L’Atalanta rifila una manita allo Spezia e aggancia il terzo posto: finisce 5-2

L'Atalanta vince l'anticipo di Serie A calando un pokerissimo contro uno Spezia che se la gioca quasi per un tempo alla pari e vola al terzo posto
20.11.2021 16:58 di Francesco Carbone   vedi letture
L’Atalanta rifila una manita allo Spezia e aggancia il terzo posto: finisce 5-2
TuttoNapoli.net
© foto di Image Sport

L'Atalanta vince l'anticipo di Serie A calando un pokerissimo contro uno Spezia che se la gioca quasi per un tempo alla pari e vola al terzo posto agganciando momentaneamente l'Inter. Mattatore della giornata Pasalic autore di due gol e un assist. Ospiti in vantaggio con Nzola che da pochi passi batte a rete mettendo la palla sotto le gambe di Musso. Passano pochi minuti e i padroni di casa pareggiano i conti: Zappacosta va via sulla destra e mette dentro un pallone su cui Pasalic arriva come un falco battendo di prima intenzione Provedel. Il vantaggio nerazzurro arriva nel finale di gara con Zapata su calcio di rigore, decretato dopo un lungo check al VAR per una mano di Sala. Il gol fa sbandare lo Spezia che due minuti dopo subisce anche il terzo gol con Zapata che questa volta veste i panni dell’assistman per Pasalic che firma la doppietta personale.

I ritmi nella ripresa sono più bassi con l’Atalanta che gestisce il doppio vantaggio pur senza rinunciare a cercare il terzo gol, mentre lo Spezia prova a riaprirla anche se non con grande convinzione. Le occasioni migliori sono di Zappacosta da un lato e Nzola dall’altro con i due portieri che però si fanno trovare pronti alla respinta. La gara regala sempre meno spunti e vive di fiammate con Zapata e Maggiore che sfiorano la rete senza fortuna. È però Muriel al 78°, poco dopo il suo ingresso in campo, a far cambiare il risultato sfruttando al meglio un assist di Pasalic per girare alle spalle di Provedel il quarto gol nerazzurro. Sembra finita qui, ma non è così perché nel finale di tempo c’è ancora spazio per le reti di Malinovsky, conclusione potente dal limite su sponda di Muriel, e di Nzola, conclusione angolata a battere Musso, che fissano il risultato sul 5-2 finale.