"Zero tituli" per la Juve di Allegri: l'Inter vince la Coppa Italia ai supplementari

All'Olimpico l'Inter batte 4-2 la Juventus dopo i tempi supplementari e conquista la sua ottava Coppa Italia.
11.05.2022 23:34 di Antonio Noto Twitter:    vedi letture
"Zero tituli" per la Juve di Allegri: l'Inter vince la Coppa Italia ai supplementari
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

All'Olimpico l'Inter batte 4-2 la Juventus dopo i tempi supplementari e conquista la sua ottava Coppa Italia. Dopo appena 7' i nerazzurri sbloccano la finalissima: la Juve dorme sugli sviluppi di un calcio d'angolo, errore in uscita di Cuadrado e Bernardeschi e Barella, dalla sinistra, esplode forte il destro a giro sul secondo palo che fulmina Perin. Dopo i primi 20' tutti a favore dell'Inter viene fuori la Juve: al 25' un miracolo di Handanovic su Vlahovic salva la squadra di Inzaghi. Al 41' Allegri è costretto la primo cambio: problema fisico per Danilo, al posto  del brasiliano entra Morata con Cuadrado che va a fare il terzino. Nella ripresa parte forte la Juventus che in appena 2' ribalta il match: al 50' pareggio di Alex Sandro con una gran botta forse lievemente toccata da Morata. Due minuti più tardi, azione travolgente di Dusan Vlahovic, servito in profondità da Dybala per il 2-1 bianconero. La Juve si copre e l'Inter reagisce e al 78' trova un calcio di rigore per un intervento in area di De Ligt e Bonucci su Lautaro Martinez. Dopo il check al VAR di Valeri, sul dischetto va Calhanoglu: botta all'incrocio e gran gol per il 2-2 che porta le squadre ai tempi supplementari. Alla ripresa del gioco l'Inter parte fortissima e trova un secondo calcio di rigore, ancora fallo di De Ligt stavolta col connazionale De Vrij. Dal dischetto, al 98', va Perisic: come Calhanoglu non sbaglia e sigla il 3-2. Al 103' ancora il croato grande protagonista: grandissima conclusione che va ad insaccarsi sotto l'incrocio della porta difesa da un incolpevole Perin e Juve ko. Dopo il gol dell'Inter del 4-2, si accendono gli animi a Roma. Festeggiamenti di tutta la panchina nerazzurra che è passata davanti a quella della Juventus. Prima battibecco tra Bernardeschi e Lautaro Martinez, poi si è scaldato Allegri che, già ammonito, è andato a scontrarsi con la panchina dell'Inter. Espulso direttamente da Valeri.