VERSIONE MOBILE
tmw
 Mercoledì 1 Aprile 2015
RUBRICHE
04 Apr 2015 12:30
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Roma   Napoli
[ Precedenti ]
TUTTONAPOLI AWARD - SCEGLI IL MIGLIORE AZZURRO IN CAMPO CON LA ROMA
  
  

RUBRICHE

Pelillo...nell'uovo - Dallo spremiagrumi alla coperta corta, ecco il black-out

A cura di Marcello Pelillo
14.04.2012 08:52 di Marcello Pelillo  articolo letto 7482 volte
© foto di Nicolo' Zangirolami/Image Sport

La crisi del Napoli è ormai annunciata. Il Napoli è scoppiato, non si regge più in piedi, barcolla e molla sotto i colpi degli avversari, che si chiamino Juventus o Atalanta. I tifosi sono increduli, non riescono a spiegarsi un crollo verticale dopo le soddisfazioni di coppa. Si chiedono come possa questo Napoli riuscire in grandi imprese, e in altrettante disfatte. L'incredulità scatena la fantasia dei sostenitori, lasciando partorire le idee più bizzarre, più "strane", che nel calcio di oggi non lo sono, poi, così tanto. Ombre da scacciare via, perché si rischia di mettere in discussione la credibilità di un gruppo che merita soltanto rispetto. La verità è che il Napoli è una squadra atipica, con dei calciatori che hanno delle qualità ben definite, ma non proprio diffuse, e che la rendono, pertanto, imprevedibile. Per questo motivo, la squadra è in grado di compiere grandi imprese, di battere chiunque, ma deve essere, però, in gran forma. Il Napoli è una squadra in grado di rendere al massimo soltanto quando gioca con il ritmo alto perché è il ritmo, la corsa, la resistenza atletica, la vera forza della squadra e dei suoi uomini più incisivi. Per questo motivo, il Napoli non è ancora una "Grande". Le grandi squadre riescono a vincere anche quando non sono al massimo, perché non hanno la necessità di tenere il ritmo alto a tutti i costi. Le gare si vincono anche quando il ritmo è basso, ma occorrono giocatori di tecnica, fuoriclasse, uomini che, anche se non sono al meglio, riescono a risolvere le gare. Maggio, Cavani, Lavezzi, Hamsik, Gargano, sono i giocatori più importanti della squadra che riescono a rendere soltanto se stanno bene atleticamente e se giocano a ritmo alto. L'organico azzurro, però, non è così folto da permettere alla squadra di giocare a ritmo alto sia in campionato che in Champions. La squadra, inoltre, non è abituata a tenere la concentrazione alta per tanti impegni ravvicinati e importanti. La coperta corta, tuttavia, non esonera da ogni responsabilità il tecnico, anche lui con poca esperienza come i suoi giocatori. Mazzarri ha insisto eccessivamente con gli stessi elementi per motivi legati anche alla gestione dello spogliatoio, alle rigide gerarchie, che lui stesso ha prodotto distinguendo titolari e "titolarissimi". Oltre ai tredici noti, il tecnico avrebbe potuto dare più spazio a Pandev e Fernandez (nel suo ruolo di centrale); avrebbe potuto gestire meglio Mascara. I soliti tredici, invece, sono finiti come travolti da uno spremiagrumi mentre, paradossalmente, Pandev e Fernandez non hanno i novanta minuti nelle gambe. A questo fattore va aggiunto quello relativo alla rigidità del tecnico sotto il profilo tattico. Il 3-4-3 sembra un dogma irrinunciabile per l'allenatore toscano che, pur di conservare il suo modulo, adatta calciatori fuori ruolo. Dzemaili da esterno di centrocampo, così come Fernandez da esterno destro dell'intoccabile difesa a tre, sono gli esempi più estremi. L'allenatore, come i giocatori, deve, in realtà, abituarsi a competere su due fronti, ed ha bisogno, come tutti, della naturale esperienza. In sede di mercato si poteva certamente fare meglio con i soldi investiti. I nove milioni per Britos restano tanti, troppi per un giocatore che non si è mai distinto particolarmente al Bologna. Su questa tema, tuttavia, non è chiaro di chi siano state realmente e precisamente le scelte. Al presidente rimane il compito di valutare attentamente gli investimenti effettuati quest'anno.


Altre notizie - Rubriche
Altre notizie
 

BENITEZ: "FUTURO? NON VOGLIO DISTRAZIONI, PRESTO PARLERÒ CON ADL ED ANALIZZEREMO LA SITUAZIONE. VOGLIO VINCERE ANCORA QUI"

A tutto Rafa Benitez. L'allenatore spagnolo ha parlato al Mirror della stagione attuale, del livello del calcio italiano e, soprattutto, del suo futuro: "I club italiani sanno competere, ecco perché sono andati avanti in Europa quest'anno. Tatticamente sono mo...
Insigne: "Il bello viene adesso. Rinnovo Benitez non è un nostro problema. Su Gabbiadini..."
Contro l'Atalanta, in cuor suo, ha creduto (e sperato) nel...
Sportitalia - Manovre per l'out destro: sfida alla Roma per Zappacosta dell'Atalanta
Roma e Napoli sono pronte a sfidarsi anche sul mercato. Secondo quanto...

ESCLUSIVA – CALLEJON, QUANTE VOCI DA CANCELLARE: ALTRO CHE RICHIESTA DI CESSIONE E FITTO DISDETTO, LO SPAGNOLO PENSA SOLO ALL’AZZURRO

Che José Maria Callejon non stia vivendo il suo miglior momento con la maglia azzurra è cosa ormai nota. Lo...

DA ROMA, ZAMPA: "DE ROSSI HA RECUPERATO, TOTTI ANCORA IN DUBBIO. IBARBO PUÒ SOSTITUIRE GERVINHO"

Intervenuto sulle frequenze di Marte Sport Live, il telecronista tifoso Mediaset Carlo Zampa ha aggiornato la situazione...

RAZZISMO, UEFA PUNISCE LA PROSSIMA AVVERSARIA DELLA FIORENTINA IN EUROPA LEAGUE

(ANSA) - NYON, 27 MAR - L'Uefa ha punito la Dinamo Kiev per i cori razzisti dei suoi tifosi in occasione dell'ottavo...

JUVE, TIFOSI FURIOSI PER GLI SCUDETTI NASCOSTI: "UN OLTRAGGIO ALLA NOSTRA STORIA"

(ANSA) - ROMA, 31 MAR - La copertura della scritta con il numero 32, all'ingresso dello Juventus Stadium, è...

VIDEO - "QUESTO SI CHIAMA GIOCARE", SPETTACOLARE SPOT CON HIGUAIN, HAMSIK, MERTENS E GABBIA A CAPODICHINO

Simpatico spot pubblicitario pubblicato dal Napoli, attraverso il suo profilo Twitter, per la compagnia aerea...

GIOVANISSIMI, EUFORIA NAPOLI: GAETANO SEGNA ANCORA, GLI AZZURRINI CONQUISTANO IL PRIMO POSTO NEL GIRONE

Esultano i Giovanissimi Nazionali di Massimo Carnevale. Il Napoli espugna il campo del Messina, sale a quota 52 punti in...

IL RITORNO DI LORENZO NEL TOUR DE FORCE: PER IL NAPOLI POSSONO APRIRSI SCENARI DI GRANDE PRESTIGIO

Ecco il Felipe Anderson che il Napoli aspetta, meno potente del Laziale che sta cambiando i destini della Lazio ma col cuore...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 1 Aprile 2015.
 
Juventus 67
 
Roma 53
 
Lazio 52
 
Sampdoria 48
 
Napoli 47
 
Fiorentina 46
 
Torino 39
 
Milan 38
 
Inter 37
 
Genoa (-1) 37
 
Palermo 35
 
Empoli 33
 
Udinese (-1) 33
 
Chievo Verona 32
 
Sassuolo 32
 
Hellas Verona 32
 
Atalanta 26
 
Cagliari 21
 
Cesena 21
 
Parma (-2) 9*
Penalizzazioni
 
Parma -3

   Editore: TC&C SRL Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.