VERSIONE MOBILE
tmw
 Domenica 21 Dicembre 2014
RASSEGNA STAMPA
22 Dic 2014 18:30
Supercoppa TIM 2014
  VS  
Juventus   Napoli
[ Precedenti ]
TUTTONAPOLI AWARD - SCEGLI IL MIGLIORE AZZURRO IN CAMPO CON LA JUVENTUS
  
  

RASSEGNA STAMPA

L'appello di Pepito: "L'Italia mi manca più di quanto le manchi io"

L'attaccante del Villarreal vuole tornare in Italia
18.06.2012 10:40 di Redazione Tutto Napoli.net  articolo letto 5541 volte
Fonte: Gazzetta dello Sport
© foto di Alterphotos/Image Sport

Gli manca non essere qui, tanto (e però mai tanto quanto sta mancando lui). Giuseppe Rossi ci pensa ogni volta che stringe i denti per il dolore, o per la fatica, chiedendo a quel ginocchio destro di tornare quello di prima; ogni volta che ascolta l’inno italiano e vede compagni in maglia azzurra da troppo lontano per non rimasticare rimpianti. "Certo che è dura—dice—è durissima. Però nel calcio capita e non mi deprimo, anche perché non servirebbe: l’unica cosa che posso fare è immaginare già quando quella maglia potrò rimetterla".

Cesare Prandelli invece ci pensa da quando quel legamento crociato di Rossi si è spezzato per la prima volta, e poi una seconda, ed è stato allora che ha capito che nulla sarebbe stato più come prima: Pepito era ed è l’attaccante ideale per il suo calcio, e farne a meno è stato il primo dover ricominciare dei tanti ai quali il c.t. si è dovuto rassegnare, suo malgrado. Twitter e dintorni L’Italia di Giuseppe Rossi in questi giorni è la schiavitù di partite da guardare seduto davanti alla tv, accesa calcolando una differenza di sei ore di fuso.

L’unica libertà è quella di tweettare: rigorosamente live, in diretta, GiuseppeRossi22 scrive cose tipo "Pirloooooo....", come pochi secondi dopo il gol su punizione dell’1-0 alla Croazia. Pepito in questo periodo è negli States, a Teaneck, New Jersey, un sobborgo dell'area metropolitana di New York, dove è nato e dove vivono tuttora i suoi genitori. E’ lì in vacanza, ma vacanza è una parola grossa: "La mattina salgo in macchina, mi faccio venti minuti- mezzora e arrivo a New York City, dove ci sono tre palestre diverse che mi aspettano: quasi tre ore al giorno di terapie e rieducazione, cinque giorni su sette, con lo stesso fisioterapista che collaborava con Beckham quando venne al Milan».

L’unico futuro certo di Giuseppe Rossi è questo: "Lavoro, lavoro e ancora lavoro". L’unica destinazione certa è il suo obiettivo: tornare a metà della prossima stagione. Dove, si vedrà: dipenderà da chi avrà la fiducia di rilevare già adesso il suo contratto (2016), pagando al Villarreal retrocesso in Segunda Division una cifra (10-15 milioni) che potrebbe diventare un affare, per chi crederà ancora ad un attaccante che fra un paio d’anni potrebbe valerne di nuovo 30. Nel frattempo Rossi pensa solo a tornare il giocatore che era, mentre il suo Europeo mancato è diventato un nuovo, faticoso destino: quello di tifare a distanza. Rossi, si sente più grande assente o più grande rimpianto? "Manca più l’Italia a me di quanto mancoio all’Italia, questo è sicuro. Sognavo questo Europeo da un sacco, con Prandelli e i ragazzi avevamo lavorato tanto e bene per un anno e mezzo, ci eravamo arrivati. Stavolta ha vinto la sfortuna, è andata così: inutile pensarci ancora".

Opinione comune: con Giuseppe Rossi sarebbe stato tutto più facile. "Non dite che manco io, non c’entra niente: è capitato anche a me di stare periodi più o meno lunghi senza segnare, l’importante è continuare a giocare per la squadra. Io mi fido di Mario, di Antonio, di Di Natale se giocherà lui: mi fido di tutti gli attaccanti che ha portato Prandelli. Continuando a giocare così, contro l’Irlanda i gol arriveranno". E se non dovessero bastare per colpa di Spagna e Croazia? "So che in Italia si parla molto di biscotto, ma io gli spagnoli li conosco: vivo lì, gioco in quel campionato, conosco la mentalità, come ragionano, come sentono il calcio".


Altre notizie - Rassegna Stampa
Altre notizie
 

UN MESE SENZA GOL, HIGUAIN A CACCIA DI SÉ STESSO CON DIEGO SULLO SFONDO: CON LA JUVE PER UNA PRIMA VOLTA

Un digiuno che fa rumore. La tripletta siglata al Verona nel 6-2 del San Paolo sembrava aver definitivamente sbloccato il Pipita dall’astinenza di reti iniziale in campionato, nonostante i tre gol siglati in precedenza contro l’Athletic Bilbao nel playoff Champions e ...

UNA FRASE DI HIGUAIN RACCONTA IL SUO NERVOSISMO. MA A DOHA SI PUÒ RIPARTIRE

“Non ho molta voglia di parlare, il Napoli deve giocare la Champions. Dobbiamo vincere mercoledì”. La frustrazione di Gonzalo Higuain, sempre più evidente nelle ultime settimane, nasce tutta da questa frase. Era il 19 agosto scorso, gli azzurri avevano a...

RAFFAELE LONGO A TN: "SUPERCOPPA? IL NAPOLI SE LA GIOCA ALLA PARI CON LA JUVENTUS"

Raffaele Longo, napoletano doc, ed ex di Napoli e Parma, ha parlato a tuttonapoli.net anche della finale di...

JUVE, PER LA DIFESA IL PRIMO OBIETTIVO È L'EX AZZURRO ROLANDO: CONTATTI AVVIATI CON IL PORTO

Un ex azzurro per la difesa bianconera. Tanti i nomi di difensori accostati alla Juventus - si legge su TWM...

SÜPER LIG, IL TRABZONSPOR BATTE 3 A 2 IL RIZESPOR: DOPPIETTA PER SEFA YILMAZ

La sfida Trabzonspor-Rizespor ha chiuso ieri sera la 13^ giornata del campionato turco. I prossimi avversari del Napoli...

SAMP, MIHAJLOVIC: "GABBIADINI NON HA FIRMATO CON IL NAPOLI. E' NOSTRO E CE LO GODIAMO"

Intervistato da Sky Sport, l'allenatore della Sampdoria Sinisa Mihajlovic analizza così il pareggio ottenuto oggi...

VIDEO - ULTIMO ALLENAMENTO DEGLI AZZURRI ALL'AL-SADD: ECCO LE IMMAGINI DA DOHA

Ultimo allenamento all'Al-Sadd per gli azzurri in vista della sfida di Supercoppa di domani con la Juventus. Ecco il...

PRIMAVERA, LIIVAK SALUTA: "GRAZIE NAPOLI PER AVER ACCOLTO LA MIA RICHIESTA". IL FUTURO SARÀ IN SPAGNA

Saluti e ringraziamenti a città e squadra. Come si legge su TMW, nei giorni scorsi si è conclusa...

IL NAPOLI È SULLE SPALLE DI DUVÀN ZAPATA. ORA SI CHIUDA BENE IL 2014

Fiorentina-Napoli 0-1, gol di Higuain: era il 9/11/2014. Da allora, solo una vittoria in Europa League contro lo Slovan...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 21 Dicembre 2014.
 
Juventus 39
 
Roma 36
 
Napoli 27
 
Sampdoria 27
 
Lazio (-1) 26
 
Genoa 26
 
Milan 25
 
Fiorentina 24
 
Udinese 22
 
Palermo 22
 
Inter (-1) 20
 
Sassuolo 20
 
Empoli 17
 
Torino 17
 
Hellas Verona 17
 
Chievo Verona 16
 
Atalanta 15
 
Cagliari 12
 
Cesena 9
 
Parma 6*
Penalizzazioni
 
Parma -1

   Editore: TC&C SRL Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.