Il Roma - Fiorentina mai doma, ma la Banda Bassotti funziona ancora

La Juve chiama, il Napoli risponde. Vincono gli azzurri all'esordio in una sfida di grande spettacolo in casa della Fiorentina.
25.08.2019 13:15 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Salvatore Caiazza per Il Roma
© foto di www.imagephotoagency.it
Il Roma - Fiorentina mai doma, ma la Banda Bassotti funziona ancora

La Juve chiama, il Napoli risponde. Vincono gli azzurri all'esordio in una sfida di grande spettacolo in casa della Fiorentina. Ci sono voluti quattro gol per poter battere una Viola mai doma e tenere subito il passo della Signora che grazie a Chiellini ha espugnato Parma. Si sono divertiti molto i tifosi presenti all'Artemio Franchi. Non è facile vedere sette gol in una partita. Sembrava di assistere ad un match di Premier League e non di serie A. Ben vengano sfide del genere per il pallone nostrano. Ha cominciato con tre punti, dunque, la sua seconda stagione alla guida del Napoli il buon Ancelotti. È voluto partire con il modulo provato e riprovato fin dal primo giorno di ritiro. Ha scelto gli uomini migliori che, però, nella prima mezzora sono stati messi in mezzo dai toscani. Ha funzionato veramente poco e i padroni di casa, grazie anche alla spinta del pubblico, hanno fatto bella figura. Il gol dopo nove minuti di Pulgar su rigore sembrava dovere dare il la ad una storica serata per la Fiorentina. Ma Montella non aveva fatto i conti con la qualità degli azzurri. E soprattutto di Mertens che al 38' infilava il suo destro nel sette dove Dragovic non ci poteva arrivare. Sempre Ciruzzo si conquistava un rigore molto dubbio trasformato da Insigne. Un uno due che stonava la Viola. Ma non per molto perché nella ripresa cominciava il vero spettacolo. Con altri gol. Ma uno più lo ha segnato il Napoli che in una pazza partita ha incassato il primo successo stagionale. Si sapeva che non sarebbe stato facile e così è stato ma alla fine il risultato è stato favorevole ad Ancelotti che alla vigilia era stato chiaro: "Quest'anno siamo più forti ". E se il Napoli è quello che ha mostrato tutta quella qualità bisogna dargli ragione. Senza Milik, l'attaccante titolare, si pensava ad una sfida con qualche difficoltà offensiva. Ed, invece, no. Sono andati a segno i famosi piccoletti che fecero la fortuna di Sarri. Addirittura Insigne ha siglato una doppietta. La sua quarta rete è stata quella decisiva per il successo finale. Il tris al poker si è arrivati con una giocata a tre dei bassotti. Una goduria non da poco per gli amanti del pallone. Qualcosa, però, va rivisto in difesa. Si è permesso troppo agli avversari. Sicuramente alla prima non si poteva pretendere chissà che cosa ma tre gol sono tanti per una squadra che punta allo scudetto e vuole fare bella figura in Champions. Anche a centrocampo la coppia a due Allan-Zielinski non ha brillato. Ma Ancelotti si è segnato tutto nella mente e alla ripresa, dovendo preparare la gara con la Juve, capirà dove si è sbagliato.