigente. Infine hanno ingaggiato quel fenomeno di Carletto Ancelotti, che strafatto di nostalgia rossonera s'è portato a Parigi i pezzi pregiati della gioielleria-Milan. I petrolieri impiccioni hanno infine deciso di fare un altro sgarbo al collega Moratti e gli hanno soffiato sotto il naso il gioiellino Lucas, inseguito da un anno abbondante da Branca & c. e negli ultimi giorni vicinissimo ai nerazzurri. Ma i dirigenti nostrani, piaccia o non piaccia, al giorno d'oggi devono saper far di conto: per l'attaccante del San Paolo erano disposti a mollare fino a 30 milioni, non di più (ed era già un'esagerazione). Leonardo invece è arrivato brillantissimo dai dirigenti verdeoro con una valigetta piena di palanche: 45 milioni uno sull'altro per un pupo di vent'anni. E Lucas da «incedibile» è stato impacchettato.

Bene ha fatto l'Inter a mollare l'asta, ché i soldi in arrivo dall'Oriente non vanno buttati via col primo brasiliano ottimamente pubblicizzato (alle Olimpiadi gioca dieci minuti a partita...).

A proposito, l'affare con il colosso cinese delle costruzioni è il vero capolavoro di Moratti da quando ha deciso di "fare" calcio. In un modo o nell'altro è il primo patron a entrare nell'era della Serie A 2.0 aprendo alla partnership milionaria con i cinesi. Soldi da una parte e il supporto della Crcc nella costruzione del nuovo stadio, il passo più urgente per chiudere il gap con la Juventus, perché sul campo i conti sono tutti da fare. Soprattutto perché il rinato Coutinho dà molte più garanzie di Lucas, che sarebbe arrivato in ogni caso solo a gennaio. I nerazzurri in ogni caso hanno bisogno di un altro rinforzo a centrocampo (Gargano così triste sul Golfo è molto più di una possibilità) e hanno in mano una carta ottima per raggiungere l'obiettivo senza sforzo, Pazzini, che a sua volta farebbe di tutto pur di finire a Torino in un curioso scambio con Quagliarella.

Le carte sembrano mancare invece al Milan, che - perdonate la battutaccia da terza elementare - al momento abbonda solo di... carta igienica. La stupidata è trita e ritrita, ma torna d'attualità con la nuova corte a Kakà, a Diarra e al difensore Nkoulu. Il figlioccio di Berlusconi, se starà bene, potrebbe ridare speranze a un ambiente depresso dalle cessioni di Thiago e Ibra. Con il Real si tratta alla grande (in particolare da domani, dopo l'amichevole di New York) e anche con il giocatore i rapporti sono ottimi. Potrebbero non esserli quelli tra Ricardo e il suo futuro allenatore: «Lo impiegherei alla Pirlo», ha preannunciato Allegri. Un'idea che al brasiliano potrebbe far... Kakà.

Tira aria pesante in casa Juventus dopo il mancato patteggiamento di Conte per la vicenda Calciopoli. Il vice del bell'Antonio, Stellini, si è dimesso e si vocifera che il tecnico bianconero sia pronto a cambiare collegio difensivo per il secondo grado del processo sportivo. Un'idea arrivata direttamente dai piani alti di Corso Galileo Ferraris, dove le vicende giudiziarie dell'allenatore stanno creando non pochi problemi. In particolare sul mercato in lieve ma sensibile "frenata": le accuse sportive hanno fatto saltare la trattativa con Van Persie (che ora sembra voler restare all'Arsenal). Chiusa una porta, si riapre un portone: quello di Dzeko, che manda messaggi d'amore alla Serie A. Di mezzo, però, ci sono ancora gli sceicchi che dovrebbero prendere un altro attaccante (Higuain?) prima di liberare il bosniaco. Maledetti, assatanati, arrogantissimi sceicchi.

P.s. Per la regolarità del calcio (e non stiamo parlando di fair play) non resta che tifare tutti insieme  per un futuro pieno di "casi Malaga". Non stiamo parlando di gelati fantastici e non più in produzione tipo il Maxistecco, ma del club spagnolo lasciato da un giorno all'altro con il proverbiale sedere per terra dall'ex proprietario arabo. Il tutto a poche settimane dall'esordio in Champions League. Chi vuole gufare con me (o mangiarsi un gelato Anni 80) si faccia un giro su Twitter (@Fbiasin).


Altre notizie - Le Interviste
Altre notizie
 

CIRO ESPOSITO, IL LEGALE: “DE SANTIS MAI ACCOLTELLATO, IL REFERTO DEL GEMELLI NON RIPORTA NULLA. HA SPARATO E S'È PURE RIALZATO. VICENDA CON TANTE FALLE”

Intervistato da Radio Kiss Kiss Napoli, l’avvocato Angelo Pisani è tornato sulla vicenda legata alla morte di Ciro Esposito. Queste le parole del legale: ”Abbiamo l’impegno con la città di Napoli, rispetto per la nostra terra e per il ragazzo morto...

IL RITARDO DEI FATTI, TRA AMAREZZA E FRUSTRAZIONE. AL BANDO LE CHIACCHIERE, ORA SERVONO GLI UOMINI...

Questa volta è proprio difficile dare una spiegazione alla sconfitta di Udine. E non solo perchè sul campo il Napoli è riuscito a ridare animo ad un avversario impalpabile, spaventato, piccolino. E' una costante sensazione di ritardo quella che forni...
Napoli-Athletic Bilbao 1-1

SKY, MODUGNO: "I TIFOSI ORA ATTACCANO BENITEZ. LA FORMAZIONE DI UDINE ERA UN OBBROBRIO!"

Francesco Modugno, collega di Sky Sport, ha rilasciato alcune dichiarazioni in diretta durante l’edizione serale di...

MERCATO NO STOP - INDISCREZIONI, TRATTATIVE E RETROSCENA DEL 21 SETTEMBRE

JUVE: PARATICI SEGUE I TALENTI IN ORBITA BIANCONERA. ROMA: STROOTMAN ANCORA NEL MIRINO DELLO UNITED, BALDISSONI CHIUDE ALLA...

SLOVAN BRATISLAVA, ARRIVA L'OK DELL'UEFA: CONTRO IL NAPOLI SI GIOCHERÀ REGOLARMENTE ALLO STADIO PASIENSKY

L'Uefa ha dato parere favorevole allo Slovan Bratislava per giocare le gare interne di Europa League allo stadio...

ROMA, GERVINHO FISSA L'OBIETTIVO: "VOGLIO SCUDETTO E COPPA D'AFRICA"

(ANSA)-ROMA,22SET-"Obiettivo principale di questa stagione? Primo, vincere la Coppa d'Africa.E secondo conquistare...

CLUB NAPOLI ALLNEWS LIVE - COMMENTIAMO LO SCIVOLONE DI UDINE - LINEE APERTE, SCRIVI SU WHATSAPP

Consolidato appuntamento con Club Napoli Allnews. Puntuale dalle 15:30 e fino alle 19:30 torna il magazine sportivo...

PRIMAVERA, LUPERTO È RECIDIVO: SECONDA ESPULSIONE IN QUATTRO GIORNI

A Palermo Sebastiano Luperto ha rimediato la seconda espulsione consecutiva dopo quella ricevuta mercoledì scorso in...

DUE SCONFITTE CONSECUTIVE NELLE PRIME TRE GIORNATE: NON ACCADEVA DAL 2000-2001

Due sconfitte nelle prime tre gare di Serie A non si vedevano dai tempi del Napoli di Donadoni (intervallate dalla vittoria...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 23 Settembre 2014.
 
Roma 9
 
Juventus 9
 
Hellas Verona 7
 
Milan 6
 
Udinese 6
 
Inter 5
 
Sampdoria 5
 
Atalanta 4
 
Genoa 4
 
Fiorentina 4
 
Cesena 4
 
Lazio 3
 
Parma 3
 
Chievo Verona 3
 
Napoli 3
 
Palermo 2
 
Sassuolo 2
 
Cagliari 1
 
Empoli 1
 
Torino 1

   Editore: TC&C SRL Norme sulla privacy