Ancelotti: "Primo anno di transizione, ora pronti a colpire! 4-4-2 solo in fase difensiva, poi due varianti. Su Sarri alla Juve..."

Sulla scelta di abbandonare la linea difensiva di Sarri: “Non è mancata la disponibilità dei calciatori al cambiamento
10.06.2019 09:02 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Ancelotti: "Primo anno di transizione, ora pronti a colpire! 4-4-2 solo in fase difensiva, poi due varianti. Su Sarri alla Juve..."

Carlo Ancelotti compie oggi 60 e per questo evento speciale ha rilasciato una interessante intervista al Corriere dello Sport, nella quale ha tracciato un bilancio della sua prima stagione al Napoli e cercato di volgere lo sguardo anche al futuro: “Quest’anno abbiamo fatto cose nuove, penso alla costruzione da dietro con tre o con due centrale. Il mio staff è giovane e mi tiene vivo e mi mantiene aggiornato".

Sul ruolo del figlio Davide: “È la voce critica, forse anche per via della confidenza. Lo ascolto, ascolto tutti e traggo le mie conclusioni”.

Sulla scelta del 4-4-2: “È un sistema che permette di coprire meglio il campo e migliora in prevalenza l’aspetto difensivo. A livello offensivo abbiamo fatto il 3-1-5-1 altre volte il 2-3-4-1. Il 4-3-3? Ha poca densità offensiva centralmente, spesso il centravanti si trova in uno contro 2". 

Sulla stagione: “Fino a dicembre la squadra è andata benissimo, se non avessimo avuto il Liverpool nel girone di Champions saremmo passati tranquillamente. Alla ripresa qualcuno è calato e ci siamo ritrovati solo nella fase finale. Il primo anno è di transizione”. 

Sulla scelta di abbandonare la linea difensiva di Sarri: “Non è mancata la disponibilità dei calciatori al cambiamento. Non bisogna trascurare il fatto che sulla difesa ha pesato molto la lunga assenza di Albiol”.

Cosa pensa del possibile passaggio alla Juve di Maurizio Sarri: “Il legame tra Sarri e i napoletani è stato molto forte, così come la sua adesione al progetto e alla napoletanità. È comprensibile che qualcuno lo viva male, ma Sarri è un professionista e a volte il mestiere ti porta a fare scelte che disorientano. Il tempo aggiusta tutto". 

Lo scorso anno avevi detto ‘Mica sono qui a pettinare le bambole”. Da agosto chi pettinerai?

“La fionda è tirata e pronta a colpire”.