Petagna non punge e il Monza trema alla prima in Serie A: si impone il Torino 2-1

L’entusiasmo prima del calcio d’inizio ha lasciato spazio alla tensione, all’emozione della prima in serie A.
13.08.2022 22:49 di Redazione Tutto Napoli.net Twitter:    vedi letture
Petagna non punge e il Monza trema alla prima in Serie A: si impone il Torino 2-1
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

L’emozione spesso gioca brutti scherzi, soprattutto alla prima in Serie A. Un esame pesante, difficile da affrontare, che porta a una bocciatura di quelle indolori, necessarie per crescere. Un 17.5 se si paragona al percorso universitario: poco a livello numerico per una promozione stiracchiata, giusto per quanto si è visto in campo. Il Monza perde 2-1 contro il Torino, a decidere la sfida dell’U-Power Stadium una rete di Miranchuk e una mezza rovesciata da due passi di Sanabria, inutile la rete in pieno recupero di Dany Mota. I padroni di casa hanno fatto vedere qualcosina, a partire dalla reazione, ma per poter evitare difficoltà (e sconfitte) serve qualcosa di più.

Monza-Torino, le scelte dei due tecnici

Il ballottaggio dei portieri è stato vinto da Di Gregorio, con Cragno in panchina. Stroppa ha osato sin da subito: Petagna e Pablo Marì titolari nella prima gara casalinga della stagione. Juric invece non ha smentito le previsioni della vigilia con Radonjic e Miranchuk alle spalle di Sanabria.

Gara bloccata nei primi 25’ di gioco

L’approccio timido da parte dei brianzoli - con una doppia occasione non sfruttata da Sanabria nel giro di una manciata di minuti - è stato cancellato quasi subito dal palleggio del Monza: seppur forzato, D’Alessandro e compagni hanno provato a costruire qualche trama di gioco attraverso il possesso. La prima vera occasione è stato il tiro dalla distanza di Filippo Ranocchia, bloccato in due tempi da Milinkovic-Savic.

Miranchuk col tocco sotto, Torino in vantaggio al 45’

Il Monza ci ha provato proprio con le conclusioni dalla distanza, ma le due opportunità più significative nel primo tempo sono state costruite dai granata: prima lo schiaffo di Radonjic deviato in corner da Di Gregorio, poi il gol di Miranchuk. Tocco sotto imparabile dopo un errore collettivo iniziato dal disimpegno errato di Birindelli al rinvio poco convinto di Pablo Marí.

Sanabria ipoteca, Dany Mota non basta per evitare la sconfitta: il Torino vince 2-1

I timori di Stroppa si sono concretizzati nella ripresa, con quel ritmo che è mancato rispetto all’avversario, soprattutto nella ripresa. I dettagli hanno fatto la differenza, gli errori anche: la seconda rete dei granata è arrivata da una svirgolata in area di Carboni - appena entrato al posto di Carlos Augusto - che ha praticamente innescato Ricci, al cross per Sanabria: il numero 9 è stato abile a ribadire la palla in rete con una mezza rovesciata da due passi praticamente imparabile.

La seconda rete degli ospiti ha offuscato i biancorossi, che hanno però reagito di rabbia: prima Birindelli a botta sicura è stato neutralizzato da Milinkovic Savic, poi Gytkjaer ha ostacolato una conclusione già masticata da parte di D’Alessandro. Alla fine i brianzoli hanno avuto il merito di non crollare - trovando anche la rete con Dany Mota -, di rimanere a galla senza affondare: Monza rimandato, d’altronde il primo esame è pur sempre il primo esame.