Clima teso in casa Juve: la squadra si riunisce senza Pirlo

12.05.2021 13:40 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Clima teso in casa Juve: la squadra si riunisce senza Pirlo
TuttoNapoli.net
© foto di Image Sport

La strada che porta a Reggio Emilia è lastricata di pensieri. Nello stadio in cui Massimiliano Allegri visse due dei suoi momenti peggiori tra Milan (l’esonero nel gennaio 2014) e Juve (la sconfitta nell’ottobre 2015), Andrea Pirlo si giocherà le residue speranze bianconere di guadagnarsi l’accesso alla prossima Champions League. Dopo la batosta contro il Milan - scrive oggi La Gazzetta dello Sport analizzando l'attualità bianconera - la situazione è delicata anche perché tutto ormai sembra essersi sfilacciato: tra tecnico, staff e squadra la sintonia è scemata da tempo e anche tra dirigenza e giocatori (considerati dal club i principali responsabili del crollo) i rapporti sono tesi. Però la stagione va salvata, per questo ieri, spinta dai senatori, la ciurma si è riunita per motivarsi e ritrovare dentro se stessa quella voglia di lottare che non si è vista molto nell’ultimo periodo.

Malumori e solitudine - Nel gruppo serpeggia un certo malcontento e non solo verso il tecnico (i cui allenamenti sono considerati blandi e senza intensità e le cui dichiarazioni pubbliche, come quelle recenti su McKennie, non sempre vengono gradite) ma per come è stata gestita in toto la stagione. La squadra si è sentita spesso abbandonata a se stessa ed è da questa solitudine che vuole ripartire: serve un moto d’orgoglio per cercare di salvare la stagione, vincerle tutte e regalarsi un altro trofeo da dedicare a Buffon.

Ultima chiamata - Pirlo è arrivato con l’ambizione di vincere lo scudetto e per intraprendere un progetto che è naufragato in fretta, ora il suo destino è appeso a un filo e il binomio quarto posto-Coppa Italia potrebbe non bastare perché venga confermato per il 2021-22. Sul Maestro incombono le ombre minacciose di Allegri e Zidane, se deciderà di dire addio al Real. Lo spogliatoio si è riunito senza di lui (che non ha mai fatto della comunicazione uno dei suoi punti di forza) ma è anche per lui che giocherà questa sera al Mapei Stadium: un patto per il rilancio che ha il sapore dell’ultimo bacio prima dell’addio.