VERSIONE MOBILE
tmw
 Sabato 25 Ottobre 2014
RASSEGNA STAMPA
26 Ott 2014 18:00
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Napoli   Hellas Verona
[ Precedenti ]
TUTTONAPOLI AWARD - SCEGLI IL MIGLIORE AZZURRO IN CAMPO CON LO YOUNG BOYS
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

RASSEGNA STAMPA

L'appello di Pepito: "L'Italia mi manca più di quanto le manchi io"

L'attaccante del Villarreal vuole tornare in Italia
18.06.2012 10:40 di Redazione Tutto Napoli.net  articolo letto 5511 volte
Fonte: Gazzetta dello Sport
© foto di Alterphotos/Image Sport

Gli manca non essere qui, tanto (e però mai tanto quanto sta mancando lui). Giuseppe Rossi ci pensa ogni volta che stringe i denti per il dolore, o per la fatica, chiedendo a quel ginocchio destro di tornare quello di prima; ogni volta che ascolta l’inno italiano e vede compagni in maglia azzurra da troppo lontano per non rimasticare rimpianti. "Certo che è dura—dice—è durissima. Però nel calcio capita e non mi deprimo, anche perché non servirebbe: l’unica cosa che posso fare è immaginare già quando quella maglia potrò rimetterla".

Cesare Prandelli invece ci pensa da quando quel legamento crociato di Rossi si è spezzato per la prima volta, e poi una seconda, ed è stato allora che ha capito che nulla sarebbe stato più come prima: Pepito era ed è l’attaccante ideale per il suo calcio, e farne a meno è stato il primo dover ricominciare dei tanti ai quali il c.t. si è dovuto rassegnare, suo malgrado. Twitter e dintorni L’Italia di Giuseppe Rossi in questi giorni è la schiavitù di partite da guardare seduto davanti alla tv, accesa calcolando una differenza di sei ore di fuso.

L’unica libertà è quella di tweettare: rigorosamente live, in diretta, GiuseppeRossi22 scrive cose tipo "Pirloooooo....", come pochi secondi dopo il gol su punizione dell’1-0 alla Croazia. Pepito in questo periodo è negli States, a Teaneck, New Jersey, un sobborgo dell'area metropolitana di New York, dove è nato e dove vivono tuttora i suoi genitori. E’ lì in vacanza, ma vacanza è una parola grossa: "La mattina salgo in macchina, mi faccio venti minuti- mezzora e arrivo a New York City, dove ci sono tre palestre diverse che mi aspettano: quasi tre ore al giorno di terapie e rieducazione, cinque giorni su sette, con lo stesso fisioterapista che collaborava con Beckham quando venne al Milan».

L’unico futuro certo di Giuseppe Rossi è questo: "Lavoro, lavoro e ancora lavoro". L’unica destinazione certa è il suo obiettivo: tornare a metà della prossima stagione. Dove, si vedrà: dipenderà da chi avrà la fiducia di rilevare già adesso il suo contratto (2016), pagando al Villarreal retrocesso in Segunda Division una cifra (10-15 milioni) che potrebbe diventare un affare, per chi crederà ancora ad un attaccante che fra un paio d’anni potrebbe valerne di nuovo 30. Nel frattempo Rossi pensa solo a tornare il giocatore che era, mentre il suo Europeo mancato è diventato un nuovo, faticoso destino: quello di tifare a distanza. Rossi, si sente più grande assente o più grande rimpianto? "Manca più l’Italia a me di quanto mancoio all’Italia, questo è sicuro. Sognavo questo Europeo da un sacco, con Prandelli e i ragazzi avevamo lavorato tanto e bene per un anno e mezzo, ci eravamo arrivati. Stavolta ha vinto la sfortuna, è andata così: inutile pensarci ancora".

Opinione comune: con Giuseppe Rossi sarebbe stato tutto più facile. "Non dite che manco io, non c’entra niente: è capitato anche a me di stare periodi più o meno lunghi senza segnare, l’importante è continuare a giocare per la squadra. Io mi fido di Mario, di Antonio, di Di Natale se giocherà lui: mi fido di tutti gli attaccanti che ha portato Prandelli. Continuando a giocare così, contro l’Irlanda i gol arriveranno". E se non dovessero bastare per colpa di Spagna e Croazia? "So che in Italia si parla molto di biscotto, ma io gli spagnoli li conosco: vivo lì, gioco in quel campionato, conosco la mentalità, come ragionano, come sentono il calcio".


Altre notizie - Rassegna Stampa
Altre notizie
 

BENITEZ: "CONTESTAZIONE? I GIORNALI HANNO ESAGERATO. CRITICHE ESAGERATE PER UN KO DOPO QUATTRO RISULTATI UTILI E TURNOVER NECESSARIO. GOL SUBITI? NON CAMBIO STILE. IL PROGETTO..."

13.32 - Termina la conferenza stampa Problema maggiormente mentale dopo l'eliminazione di Bilbao? "Ora noi dobbiamo concentrarci sulle partite e sfruttare la rosa. L'ho fatto tutta la mia vita e lo faccio anche adesso, bisogna dare il 100%. Lo ripeto, io ho vinto ...

VIDEO - CONTESTAZIONE AL PULLMAN, SPUNTANO ALTRI VIDEO: QUALCHE PUGNO, MA NIENTE SPRANGHE E VETRI ROTTI

Girano in rete da qualche minuto altri video inediti che mostrano i tifosi azzurri inveire contro il pullman del Napoli al termine della gara persa contro lo Young Boys. Alcuni "tifosi" azzurri, col volto coperto come evidenziato dal secondo video, sbattono le...

VIDEO - LA METAFORA DI BENITEZ: "NOI NON NUOTIAMO PER MORIRE SULLA SPIAGGIA..."

Ecco un estratto dalla conferenza stampa di Rafa Benitez tenuta oggi a Castelvolturno: "In spagnolo diciamo nuotiamo...

SPORTMEDIASET - HIGUAIN DELUSO MEDITA L'ADDIO GIÀ A GENNAIO. ADL SAREBBE DISPOSTO A LASCIARLO

Sirene inglesi per Higuain. Lo scrive Sportmediaset sul suo portale online. "Gonzalo Higuain - si legge -,...

YOUNG BOYS, BERTONE: "CHE EMOZIONE IL GOL! HO ORIGINI SALERNITANE, MA TIFO MILAN"

Leonardo Bertone, centrocampista dello Young Boys che ha segnato il secondo gol degli svizzeri, è intervenuto ai...

SAMPDORIA-ROMA 0-0: IL MURO BLUCERCHIATO BLOCCA GLI UOMINI DI GARCIA

Pareggio senza reti a Genova tra Sampdoria e Roma, al termine di una gara molto tattica ed intensa dal punto di vista...

FOTO - IL MATTINO: “VERGOGNA EUROPEA, YOUNG BOYS INCONTENIBILE”

L’edizione online de Il Mattino attacca il Napoli dopo la figuraccia a Berna. Questa la homepage del quotidiano...

PRIMAVERA, IL NAPOLI MANTIENE L'IMBATTIBILITÀ: A CATANIA SUCCEDE DI TUTTO MA FINISCE 1 A 1

Rabbia e rimpianti accompagneranno il ritorno a casa degli azzurrini dalla trasferta etnea. A Catania il Napoli Primavera si...

UOMINI SOLI: LE COLPE DI DE LAURENTIIS, BENITEZ E DELLA SQUADRA

DELA, coi suoi silenzi dopo un Pre campionato di sorrisi e promesse, in quell’ambiente unico di Dimaro dove migliaia di...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 25 Ottobre 2014.
 
Juventus 19
 
Roma (1) 19
 
Sampdoria (1) 16
 
Milan 14
 
Udinese 13
 
Lazio 12
 
Napoli 11
 
Hellas Verona 11
 
Inter 9
 
Genoa 9
 
Fiorentina 9
 
Cagliari (1) 8
 
Torino 8
 
Empoli (1) 7
 
Atalanta 7
 
Sassuolo (1) 7
 
Cesena 6
 
Palermo 6
 
Chievo Verona 4
 
Parma (1) 3

   Editore: TC&C SRL Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.