Fedele su Il Roma: "Non credo alle laute offerte del Psg per Allan! Se sono superiori a 50mln non esiterei a cederlo..."

L'analisi
14.01.2019 11:10 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Enrico Fedele per Il Roma
Fedele su Il Roma: "Non credo alle laute offerte del Psg per Allan! Se sono superiori a 50mln non esiterei a cederlo..."

Una vittoria e una qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia che hanno messo in evidenza tre punti importanti. Il primo riguarda Lorenzo Insigne, finalmente riutilizzato nel suo ruolo sulla fascia sinistra, dove sa mettere in evidenza tutte le sue brillanti qualità di assist-man e di realizzatore, anche se ieri sera non ha avuto fortuna in fase realizzativa. Secondo: è una riflessione sul ruolo di Fabian Ruiz che, pur disputando un’ottima gara, ha giganteggiato soprattutto quando è entrato Allan a centrocampo perché non può fare il regista ma deve giocare a ridosso delle punte, negli ultimi trenta metri dove può far male all’avversario. Vedi il raddoppio di ieri nel finale. Il terzo punto lo dedico al buon Koulibaly a cui faccio una tiratina d’orecchie: attualmente è il numero uno forse al mondo nel suo ruolo, ma deve capire che il suo compito di difensore è quello di togliere la palla all’avversario e appoggiarla al compagno. Guai a insistere, come spesso ha fatto ieri sera e in altre occasioni, nel tentativo di fare aperture di 40 metri perché rischia di fare figuracce e di sbagliare il passaggio. Dopo queste riflessioni devo confessare di aver visto un Napoli molto arrugginito contro un Sassuolo composto da discreti orchestrali che De Zerbi tenta inutilmente di trasformare in primi violinisti. E ora pensiamo al ritorno in campionato e alla Lazio, che arriva domenica al San Paolo. Ma vorrei chiudere con le voci di mercato: sinceramente non credo alle laute offerte che arrivano dal Psg per Allan. Se fossero vere e superiori ai 50 milioni non esiterei a cederlo, così come gli eventuali 100 milioni per Koulibaly li metterei in cassa subito, nel rispetto della ottima gestione finanziaria della società. De Laurentiis ha l’obbligo di rifiutare queste cifre “drogate” solo se nei suoi programmi c’è l’obiettivo di sfidare la grande potenza Juve, ma in questo caso dovrebbe non solo non vendere ma rafforzare l’organico con l’acquisto di altri campioni. Ma c’è la forza economica per farlo?