Di Francesco in conferenza: "Napoli non mi ha impressionato, col gol di Rigoni gara sarebbe cambiata..."

14.09.2019 20:48 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Di Francesco in conferenza: "Napoli non mi ha impressionato, col gol di Rigoni gara sarebbe cambiata..."

Momento complicato per la Sampdoria, che al San Paolo incassa la terza sconfitta nelle prime tre uscite di campionato. Tra poco l'analisi in conferenza stampa del tecnico Eusebio Di Francesco che proverà ad analizzare i motivi della sconfitta con il Napoli.

Sul cambio modulo - "Dopo aver preso tanti gol abbiamo scelto di cambiare atteggiamento per non subire troppo in fase difensiva. Nella prima mezz'ora abbiamo fatto bene, dopo la prima rete abbiamo avuto le nostre occasioni per fare gol. Di fronte avevamo una squadra più forte, è normale che ci potessero creare problemi. Nella ripresa abbiamo spesso sbagliato la scelta finale".

La Samp ha osato tutto quello che poteva osare? - "Quando vieni da risultati negativi incide anche l'aspetto mentale. Avevamo di fronte una grande squadra, Rigoni ha avuto una grande occasione per fare gol che poteva cambiare il match. Sicuramente in questo momento non ci gira bene..."

Col gol di Rigoni sarebbe cambiato il match? - "Il Napoli è una squadra con grande qualità, sicuramente in quella occasione abbiamo avuto una grande possibilità che abbiamo sciupato. Credo che sia stata la migliore Sampdoria vista in queste prime tre partite".

Sui miglioramenti di Quagliarella - "Ho snaturato un pochino il mio credo proprio per avvantaggiare lui. Sia per età, che per caratteristiche, in questo momento se ha dei calciatori che gli giocano vicino può rendere meglio".

Che impressione le ha fatto il Napoli? - "Non mi ha impressionato rispetto a prestazioni dello scorso anno. Sicuramente è una squadra forte e che ha inserito anche altri giocatori molto validi, ad esempio Llorente".

Come vive questa posizione da ultimo in classifica? "Siamo solo all'inizio. So quello che posso dare a questa squadra e sono sicuro di poter fare ancora meglio. Vorrei prendere subito qualche punto già dalla prossima gara, per l'autostima della squadra".

Sui risultati incidono le questioni societarie? "Voglio stoppare queste voci, io penso al campo e voglio pensare ad allenare. Al resto ci penseranno gli altri".