Applausi e tante domande. E se sarà rivoluzione qualcuno ci dovrà dire la verità

Brutto pari con il Toro dopo essere stati in vantaggio due volte
06.05.2018 17:05 di Francesco Molaro Twitter:   articolo letto 31344 volte
© foto di www.imagephotoagency.it
Applausi e tante domande. E se sarà rivoluzione qualcuno ci dovrà dire la verità

Tutti al mare? Ancora no ma sembra proprio così. A tre partite dalla fine del campionato e con la matematica che ancora non ha chiuso le speranze ci aspettavamo maggior brio. Sarà il caldo, sarà che la Juve continua a vincere partite senza vergogna, sarà che c’è un clima teso anche tra i tifosi dopo le ultime parole del patron, ed ecco che la miscela esplosiva crea solo un golletto nel primo tempo, un golletto figlio anche di un errore del Toro venuto a divertirsi e a provare le seconde linee al San Paolo. Mertens ritrova il gol ma non lo smalto. Il belga è bravo a pressare l’avversario è rubare palla e insaccare. Tutto qui? Si. Il Napoli fa possesso palla e poco altro. Il Toro non pervenuto. Nella ripresa la gara resta blanda ma il Toro la scuote trovando il pareggio. Il Napoli giochicchia e i granata segnano con Baselli. Il pari non scoraggia gli azzurri, anzi li scuote e con il subentrato Hamsik arriva un bellissimo gol. Sembra finita e invece il Napoli subisce il pari di De Silvestri. Dormita difensiva e il difensore si infila in area e batte Reina. Game over? Si. È stato bello, bellissimo tutto ma finire così non ci piace. Motivazioni, record, situazioni arbitrali hanno distrutto un finale che poteva essere ma non è stato. Non sarà ancora il tempo dei processi, ma sicuramente inizia il tempo delle analisi. Inizia il momento di avere delle risposte a tante domande.