Il punto di Del Genio a TN: "I 5 ruoli in cui intervenire sul mercato. Icardi solo un gioco, James più di una suggestione: ecco dove può giocare. Sulle amichevoli col Barça..."

Nel consueto appuntamento settimanale con il nostro microfono, è così che si esprime sulle necessità del Napoli per quel che riguarda le entrate.
11.06.2019 07:40 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Il punto di Del Genio a TN: "I 5 ruoli in cui intervenire sul mercato. Icardi solo un gioco, James più di una suggestione: ecco dove può giocare. Sulle amichevoli col Barça..."

Finito il campionato, andiamo oltre l'analisi tattica con Paolo Del Genio. Di tattica ne parliamo, ma ovviamente in questo periodo non può mancare il mercato. Più in là, anche il ritiro. Nel consueto appuntamento settimanale con il nostro microfono, è così che si esprime sulle necessità del Napoli per quel che riguarda le entrate: "In questo momento direi che per completare l'organico e avere le coppie in ogni ruolo mancano cinque giocatori circa: un laterale sinistro, due centrocampisti, un altro esterno d'attacco - o trequartista, che dir si voglia - e una prima punta alternativa a Milik. Quindi cinque giocatori, se vengono confermate le partenze di Hysaj, Mario Rui, Diawara, Rog, Ounas e Verdi. Sei uscite e altre cinque entrate, dopo quella già chiusa di Di Lorenzo. L'anno scorso non c'era l'alternativa a Milik, quest'anno dovrà esserci".

Inglese non sarebbe pronto? "Se il Napoli fa un grande investimento su trequartista o esterno d'attacco, come James Rodriguez, a quel punto per il ruolo di punta alternativa a Milik, non potendo andare più su calciatori importanti, potrebbe tenersi Inglese".

Ti piace la suggestione James Rodriguez? "James non è una suggestione, è più di un'idea e credo anche una trattativa. E' una voce che dà tempo gira e penso che sia completa. Il primo passaggio fondamentale era aspettare il mancato riscatto del Bayern Monaco, per capire con chi trattare. Nel momento in cui il Bayern non l'ha riscattato, la trattativa va fatta con il Real Madrid e il Napoli con il Real Madrid ci sta parlando, per tanti motivi. Per tantissimi motivi non credo che James resti a Madrid. Se non escono improvvisamente squadre di primissima fascia su James, il Napoli ha serie possibilità di spingere".

Quale sarebbe la posizione a lui più congeniale? "Tre posizioni. Innanzitutto dietro la prima punta, alle spalle di Milik, perché ha grande qualità e può dare una gran mano ai centrocampisti centrali o i tempi buoni per smistare sugli esterni. Può giocare esterno a destra, perché è un mancino, quindi rientrando nel campo può dare tanta qualità in certe partite in cui l'aspetto tattico difensivo conta meno sarebbe meglio avere uno che crea la superiorità, come James. E come terzo ruolo direi che in partite di forte caratterizzazione offensiva, vado sul centrocampista centrale, perché le capacità le ha".

Capitolo Icardi, questa sì una suggestione. "Se Ancelotti dice che l'attaccante che serve al Napoli è quello forte in area di rigore, sotto porta, che butti i palloni dentro e basta va bene. Perché queste sono le caratteristiche di Icardi, le cui doti di realizzazione sono fuori discussione. Non ne ho però mai sentito parlare seriamente, per quel che riguarda il mercato, quindi sì, direi che è una suggestione che può diventare anche tormentone. Quando si comincia a parlare in questi termini mi sembra tutto un gioco e basta, non credo che ci sia qualcosa di concreto".

Due amichevoli col Barcellona negli Stati Uniti ad agosto: scelta inedita per la preparazione del Napoli. "Credo che prima o poi fosse inevitabile, visto il livello raggiunto, che il Napoli venisse coinvolto in amichevole di questo tipo, lontanissime dall'Italia. Si torna in Italia a due settimane dall'inizio del campionato, non dovrebbero esserci condizionamenti sulla preparazione fisica. Le tournée al massimo possono condizionare, perché sono più lunghe, anche se comunque ormai i calciatori sono abituati. L'importante è fare bene la preparazione".