Il punto di Del Genio a TN: "Ancelotti ha commesso un errore, turnover eccessivo. Rigore? Va bene non darlo, ma facciano lo stesso con la Juve. Milik assente, va recuperato. Sulla Stella Rossa..."

27.11.2018 11:33 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:   articolo letto 18606 volte
Il punto di Del Genio a TN: "Ancelotti ha commesso un errore, turnover eccessivo. Rigore? Va bene non darlo, ma facciano lo stesso con la Juve. Milik assente, va recuperato. Sulla Stella Rossa..."

"La partita è stata contraddistinta da un primo tempo disastroso. Il Napoli non riusciva ad essere aggressivo, non pressava, perdeva tanti palloni, non trovava ritmi e aveva difficoltà nelle transizioni. Molto molto negativo il primo tempo, attribuile ad un calo di tensione generale, ma secondo me anche alla mancanza eccessiva di tre giocatori su quattro titolari a centrocampo". E' questo il pensiero di Paolo Del Genio, noto giornalista ed esperto di tattica, intervenuto nel consueto appuntamento settimanale col microfono di Tuttonapoli.net: "Mettere fuori contemporaneamente Allan, Hamsik e Fabian mi sembra un eccesso, anche in una partita che può essere facile come quella contro il Chievo. Forse questo messaggio è arrivato male nella testa dei giocatori. Le troppe assenze hanno indotto la squadra a regalare un tempo".

Ancelotti sempre elogiato per il turnover, stavolta invece ha toppato. Cosa gli si può criticare? "E' eccessivo cambiare tre giocatori su quattro a centrocampo. In altre partite è andata bene, con il Sassuolo o con l'Empoli abbiamo segnato subito e quindi la gara ha preso una piega diversa. Le riserve del Napoli sono composte da buoni giocatori, ma tutti insieme in campo trovano qualche difficoltà. Si deve tenere qualcuno dei giocatori-chiave sempre in campo. Potevano riposare, ma almeno uno tra Fabian, Allan e Hamsik poteva essere necessario, anche per far salire il livello della prestazione degli altri".

Ancelotti quindi ha dimostrato di avere i suoi titolari. "Le grandi squadre devono avere una formazione titolare e delle alternative pronte. Ma pensare che queste alternative siano così importanti da poter giocare tutte insieme, lasciando tanti titolari fuori, rende tutto più difficile, a qualsiasi squadra. Bisogna rendersi conto che qualcuno di quelli che ho nominato deve essere in campo, anche per tirarsi dietro gli altri".

Un giudizio sul contatto tra Obi e Callejon che poteva causare il penalty. "Per me il rigore c'era, ma sono quei classici rigori che, volendo, non si danno. E' giusto che il Napoli non abbia vinto perché ha affrontato male la partita, lo accettiamo. Però ciò che salta alla mente quando facciamo questi discorsi di grande sportività è che per le altre squadre - la Juventus - non è così. Ad Empoli i bianconeri hanno giocato malissimo, ma sono poi stati aiutati dall'episodio del rigore, che sicuramente non era più rigore di quello non dato al Napoli per il contatto Obi-Callejon. Io non li voglio questi rigori, voglio pareggiare la partita col Chievo, ma a patto che questo accada a tutti".

Tra le note negative sicuramente Milik. "Noi lo vediamo ma è come se non lo vedessimo, e mi dispiace vederlo. Il gol è un problema relativo, ma per come gioca il Napoli è fondamentale la partecipazione dell'attaccante alla manovra. E' una caratteristica del Napoli. E purtroppo Milik sta sbagliando controlli, passaggi, non è coinvolto nelle azioni. Spero che le cose cambieranno perché il ruolo del polacco in questa stagione, per il Napoli, è fondamentale".

Con la Stella Rossa ti aspetti Maksimovic? "Ha avuto qualche piccolo problema, ma a parte questo dal punto di vista della valutazione tattica c'è da dire che la difesa così, la soluzione 'tre e mezzo', la terrei buona per qualche partita di un certo livello, soprattutto in trasferta. Il proporrei questa soluzione con Liverpool, Inter e Atalanta. Ma con la Stella Rossa forse è meglio schierare Hysaj o addirittura Malcuit perché il Napoli dovrà attaccare molto".