Per 60mln non si inizia nemmeno a trattare

La sensazione è che Aurelio De Laurentiis non voglia rinunciare al talento spagnolo, forte di un contratto che vincola l’ex Betis fino al 2023
06.04.2020 07:52 di Arturo Minervini Twitter:    Vedi letture
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
Per 60mln non si inizia nemmeno a trattare

(di Arturo Minervini) - Svalutation sì, ma non esageriamo.Con il salario di un mese compri solo un caffè, Gli stadi son gremiti ma la gente dov’è” cantava nel suo inno Adriano Celentano che ci ricorda che alcune cose cambiano, altre invece non cambieranno mai. 

Gli stadi, purtroppo, sono vuoti e desolati in questa emergenza mondiale, il costo d’acquisto invece resta in calo costante. Regola che si abbatterà come mannaia anche sul mondo del calcio, con alcuni siti specializzati che hanno già preventivato una perdita del valore delle rose per le squadre della nostra Serie A vicina al 30% .

Inevitabile che i prezzi di alcuni calciatori si abbasseranno, ma il discorso riguarda calciatori che hanno superato i 30 anni o giù di lì. Difficile pensare che il Napoli, ad esempio, possa pensare di prendere in considerazione l’idea di svendere un talento come Fabiàn, che appena 3 giorni fa ha soffiato su 24 candeline che sono una grande promessa per il futuro. 

Con insistenza in questi giorni si parla di una possibile cessione al Real Madrid per 60 mln, con un possibile scambio con il classe ’91 Lucaz Vazquez con eventuale conguaglio. La sensazione è che Aurelio De Laurentiis non voglia rinunciare al talento spagnolo, forte di un contratto che vincola l’ex Betis fino al 2023. Per far barcollare il patron del Napoli serviranno offerte irrinunciabili, ben più alte dei 60 milioni prospettati.