Tmw - A conti fatti, per la Juve l'affare è stato Milik e non Vlahovic

19.09.2022 21:30 di Redazione Tutto Napoli.net Twitter:    vedi letture
Fonte: Tuttomercatoweb.com
Tmw - A conti fatti, per la Juve l'affare è stato Milik e non Vlahovic
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

Doveva essere un colpo in più, una sorta di alternativa e poco altro per non spremere troppo Dusan Vlahovic. Ma ad oggi la seppur breve storia di questa stagione sta raccontando un'altra verità. Dopo aver a lungo trattato Depay, la Juventus in estate ha deciso di chiudere con Arek Milik anche per una questione di costi, visto che l'arrivo del polacco avrebbe lasciato spazio finanziario anche per Paredes (a differenza dell'olandese). Ed i comunicati del club bianconero al solito fecero chiarezza sui contorni economici dell'operazione: Milik è arrivato a Torino in prestito per 800 mila euro, con possibilità di aggiungere ulteriori 800 mila euro di bonus più 100 mila euro di commissioni. In caso di riscatto, i bianconeri dovranno pagare 7 milioni più eventuali 2 di bonus. Totale del pacchetto fatto e finito, al massimo, 10,7 milioni di euro.

Vlahovic potenzialmente può arrivare a più di 90
Sempre legandosi ai comunicati, le cifre di Vlahovic sono ben diverse: 70 milioni alla Fiorentina (pagabili in tre esercizi), più 10 eventuali di bonus, più 11,6 milioni di commissioni. Per un totale che, teoricamente, può toccare i 91,6 milioni di euro. Il calcolo della differenza fra il serbo ed il polacco è semplice da fare e supera gli 80 milioni di euro. Non spiccioli, insomma.

D'accordo, potenzialmente a livello tecnico potrebbe pure non esserci paragone fra i due, nel giro di qualche stagione. E magari sarà così: Vlahovic è un classe 2000, Milik un '94. Ma l'attualità impone comunque una riflessione: in Serie A Milik ha segnato 2 gol in 4 presenze (e ci sarebbe pure quello contro la Salernitana), di fatto un gol ogni 153'. Vlahovic, evidentemente più penalizzato da gioco e dalle difficoltà della squadra, di gol in campionato ne ha fatti 4 in 6 partite, esultando una volta ogni 531'. Differenze che da sole significano poco, ma che in un certo senso fotografano le difficoltà che Vlahovic sta incontrando in questo avvio di stagione con la maglia bianconera.