La Roma rischia la rimonta, ma il vantaggio del primo tempo è incolmabile: col Sassuolo finisce 4-2

Prima vittoria per la Roma di Paulo Fonseca. Dopo due pareggi consecutivi, la squadra giallorossa ha conquistato il suo primo successo
15.09.2019 19:59 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
La Roma rischia la rimonta, ma il vantaggio del primo tempo è incolmabile: col Sassuolo finisce 4-2

Prima vittoria per la Roma di Paulo Fonseca. Dopo due pareggi consecutivi, la squadra giallorossa ha conquistato il suo primo successo in questa Serie A: all'Olimpico contro il Sassuolo la partita è finita 4-2, un risultato finale che non spiega il divario tecnico che s'è visto questa sera. Perché la gara è stata indirizzata su binari giallorossi in meno di venti minuti e praticamente archiviata al 33esimo, con Justin Kluivert che in campo aperto ha realizzato il 4-0.

A sbloccarla, dopo 13 minuti, un puntuale colpo di testa dello specialista Bryan Cristante. Poi il tap-in di Dzeko, la conclusione di Mkhitaryan e la rete dell'ex Ajax per mettere a nudo tutti i difetti della difesa del Sassuolo. E gli errori di De Zerbi, che ha completamente sbagliato la preparazione della partita e ha permesso ai padroni di casa di essere sempre e comunque in controllo del match. Oltre che in possesso di ampi spazi per trasformare facilmente in gol le ripartenze. A fine primo tempo era già 4-0, per un match che al duplice fischio aveva già poco da dire.

Ritmi decisamente più blandi nella ripresa, una frazione che ha reso meno pesante il passivo per la squadra di De Zerbi. Il tecnico neroverde dopo le palesi difficoltà mostrate dalla squadra nella prima frazione s'è ripresentato sul terreno di gioco con un nuovo assetto e con Toljan al posto di Locatelli. Un nuovo modulo che non ha reso meno difficile per la Roma penetrare nell'area avversaria (tre legni colpiti tra il 47esimo e il 56esimo), ma che ha quantomeno permesso al Sassuolo di ripartire e di non restare costantemente schiacciato nella sua trequarti.
A fissare il punteggio sul 4-2 nella ripresa ci ha pensato Berardi, che prima ha freddato Pau Lopez con una bellissima punizione dai 25 metri e poi ha sfruttato una triangolazione tra Duncan e Defrel per rendere il ko più accettabile nel punteggio ma non nella prestazione. All'Olimpico questa sera s'è vista una Roma dominante, che in attesa di registrare la sua fase difensiva è già a otto gol realizzati in tre partite.