Criscitiello: "Il mercato del Napoli una grande delusione, l'assalto a Belotti sarebbe l'unica risposta alle chiacchiere"

13.08.2018 00:15 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:   articolo letto 56042 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Criscitiello: "Il mercato del Napoli una grande delusione, l'assalto a Belotti sarebbe l'unica risposta alle chiacchiere"

Nel suo editoriale per Tuttomercatoweb Michele Criscitiello scrive a proposito del mercato azzurro: "Qualcuno dovrebbe spiegare a De Laurentiis che, quest’anno, il mercato chiuderà il 17. Se il patron del Napoli si è convinto che la chiusura è rimasta alle 23.00 del 31, qualcuno per favore dovrebbe dirglielo. De Laurentiis vorrebbe scriversi da solo le regole del gioco. Basta vedere il caso Bari, non è detto che nella sua testa non si sia autoconvinto che il mercato del Napoli andrà avanti fino a fine mese. Ad oggi è una grande delusione. Dopo aver preso Ancelotti, con un colpo da cinema, ci saremmo aspettati tutti un mercato decente. Invece nulla. Poche operazioni secondarie per un allenatore abituato ad allenare e a vincere con i top player. La filosofia e i metodi di Ancelotti sono completamente diversi da quelli di Sarri. Senza tralasciare che le dirette concorrenti si stanno rinforzando pesantemente. La Juve era più forte e lo sarà sempre di più, l’Inter non è più una squadra improvvisata come negli ultimi anni ma ha doppie e triple soluzioni in ogni zona del campo e lo stesso Milan sta iniziando a prendere seriamente forma. De Laurentiis aveva il dovere di provare a rinforzare questa squadra. Dovrà competere su due fronti e, se ha deciso solo di partecipare, è un conto ma se pensa di voler giocare per vincere, questo Napoli non è assolutamente attrezzato. Dopo aver sfiorato lo scudetto, e dopo aver ingaggiato Ancelotti, la logica ti porta a pensare ad un rilancio per il tricolore. Invece il Napoli non si è rinforzato e, almeno sulla carta, passa da essere l’anti Juve ad una delle 4 pretendenti alla zona Champions. Spiegarlo ad un tifoso del Napoli non è semplice. Va bene i conti in ordine che vengono, giustamente, prima di tutto ma le ambizioni di una piazza vanno coltivate anno dopo anno. C’è anche troppa confusione interna. Il mercato dovrebbe farlo il Direttore Sportivo, invece, lo fa in prima persona il Presidente che spesso sconfessa anche il suo stesso DS, sull’orlo di una crisi di nervi. Nel frattempo prende il Bari per rilanciarlo ma non si preoccupa di come deve tenere ad alta quota il suo primo club. Insomma, finora, non si è rivelata un’estate esaltante per De Laurentiis. Ha a disposizione ancora cinque giorni per sorprenderci. Ferragosto si avvicina e l’assalto a Belotti sarebbe l’unica risposta a tante chiacchiere".