"Pretendiamo la coppa Uefa": la Digos indaga sugli striscioni che hanno invaso la città

Il questore di Napoli Antonio de Iesu: "Gli striscioni in città? Non diamo enfasi e non siamo allarmati ma la Digos lavora per capire il gruppo di tifosi che ha promosso questa iniziativa"
17.04.2019 10:40 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
"Pretendiamo la coppa Uefa": la Digos indaga sugli striscioni che hanno invaso la città

"Pretendiamo la coppa Uefa". Gli striscioni della curva B sono stati esposti ieri in tutta la città. Gli striscioni firmati "Curva B" sono stati esposti anche all'esterno dello Stadio San Paolo, dove si giocherà la sfida di ritorno con l'Arsenal in cui gli azzurri sono chiamati alla remutanda dopo il 2-0 dell'andata, e anche a Castel Volturno, dove gli azzurri stanno preparando la sfida. Un clima, insomma, infuocato per la gara di giovedì. Ma gli striscioni hanno invaso la città. Ne sono spuntati anche a piazza Carlo III e Secondigliano (nelle foto in basso), così come a Piazza Garibaldi e in via Capodimonte. 

INDAGA LA DIGOS.

"Una scritta perentoria che ha messo in allarme le forze dell’Ordine. Un clima molto infuocato che di certo mette molta pressione alla squadra prima della sfida con l’Arsenal valida per il ritorno dei quarti dell’Europa League" scrive l'edizione odierna del Corriere del Mezzogiorno che riporta le parole del Questore de Iesu che a radio Marte ha spento sul nascere ogni preoccupazione. "Gli striscioni in città? Non diamo enfasi e non siamo allarmati ma la Digos lavora per capire il gruppo di tifosi che ha promosso questa iniziativa".