James, il silenzio di Ancelotti e l’ultimo colpo per meritarsi quel ’10’

Calciomercato Napoli: dopo Lozano gli azzurri valutano le ultime possibilità sul mercato, James Rodriguez resta sempre sullo sfondo
23.08.2019 18:30 di Arturo Minervini Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
James, il silenzio di Ancelotti e l’ultimo colpo per meritarsi quel ’10’

(di Arturo Minervini) - “Ogni realtà è un inganno”. Rubando una delle massime più celebri di ‘Uno, nessuno e centomila’ si può provare a riassumere questi ultimi giorni del calciomercato, resi ancor più appetitosi perché arriva il giudice supremo: il campo. Già perché mentre il Napoli si prepara all’esordio sul campo di una Fiorentina ringalluzzita dall’arrivo della nuova proprietà ed esaltata, forse troppo, dall’avvento del 36enne Ribery, sullo sfondo restano le ultime operazioni di mercato da definire.

Le parole di Carlo. “Voto al mercato di Giuntoli? 10! Vogliamo lottare per vincere il campionato, di più non posso dire”. Così Ancelotti in conferenza ha risposto convinto alle domande dei cronisti, nascondendo magari quello che è da tempo un suo desiderio, mistica convinzione che ha assunto per settimane i panni di una chimera prima ad un passo e poi lontanissima. Il tecnico ha promosso le operazioni in entrata e non ha voluto rispondere alle domande su James Rodriguez, netta inversione di tendenza rispetto alle scorse settimane quando aveva dichiarato: “C’è la volontà del Real Madrid di cederlo e la volontà del Napoli di prenderlo”. Era il 25 luglio e difficilmente nel cuore e nella testa di Ancelotti l’idea sul colombiano può essere cambiata.

El Bandido dalla faccia d’angelo per meritare davvero quel voto. Già, perché il Napoli ha fatto sin ora un mercato molto importante. Ha blindato tutti i big (cosa che in troppi notano o fanno notare) ed ha inserito nella rosa calciatori di primissimo livello come Manolas e Lozano, oltre alla promessa Elmas ed al sostanzioso Di Lorenzo. Resta però l’ultimo capriccio. Il graffio finale, la pennellata che renderebbe il quadro ancora più esaltante. Un tocco poetico, una spolverata di magia in salsa colombiana che darebbe ulteriore lustro alle scelte del club ed alle ambizioni della squadra. James Rodriguez sarebbe più di una ciliegina. Sarebbe una dichiarazione d’intenti bellicosa all’intero campionato. Quella di un Napoli che non vuole accontentarsi stavolta dello scettro di bella e non vincente, ma che prova a dare l’assalto alla diligenza guidata da troppo tempo dall’esercito bianconero. Tra i centomila nomi fatti in questa estate, uno soltanto potrebbe scatenare l’effetto big-bang nel cuore dei tifosi: ad oggi è confinato nel limbo madrileno, sognando magari di vestire l’azzurro prima di quel maledetto ormai 2 settembre…