Maldini distrugge proprietà Milan: "In un anno appena 4 messaggi da Cardinale! E Scaroni..."

Paolo Maldini, ex direttore dell'area tecnica del Milan, intervistato da La Repubblica, ha usato parole dure nei confronti di Paolo Scaroni
01.12.2023 16:30 di Redazione Tutto Napoli.net Twitter:    vedi letture
Maldini distrugge proprietà Milan: "In un anno appena 4 messaggi da Cardinale! E Scaroni..."

Paolo Maldini, ex direttore dell'area tecnica del Milan, intervistato da La Repubblica, ha usato parole dure nei confronti di Paolo Scaroni, numero uno del club: "Il Milan merita un presidente che ne faccia solo gli interessi e dirigenti che non lascino la squadra sola. Lui non ha mai chiesto se serviva incoraggiamento a giocatori e gruppo di lavoro. L’ho visto spesso andare via quando gli avversari pareggiavano o passavano in vantaggio, magari solo per non trovare traffico, ma puntualissimo in prima fila per lo Scudetto. Ho un concetto diverso di condivisione e di gruppo. Posso dire lo stesso anche rispetto ai due Ceo, Gazidis e Furlani".

Maldini torna anche sulla trattativa per Lionel Messi, confermando l'interesse per il fuoriclasse argentino: "Dopo il Barcellona era libero e secondo proiezione sull’indotto ne valeva la pena, col decreto crescita. Leonardo ci spiegò che il Paris Saint-Germain era già avanti, così è rimasta un’idea".

Su Cardinale: "In un anno con lui, solo una chiacchierata, più 4 suoi messaggi. Diceva che dovevamo fidarci l’uno dell’altro. Io l’ho fatto: come sia andata, è noto. Credo che la decisione di licenziarci fosse stata presa mesi prima e c’era chi lo sapeva. Il contratto, 2 anni con opzione di rinnovo, mi era stato fatto il 30 giugno 2022 alle 22: troppo impopolare mandarci via dopo lo Scudetto".

Che cosa chiedeva Cardinale?
"Di vincere la Champions. Spiegai che serviva un piano triennale. Da ottobre a febbraio l’ho preparato con Massara e con un mio amico consulente: 35 pagine di strategia sostenibile e necessità del salto di qualità, mandate a Gerry, a due suoi collaboratori molto stretti e all’amministratore delegato Furlani".