VERSIONE MOBILE
TMW  
 Domenica 29 Maggio 2016
RASSEGNA STAMPA
TONELLI IL PRIMO COLPO: È LUI L'UOMO GIUSTO PER COMPLETARE IL PACCHETTO DIFENSIVO?
  
  

RASSEGNA STAMPA

Ecco cosa fanno le glorie di 25 anni fa: Garella il manager, Sola l'operaio e De Napoli...

Alcuni, in particolare, si sono dedicati ad attività un po' più distanti da scatti e punizioni, da rigori e rimesse laterali
10.05.2012 16:00 di Redazione Tutto Napoli.net  articolo letto 32834 volte
Fonte: Il Mattino
© foto di Andrea Pasquinucci
Ecco cosa fanno le glorie di 25 anni fa: Garella il manager, Sola l'operaio e De Napoli...

Il profilo di oggi? Forse un po’ meno statuario di allora. Qualche chiletto che avanza - per carità, non in tutti -. Qualche stempiatura - quella sì si nota - e qualche nuvola d’argento che imbianca i capelli. Ma che fine hanno fatto i nostri undici del primo scudetto? I campioni del tricolore del 10 maggio 1987? Di alcuni di loro sappiamo tutto. Quasi ogni giorno. Si parla di Diego Armando Maradona che allena l’Al Wasl a Dubai, dopo aver guidato l’Argentina ai Mondiali, sappiano tantissimo anche di super Ciro Ferrara, asso della difesa napoletana, poi anche capitano, poi ex allenatore della Juventus e oggi ct dell’under 21. E tantissimo anche si parla di Salvatore Bagni, apprezzato sia come opinionista che come consulente di mercato. Molti altri di quella storica impresa, le care vecchie glorie - in gran parte - non hanno certo perso il vizio, la passione calcistica: sono rimasti nell’ambiente, per capirci. Ed hanno continuato nel calcio affermandosi a pieno in altri ruoli. Qualcuno invece ha cambiato decisamente rotta. Ma sempre - sia chiaro - restando osservante del fuoco sacro del Dio pallone.

Alcuni, in particolare, si sono dedicati ad attività un po’ più distanti da scatti e punizioni, da rigori e rimesse laterali. È il caso di Nando De Napoli - da Chiusano San Domenico - invalicabile diga di centrocampo degli azzurri e della Nazionale che oggi è titolare di una enoteca in Emilia Romagna, altra singolare storia è quella di Luciano Sola da Seregno, centrocampista allora ed oggi operaio nel settore dei vetri. Ed ha cambiato decisamente genere anche Tebaldo Bigliardi, ex difensore azzurro, ora nel settore turistico: gestisce infatti un agriturismo in provincia di Messina. Moltissimi, praticamente tutti gli altri, sono rimasti nel calcio. Come - ad esempio - le due «saracinesche» azzurre: Claudio Garella, l’ex portiere dalle proverbiali uscite di piede: oggi gestisce la scuola calcio Barracuda che gravita nell’area Chievo è invece allenatore Raffaele Di Fusco, l’altro portiere. Andiamo alla linea difensiva con Giuseppe Bruscolotti, l’arcigno terzino che è sì ristoratore e anche titolare di un’agenzia di scommesse, ma - se non bastasse - è anche titolare di una scuola calcio ed apprezzato opinionista.

La fortissima difesa di allora schierava ovviamente Ciro Ferrara, di cui si è detto, Antonio Carannante, anche lui allenatore, Giuseppe Volpecina, ex terzino sinistro e oggi direttore tecnico della Boys Caserta, ed altri due super big: Moreno Ferrario, osservatore per conto del Novara e Alessandro Renica tenico del Trissino. Con loro in reparto anche Massimo Filardi, oggi agente di giocatori. Gli avversari del Napoli avevano guai seri anche quando dovevano tentare di scavalcare la mediana azzurra. Interdizione, scatti, rilanci eseguiti quasi a occhi chiusi da campioni del calibro di Bagni, di Francesco Romano, centrocampista famoso anche per i suoi schemi di regista, e oggi agente di calciatori e opinionista, con loro anche il caprese Costanzo Celestini, oggi allenatore.

E poi c’erano altri napoletani nel centrocampo dello scudetto 1987: Luigi Caffarelli, ora dirigente del settore giovanile del Napoli e quindi Ciro Muro, che oggi allena gli allievi del Napoli. Di quella mediana faceva parte ancora Pietro Puzone, napoletano di Acerra oggi opinionista televisivo. Infine l’attacco. Cosa dire di Diego Maradona? Per lui hanno parlato le cifre dei gol, gli scudetti, le coppe e le magie. Poi la scelta di continuare da allenatore. E come dimenticare le magie di Bruno Giordano, il super bomber arrivato dalla Lazio e più volte punta della Nazionale? Neanche il trasteverino, di fatto, ha appeso le scarpette al chiodo: anzi ha intrapreso anche lui la carriera di tecnico ed è tra gli opinionisti più gettonati. A mettere il sigillo del Napoli sullo scudetto 1987 fu un altro grandissimo attaccante: Andrea Carnevale. Punta moderna dava il suo prezioso contributo anche in copertura, più volte convocato in Nazionale. Fu proprio lui a firmare la rete del Napoli contro la Fiorentina nella gara decisiva finita 1-1. Oggi Carnevale è responsabile dell’area tecnica dell’Udinese. Ma, come dimenticare Ottavio Bianchi? Architetto di quella vittoria e poi del successo in Coppa Italia e quindi della conquista della Coppa Uefa. Bianchi - peraltro ex calciatore del Napoli - ha continuato a lungo la carriera di tecnico, ha diretto anche Inter e Roma. Altre squadre stellari, come quel Napoli di 25 anni fa.


Altre notizie - Rassegna Stampa
Altre notizie
 

L'INEDITO SARRI - IL GESTO SCARAMANTICO PRIMA DI OGNI PARTITA E IL RETROSCENA DELLA MULTA PER…LE SCARPE

L'INEDITO SARRI - Il gesto scaramantico prima di ogni partita e il retroscena della multa per…le scarpeSe un giorno dovesse capitarvi di dialogare con Maurizio Sarri nel tunnel che dagli spogliatoi conduce al terreno di gioco del San Paolo, a metà percorso sarete costretti ad una deviazione. Il rettangolo verde - quello delimitato dalle classiche strisce bianche – &eg...

ESCLUSIVA – DUMITRU: “VALGO ANCORA IL NAPOLI! CHE UMILTÀ HIGUAIN: A DIMARO ERO IMBARAZZATO. TONELLI, TI DO UN CONSIGLIO. SU SARRI, VALDIFIORI ED HYSAJ…”

ESCLUSIVA – Dumitru: “Valgo ancora il Napoli! Che umiltà Higuain: a Dimaro ero imbarazzato. Tonelli, ti do un consiglio. Su Sarri, Valdifiori ed Hysaj…”Dopo una lunga (e piacevole) chiacchierata, Nicolao Dumitru appare così: semplice e diretto. Soprattutto consapevole....

CHAMPIONS, IL TOTTENHAM SI TRASFERIRÀ A WEMBLEY: LAVORI D'AMPLIAMENTO A WHITE HART LANE

Champions, il Tottenham si trasferirà a Wembley: lavori d'ampliamento a White Hart LaneIl Tottenham giocherà la gare di Champions League della prossima stagione a Wembley. Gli Spurs infatti hanno raggiunto...

MILAN, GALLIANI SPEGNE I SOGNI: "IL PROBLEMA NON È INCONTRARE RAIOLA, MA PAGARE IBRAHIMOVIC"

Milan, Galliani spegne i sogni: "Il problema non è incontrare Raiola, ma pagare Ibrahimovic"Adriano Galliani interviene in diretta a Premium Sport. "Porterò sempre con me Barcellona '89, una gara...

FOTO - MERTENS DOPO IL SUCCESSO SULLA SVIZZERA: "TORNIAMO IN BELGIO CON UNA VITTORIA"

FOTO - Mertens dopo il successo sulla Svizzera: "Torniamo in Belgio con una vittoria"Dries Mertens ha vinto con il Belgio nell'amichevole contro la Svizzera terminata con il successo per 2-1 sul campo...

PRIMAVERA, COLPO PER LA YOUTH LEAGUE: IN PROVA IL CLASSE '98 MATTEO PIRAZZI DELL'APRILIA

Primavera, colpo per la Youth League: in prova il classe '98 Matteo Pirazzi dell'ApriliaLa società F.C. Aprilia rende noto che, su richiesta della società S.S.C. Napoli, Matteo Pirazzi si...

OGGI AVVENNE - LA SSC NAPOLI RICORDA UN PAREGGIO CON LA JUVENTUS FIRMATO MIKE

Oggi avvenne - La SSC Napoli ricorda un pareggio con la Juventus firmato MikeIl giorno 25 maggio il Napoli ha giocato sei partite, tutte in serie A, senza mai vincere: due pareggi e quattro sconfitte....
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 29 Maggio 2016.
 
Juventus 91
 
Napoli 82
 
Roma 80
 
Inter 67
 
Fiorentina 64
 
Sassuolo 61
 
Milan 57
 
Lazio 54
 
Chievo Verona 50
 
Empoli 46
 
Genoa 46
 
Torino 45
 
Atalanta 45
 
Bologna 42
 
Sampdoria 40
 
Palermo 39
 
Udinese 39
 
Carpi 38
 
Frosinone 31
 
Hellas Verona 28

   Editore: TC&C SRL Norme sulla privacy | Cookie policy   
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI