James, la risposta mediatica a CR7: ma il club è pronto al quarto giocatore più 'seguito' al mondo?

Il Napoli andrebbe ad assicurarsi una risposta - almeno mediatica, ma i numeri con Ancelotti sono i più alti della sua carriera - al colpo CR7.
12.06.2019 16:20 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Image Sport
James, la risposta mediatica a CR7: ma il club è pronto al quarto giocatore più 'seguito' al mondo?

Con l'eventuale acquisto di James Rodriguez, il Napoli non si assicurerebbe solo un giocatore dal talento cristallino, capace pure senza un ruolo da protagonista di chiudere al Bayern un biennio con la media di un gol o un assist ogni 98 minuti, ma anche una chiave per accelerare la crescita dell'intero club. Il colombiano è una stella assoluta in Colombia, ma ha tifosi in tutto il mondo da quel mondiale 2014 che chiuse come rivelazione e scarpa d'oro nonostante l'eliminazione ai quarti, facendo innamorare anche l'Europa con i suoi numeri (17 gol e 18 assist il primo anno al Real, 14 assist anche l'anno scorso al Bayern), ma anche il modo di stare in campo (quest'anno è primo in Europa per media passaggi chiave a partita, 4.0 contro i 3,3 di De Bruyne)

Con il classe '91, il Napoli andrebbe ad assicurarsi una risposta - almeno mediatica, ma i numeri con Ancelotti sono i più alti della sua carriera - al colpo CR7 della Juventus. James è il quarto calciatore più seguito al mondo sui tre principali social network con oltre 92mln di followers (42mln su Instagram, 32 su FB e 18 su Twitter) alle spalle solo di Messi (208mln), Neymar (219mln) e CR7 (366mln), quest'ultimo capace di trascinare anche la Juventus nella top10 europea con i 10mln di followers su Instagram diventati il triplo. Per capire le dimensioni mediatiche del trasferimento: il Napoli ha un seguito su Instagram - il social in maggiore sviluppo - di 1,5mln e solo da poco Insigne e Koulibaly hanno raggiunto il milione (il più seguito è il colombiano Ospina, 3,7mln, escludendo Ancelotti con 4,7mln) Ed al giorno d'oggi il seguito sui social indirizza le sponsorizzazioni dei grossi marchi, alcuni direttamente sugli stessi post. Oltre allo sponsor tecnico: quell'Adidas che ha anche James tra i principali testimonial e - col Napoli ad un anno dalla scadenza da Kappa - non è una situazione da sottovalutare.

Un solo giocatore, che non sia Messi e o CR7 non può incidere così tanto, ma James andrebbe contestualizzato in un club che non è al top in Europa e che a livello commerciale e d'immagine non rientra neanche nelle prime 25. Non ci sarebbe, in patria e non solo, lo stesso entusiasmo come per l'approdo al Real Madrid (trasferimento record all'epoca da 80mln, il quarto più costoso di sempre), ma le 350mila magliette vendute in 48 ore al suo approdo al Bernabeu rappresentano ancora un record e basterebbe venderne in totale anche solo un quinto per triplicare il dato annuale del Napoli che non è nelle prime 5 neanche in Italia (anche se quest'anno s'è attrezzato con un brandstore Amazon, sopperendo parzialmente al gap sugli store). Starebbe poi al club provare a sfruttare il trasferimento, per quello stadio virtuale sempre più determinante, ma anche anche a livello locale per riaccendere l'entusiasmo della tifoseria nello stadio reale. Al Bernabeu dove i campioni non sono mai mancati ci furono 50mila tifosi solo per vederlo palleggiare, dopo la presentazione davanti ai media di tutto il mondo per un vero e proprio James-day. Non di certo alla radio locale ufficiale, dopo mesi dall'arrivo, come avviene da anni. Il Napoli sarebbe pronto a sfruttarlo a pieno sotto questi aspetti?