Ad Anfield con la filosofia di Klopp: come Spalletti ha cambiato il Napoli

La squadra di Luciano Spalletti domani sarà protagonista nella suggestiva cornice di Anfield, dopo cinque vittoria schiaccianti di fila
31.10.2022 08:40 di Antonio Gaito Twitter:    vedi letture
Ad Anfield con la filosofia di Klopp: come Spalletti ha cambiato il Napoli
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

E' già vigilia di Champions per il Napoli. La squadra di Luciano Spalletti domani sarà protagonista nella suggestiva cornice di Anfield, dopo cinque vittoria schiaccianti di fila, con l'obiettivo di chiudere il girone al primo posto e quindi evitare sulla carta l'incrocio agli ottavi almeno con una delle strafavorite per la vittoria finale. Gli azzurri perderebbero il primo posto solo con una sconfitta con quattro reti di scarto, ma senza dubbio Spalletti ed il gruppo azzurro scenderanno in campo con l'obiettivo di vincere e proseguire la striscia vincente, considerando anche la propria filosofia e la poca predisposizione a speculare o accontentarsi.

Gegenpressing come il (primo) Liverpool di Klopp
I reds vivono un momento di difficoltà, hanno smarrito le certezze di questi anni, ma il Napoli in molti aspetti del suo gioco sembra ricordare proprio il miglior Liverpool di Klopp. Spalletti ha portato la sua squadra al primo posto in Serie A per pressioni tentate e pressione vinte, riaggredendo immediatamente con tanti giocatori in zona palla. Un modo per soffocare l'avversario, dominare la gara, ed evitare di subirla come capitato nelle gare decisive nel finale dello scorso campionato.

Com'è cambiato il Napoli
In aiuto di Spalletti è arrivata anche la rivoluzione estiva ed ora l'organico sembra disegnato proprio per un calcio più veloce, verticale ed aggressivo. A giocatori di gamba come Osimhen e Lozano, il club è riuscito ad aggiungere altri elementi che - al di là delle loro qualità tecniche - in non possesso hanno gamba, strappi e resistenza in pressione come Kvaratskhelia e Simeone. Ed una panchina più lunga ed omogenea permettono un gioco più dispendioso e la gestione delle forze con i cinque cambi.