Mazzarri va all'Inter e... scarica di nuovo Gargano

Che tra i due Walter non ci fosse più tanta simpatia è risaputo
09.06.2013 15:40 di Redazione Tutto Napoli Twitter:    Vedi letture
Fonte: Giovanni Scotto per il Roma
Mazzarri va all'Inter e... scarica di nuovo Gargano

Che tra i due Walter non ci fosse più tanta simpatia è risaputo. Mazzarri  e Gargano si  erano separati  quasi un anno  fa, quando sotto  le insistenze  dell’ex allenatore  del Napoli il  centrocampista  fu ceduto nell’ultima  fase di  mercato all’Inter.  Decisione  presa perché  con l’arrivo di  Behrami l’uruguaiano  si sentiva  (giustamente) fuori dai  titolari, e la cosa  non gli era  gradita. Mazzarri,  però, non  voleva musi  lunghi e mal  sopportava la  forte personalità  del Mota,  che si sentiva  un protagonista  dello spogliatoio  del Napoli. Meglio fargli  cambiare aria,  quindi, e perché  no, toglierselo  dalle scatole.  Ma gli eventi hanno creato una situazione  paradossale. Anche Mazzarri  è andato via da Napoli, e all’Inter  ha ritrovato proprio quel  Walter Gargano che nessuna voglia  aveva di allenare di nuovo. Questioni più che altro di carattere,  ma anche voglia di cominciare  un progetto senza “minestre riscaldate”.  Peccato, però, che l’Inter avrebbe un obbligo di riscatto  nei confronti del “Mota”, che lo  scorso anno è arrivato in prestito  con diritto di riscatto fissato a 5 milioni di euro. Solo un diritto, in  effetti, perché l’obbligo di riscatto  non esiste, e in fondo non avrebbe  senso. Ma il presidente merazzurro  Moratti si era impegnato a  riscattare il centrocampista, anche  a costo di un piccolo sconto a 4,5  milioni di euro. Nel calcio, in questi  casi, basta una stretta di mano,  ma l’Inter è pronta a deludere De  Laurentiis e rompere l’accordo. Il  tutto per accontentare Walter Mazzarri,  e perché no, risparmiare di  spendere cinque milioni di euro  per un giocatore che non ha fatto  vedere cose ottime, e di questi  tempi risparmiare qualche milioni  può cambiare le sorti del mercato  e dei bilanci di una società.  A De Laurentiis questa cosa non  fa certo piacere: già i rapporti tra il  presidente azzurro e il ds interista  non sono idilliaci, ma ora il caso  Gargano rischia di sancire definitivamente  la rottura tra le due società.  Il ritorno di Gargano sarà una  brutta gatta da pelare per il ds azzurro  Riccardo Bigon: oltre al mancato  introito del riscatto, il dirigente  dovrà sottoporre a Benitez il  verdetto definitivo. Ma il “Mota”  ha un ingaggio notevole, e la linea  sarà quella della cessione, senza dimenticare che il caratterino dell’uruguaiano  male si concilierà con un ruolo di secondo piano.