TN - La lavagna tattica di Del Genio: "Napoli coi tre bloccati dietro ed esterno accentrato, la SPAL ha due aspetti da temere. Younes in mezzo può ingolfarsi, meglio esterno: uno tra lui e Verdi in panchina"

Solito appuntamento con la lavagna tattica, insieme a Paolo Del Genio, sulle colonne di Tuttonapoli.net:
12.05.2019 07:40 di Pierpaolo Matrone Twitter:    Vedi letture
TN - La lavagna tattica di Del Genio: "Napoli coi tre bloccati dietro ed esterno accentrato, la SPAL ha due aspetti da temere. Younes in mezzo può ingolfarsi, meglio esterno: uno tra lui e Verdi in panchina"

La SPAL di Leonardo Semplici contro il Napoli di Carlo Ancelotti. La verticalità del calcio a far da filo conduttore tra il 3-5-2 spallino e il 4-4-2 partenopeo, riveduto nei nomi per l'occasione, viste le contemporanee assenze di Mertens e Insigne. Solito appuntamento con la lavagna tattica, insieme a Paolo Del Genio, sulle colonne di Tuttonapoli.net: "In queste partite in cui non ci sono situazioni di classifiche ancora aperta né per una squadra né per l'altra, è chiaro che si apre di più il gioco, le squadre provano ad essere più offensive perché sono libere nella testa. Il Napoli proverà ad attaccare, la SPAL difenderà meno del solito, anche se in casa è aggressiva. Noi conosciamo le qualità del Napoli, mentre la SPAL punta molto sulla fisicità. Gli estensi sono una delle squadre che più fa gol, in Europa addirittura, tramite il gioco aereo".

La SPAL sviluppa il suo gioco spesso in verticale, ma anche le corsie sono importanti con la spinta degli esterni. Dov'è la chiave? "Ci sono giocatori, soprattutto sugli esterni, molto veloci. Uno con un buon piede, Fares, l'altro con una gran gamba, Lazzari. Poi si inseriscono molto le mezzali, anche se la SPAL gioca spesso sulle punte. Petagna è uno dei migliori nella difesa del pallone per far salire la squadra. La SPAL sta facendo grandi cose e lo testimoniano anche i risultati degli ultimi anni".

Di solito la SPAL tiene il baricentro basso, addirittura con dieci undicesimi dietro la linea del pallone. Come scardinare la difesa? "Il Napoli potrebbe proporre la soluzione con Fabian o Zielinski a sinistra. Non credo che giocheranno sia Verdi che Younes, perché uno dei due servirà per la panchina, per avere una soluzione offensiva anche a partita in corso. Quando sulla sinistra ci sono Fabian o Zielinski la caratteristica tipica del Napoli in fase di possesso di avere l'esterno sinistro centrale e non largo si vedrà ancora di più, perché entrambi amano giocare sulla trequarti, dando spazio a Ghoulam sulla fascia sinistra. Mentre sulla destra penso che vedremo Hysaj".

Quindi in fase di sviluppo Napoli con i tre difensori bloccati dietro e non con il 2-2-6 in fase di spinta visto a Parma? "Sì, penso più i tre bloccati dietro. Anche dovesse giocare Malcuit, credo che si alternerebbe con Ghoulam: uno resta bloccato e l'altro spinge. Per il tipo di avversario non credo sia una soluzione, perché la SPAL è una squadra tosta, anche sugli esterni. Poi magari vedremo anche la soluzione di Parma, che s'è vista poche volte fin qui, però visto che siamo alla fine non è da escludere che Ancelotti sperimenti qualcosa".

Younes, invece, dovrebbe agire da seconda punta e non da esterno, ruolo in cui ha fatto benissimo. Dove lo preferisci? "Da sottopunta può fare anche bene, ma non mi sembra il suo ruolo. Secondo me ha bisogno di partire largo a sinistra, ha bisogno di spazio, non può stare nel traffico. Anche se a dire il vero è dotato anche di una buona fisicità, nonostante la statura non elevata. E' rapido negli spazi stretti, vince anche qualche contrasto, torna deciso a recuperare palla. Ma lo vedo di più sulla sinistra: sa andare sia dentro che sulla fascia, per calciare o crossare. Partendo in zona centrale potrebbe ingolfarsi di più, anche perché la SPAL è una squadra che presenta tre difensori centrali e altrettanti centrocampisti centrali. Quindi sei giocati in mezzo e contro una squadra così servirebbe un calciatore più risoluti. L'ideale sarebbe stato avere Mertens. In quella zona di campo, che sarà intasata, non bisognerà tentare il dribbling".