Insigne jr: "Lorenzo un idolo, come potrei invidiarlo? Se vado in A col Benevento mi esibisco da neomelodico!"

“Se andiamo in Serie A voglio esibirmi come cantante neomelodico”. Parola di Roberto Insigne attaccante del Benevento in prestito dal Napoli.
25.05.2019 12:30 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di PhotoViews
Insigne jr: "Lorenzo un idolo, come potrei invidiarlo? Se vado in A col Benevento mi esibisco da neomelodico!"

“Se andiamo in Serie A voglio esibirmi come cantante neomelodico”. Parola di Roberto Insigne attaccante del Benevento che questa sera può staccare il biglietto per la finale play off di Serie B. “La mia canzone preferita è Chiove di Gigi D’Alessio, ma prima di ogni gara non mancano mai L’infermiera di notte di Gianni Celeste e quelle di Luciano Caldore. Sono pronto a cantarne una davanti a tutto lo stadio. - racconta l’attaccante giallorosso a La Gazzetta dello Sport - Sono contento di aver messo il piedino in 20 gol tra gol e assist, ma punto a fare ancora meglio”.

Insigne poi si sofferma sul rapporto con il presidente Vigorito raccontando un retroscena di mercato: “Il presidente è una persona meravigliosa e ha fatto un macello per portarmi a Benevento. Quando De Laurentiis chiedeva troppo per il mio cartellino ha battuto i pugni sul tavolo spiegando che voleva comprare Roberto Insigne e non Lorenzo, facendo scoppiare tutti a ridere”.

Nei confronti del fratello più noto, Lorenzo appunto, non c’è però invidia: “Lorenzo è un idolo per me. Parliamo di uno dei più forti in circolazione, il capitano del Napoli e n° 10 della Nazionale, come potrei provare invidia? Non rosico se mi dicono che è più forte e io scarso. Anzi mi viene da sorridere, sono orgoglioso di lui”.