Il punto di Del Genio a TN: "Ancelotti ai livelli di Sarri, ma che gestione della rosa! Juve? Rigore clamoroso, ma disgustoso che non si vada al VAR: è colpa di Rizzoli! Sull'EL..."

17.12.2018 19:20 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:   articolo letto 22139 volte
Il punto di Del Genio a TN: "Ancelotti ai livelli di Sarri, ma che gestione della rosa! Juve? Rigore clamoroso, ma disgustoso che non si vada al VAR: è colpa di Rizzoli! Sull'EL..."

"Nel secondo tempo il Napoli ha avuto un atteggiamento ottimo, anche prima delle sostituzioni. Gli ingressi dalla panchina sono stati importanti, decisivo soprattutto quello di Mertens. Ma la squadra aveva già trovato la svolta, costruendo molto". E' così che Paolo Del Genio, noto giornalista ed esperto di tattica, analizza Cagliari-Napoli all'indomani della sfida, nel suo consueto appuntamento settimanale con il microfono di Tuttonapoli.net: "Nel primo tempo c'è stato il difetto di non riuscire a far viaggiare il pallone molto velocemente contro una squadra così chiusa, con il baricentro così basso. Ma è comprensibile in uno stadio come la Sardegna Arena e con l'intensità che ci ha messo il Cagliari".

Per la prima volta out Insigne, Mertens, Hamsik e Callejon tutti insieme: sorpreso da Ancelotti? "Ormai no, non mi sorprendo più. Certo è che un Napoli senza Albiol, Hamsik, Callejon, Mertens e Insigne, che sono cinque protagonisti dei successi degli ultimi anni, non è una cosa di tutti i giorni. Ci vuole consapevolezza della forza della squadra e da questo s'intuisce che Ancelotti sta facendo un lavoro al massimo sull'organico, vuole capire quanto si può attingere, vuole dare fiducia a tutti anche nelle gare importanti. I segnali sono positivi. Con questa gestione della rosa il Napoli sta tenendo il ritmo dello scorso anno, quando invece le rotazioni erano completamente differenti".

Seconda in campionato da titolare per Ghoulam: ti è piaciuta la sua prova? "E' un giocatore talmente forte che anche in un momento come questo, in cui ovviamente non è al 100%, può stare benissimo in campo. Proprio perché oramai è un giocatore superiore, anche se non ha tutta la spinta prorompente dell'anno scorso, solo con la tecnica e l'esperienza in campo, può fare benissimo all'interno di una partita".

Intanto Juventus ancora aiutata dagli arbitri. "Il rigore per il contatto tra Alex Sandro e Zaza è clamoroso, ma ciò che è disgustoso è il fatto che non vadano al VAR. Quello fa pensare male, c'è poco da dire. Gli arbitri hanno il supporto tecnologico, che vadano al monitor. Poi possono anche decidere per assurdo di non dare questo rigore, ma almeno andateci. Il fatto di non andarci sembra una fuga dalla giustizia perché la giustizia non può essere applicata. Ma perché? Per le solite domande che ci poniamo e a cui non abbiamo trovato risposta?".

Di chi è la colpa? "Di Rizzoli. Parla italiano, sia lui che l'arbitro che l'ascoltano. Se lui imponesse agli arbitri di andare sempre al monitor in situazioni del genere, visto che c'è questo supporto tecnologico, tutti questi errori clamorosi non ci sarebbero più. Per chi invece si prende la briga di non utilizzare la tecnologia dovrebbe esserci una sanzione, due turni di stop. Se gli arbitri si prendono la responsabilità di non andare al monitor e poi si scopre che c'è stato un errore, si beccano due turni senza andare a dirigere nessun match. Sono sicuro che così andrebbero tutti a controllare".

Urna benevola: Zurigo avversario di livello inferiore. Dove può arrivare il Napoli in Europa League? "Il Napoli può fare benissimo. Una squadra che ha affrontato quel girone in quel modo, arrivando ad un niente dalla qualificazione, può fare benissimo in tutte le partite. Per il momento tutti gli accoppiamenti possibili non sarebbero stati complicati. Lo Zurigo vale le altre, questo turno il Napoli era favorito. E' dal prossimo sorteggio che servirà anche un po' di fortuna, per evitare prematuri scontri con le big della competizione".

Quali sono le favorite al trionfo finale? "Napoli, Chelsea, Arsenal, Siviglia, Inter e un po' più sotto il Valencia perché le squadre spagnole nelle coppe riescono sempre a fare grandi cose".