Venerato a TN: "Le concorrenti sono cantieri aperti, Napoli approfittane e parti a razzo"

 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:   articolo letto 22033 volte
Venerato a TN: "Le concorrenti sono cantieri aperti, Napoli approfittane e parti a razzo"

Ai microfoni di Tuttonapoli, l'esperto di mercato della Rai Ciro Venerato ha fatto le carte al prossimo campionato dopo i primi quindici giorni di apertura ufficiale del mercato: "E' ancora presto per emettere giudizi definitivi su chi potrà lottare per lo scudetto, bisognerà aspettare il 31 agosto alla chiusura del mercato. Le concorrenti del Napoli, infatti, faranno ancora tanti colpi di mercato, mentre non mi aspetto colpi di coda importanti degli azzurri. Al 99,99% la formazione titolare che affronterà il prossimo campionato sarà quello dell'anno scorso. Tutte le altre concorrenti, invece stanno cambiando pelle. Il Napoli deve approfittare di questo, gli azzurri devono ripartire da una squadra che già conosce a menadito il gioco di Sarri. Se tutte le altre, Juventus compresa dopo la cessione di Bonucci, hanno un cantiere aperto, il Napoli avrà l'occasione di ripartire da un gruppo consolidato. In questo senso il preliminare di Champions può essere anche un aiuto, perchè superandolo darà tanto morale alla squadra e perchè permetterà al Napoli di partire subito forte, essendo già pronto per una partita importante al 15 agosto. Se gli azzurri vogliono sognare lo scudetto dovranno partire a razzo, rubando subito punti alle concorrenti che potrebbero aver bisogno di un po' di tempo per trovare la giusta amalgama".

Analizziamo la situazione delle concorrenti degli azzurri. "Nella Juventus hanno fatto scalpore gli addii di Dani Alves e Bonucci, anche se la cessione del centrale era comunque nell'aria. Si registra, inoltre, il forte pressing del Chelsea per Alex Sandro.Credo che i bianconeri l'anno prossimo passeranno ad una difesa a quattro, quindi con Rugani, Benatia, Chiellini e Barzagli la rosa resta comunque ben coperta. Per questo la cessione di Bonucci va letta anche come una scelta nel rinforzare altri settori rispetto a quello dei centrali di difesa in cui i bianconeri restano comunque ben coperti. Per questo la Juventus non è un cantiere aperto come Inter e Milan, ma comunque dovrà valutare nuovi innesti, partendo da Douglas Costa e Bernardeschi. La Juve resta altamente competitiva e il punto di riferimento per lo scudetto, anche se le certezze degli altri anni non ci sono.

Per quanto riguarda il Milan, fino a sette giorni fa la ritenevo una squadra che potesse lottare per la zona Champions. Con gli acquisti di Bonucci, Biglia e quello prossimo di un attaccante importante (Aubameyang, Belotti o Kalinic), i rossoneri sono autorevoli per lottare per lo scudetto, anche se rispetto a Juve e Napoli dovrà faticare un po' di più perchè nel 3-5-2 di Montella ci saranno 9 novità sull'11 titolare.

La garanzia dell'Inter, in attesa degli acquisti di Sabatini, è Spalletti. La rosa dei nerazzurri è già una rosa di qualità. Va assemblata meglio e vanno recuperati alcuni giocatori, come successe un po' al Napoli nel passaggio da Benitez a Sarri. Per me Spalletti è insieme a Sarri tra i migliori allenatori italiani e anche per questo metto i nerazzurri alla pari del Milan, subito dopo Juventus e Napoli per la lotta scudetto.

La Roma in questo momento è un po' più indietro. Non solo per le cessioni, ma anche per i nomi che circolano per rinforzare la squadra. I giallorossi hanno un bravo allenatore, che però deve dimostrare di saper fare buone cose anche in una grande piazza".