Il Roma - Mertens, da anonimo a bomber straordinario da “Pallone d’Oro”

Lo scrive "Il Roma"
 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:   articolo letto 8238 volte
Fonte: Salvatore Caiazza per il "Roma"
© foto di Insidefoto/Image Sport
Il Roma - Mertens, da anonimo a bomber straordinario da “Pallone d’Oro”

Era in Nazionale quando ha saputo di essere stato inserito nella lista del “Pallone d’Oro”. È rimasto sorpreso Dries Mertens quando gli hanno detto che faceva parte dei trenta calciatori più forti al mondo che ambiscono a questo riconoscimento. Prima di lui nel Napoli era toccato a Cavani, poi nulla più. Naturalmente a permettergli di raggiungere questo traguardo è stata la splendida esibizione nella scorsa stagione. I gol segnati a ripetizione non sono passati inosservati. Da anonimo esterno sinistro offensivo, è diventato, grazie all’intuizione di Sarri, un bomber assoluto. Ha praticamente superato in tutto anche Gonzalo Higuaìn. Il Pipita, infatti, neanche quando siglò 36 reti in azzurro ebbe questo riconoscimento. Inutile dire che Mertens sa di non poterlo vincere. Davanti ci sono mostri sacri e se la giocheranno sempre Cristiano Ronaldo e Leo Messi. Il portoghese è senza dubbio favorito avendo vinto la Champions per il secondo anno consecutivo. Ma già il fatto di poter far parlare di sè nel mondo pallonaro è qualcosa di eccezionale. Da quando si fece male Milik la prima volta e Sarri lo schierò da prima punta è cambiato tutto per Dries. Il modo di giocare e soprattutto è aumentato il suo numero di gol. A trent’anni nessuno si aspettava che potesse avere una evoluzione del genere. Eppure grazie alla sua buona volontà ma alle qualità che aveva dentro è riuscito a diventare protagonista. Va detto, infatti, che quando si giocava il posto con Insigne veniva considerato una seconda scelta. Tutti dicevano che era bravo a partire dalla panchina per poi entrare e spaccare le partite. Lo stesso allenatore azzurro si è dovuto ricredere. Mertens è diventato un fenomeno che segna in tutti modi. Addirittura contro la Lazio lo ha fatto alla Maradona.

GUAI A FERMARSI. Dries è tornato carico dalla Nazionale. ha conquistato il pass diretto per i Mondiali in Russia e ha ricevuto, come detto, la notizia di essere tra i trenta in gara per il “Pallone d’Oro”: Attualmente è l’oro di Napoli e questa è una certezza. Grazie anche ai suoi gol ci si ritrova in testa alla classifica della massima serie. Ma per restarci ci vuole continuità di successi. Ecco, quindi, che sabato sera contro la Roma all’Olimpico si dovrà fare in modo di vincere ancora. L’anno passato siglò una doppietta che valse i tre punti. Nel finale ci pensò Reina a difendere l’1-2. Anche in questa nuova stagione lo stadio capitolino gli ha portato fortuna. Come detto, siglò la rete del 3-1 con un pallonetto dalla distanza che ricordò quello di Maradona. Adesso che gli esami delle Nazionali sono finiti bisogna concentrarsi solo ed esclusivamente sul Napoli. Resta l’unica prima punta di ruolo visto che Milik è fuori gioco. Sotto porta è un cannibale e tutti si aspettano che possa fare la differenza nuovamente. Con la Roma e all’Olimpico.