Juve e Atalanta si sorpassano e riprendono: allo Stadium finisce 3-3

Finisce 3-3 la partita dello Stadium tra Juventus e Atalanta.
22.01.2023 22:42 di Antonio Noto Twitter:    vedi letture
Juve e Atalanta si sorpassano e riprendono: allo Stadium finisce 3-3
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

Finisce 3-3 la partita dello Stadium tra Juventus e Atalanta. La serata dello Stadium inizia nel segno della notizia del ricorso in arrivo verso il -15 inflitto dalla Procura Federale ma soprattutto del rifiuto dei tifosi bianconeri verso FIGC e Lega Serie A. Ad interrompere contestazioni e diluvio di fischi ci pensa Lookman, con la collaborazione di Szczesny che trasforma in oro un destro sì secco ma centrale. Una buona notizia e subito poi una brutta per Gasperini, che perde Palomino per infortunio. La Juventus non si scoraggia, rimane compatta e organizza la risposta, trovando il pareggio a metà frazione grazie a Ederson che fa fallo su Fagioli e alla chiamata del VAR, che manda l'arbitro Marinelli a ricontrollare allo schermo. Rigore, trasformato da Di Maria. Dieci minuti dopo l'argentino si esalta e libera al cross Fagioli con un tacco deluxe: sul bel cross arriva come un falco Milik, a ribaltare l'incontro. Al 35° è 2-1 Juventus, lo stesso punteggio con cui si arriva anche all'intervallo.

Neanche il tempo di sedersi al proprio posto per l'inizio del secondo tempo, che l'Atalanta la pareggia subito. Bella combinazione sul centro-sinistra: Lookman libera Maehle a tu per tu con Szcesny e il danese fa 2-2 quando ancora non è scoccata la fine del primo minuto. E non è finita lì, perché in altri 7 minuti arriva il contro-sorpasso atalantino, firmato da un Lookman in formissima e capace di saltare più in alto di Alex Sandro per correggere in rete il preciso cross di Boga. Una partita così pazza non può essere certo finita qua e in soccorso della Signora viene un altro calcio piazzato. Stavolta una punizione, toccata corta da Di Maria e trasformata con un destro basso e secco di Danilo per il 3-3 al 65'. I fronti si rovesciano continuamente anche nel prosieguo del match, ma tra sostituzioni e stanchezza che inizia ad emergere il ritmo cala e le occasioni da gol si fanno meno continue. E il risultato non cambia più: al triplice fischio è dunque 3-3.