Altro che Mister X, l'uomo di Gattuso è Mister Z!

26.02.2020 08:04 di Gennaro Di Finizio Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Altro che Mister X, l'uomo di Gattuso è Mister Z!

Un pareggio dal retrogusto amaro, se si pensa che la vittoria era davvero ad un passo, ma allo stesso tempo dolce e inebriante, calcolando che di fronte c'è una squadra tra le migliori al mondo come il Barcellona. Il Napoli di Gattuso ha riscoperto se stesso, in una stagione dove anche i campioni del Liverpool non sono riusciti a superare gli azzurri (anche se all'epoca sulla panchina sedeva Carlo Ancelotti).

Un Napoli diverso, rispetto a quello contro i reds, che ha riscoperto un modo di stare in campo inedito rispetto agli ultimi cinque anni e mezzo (3 sarrani e poi l'era ancelottiana), ma ha ritrovato anche alcuni giocatori in grado di riscrivere in maniera considerevole la propria stagione - se non la propria storia - in azzurro. 

A dar lustro alla serata del San Paolo è stato, tra gli altri, l'eterno miccia mai pronta (fino ad ora) ad esplodere: Piotr Zielinski è di sicuro l'uomo di Gattuso, quello con al quale il tecnico calabrese ha dato una continuità di rendimento sorprendente, rendendolo di fatto una delle colonne portanti del centrocampo azzurro. 

Sempre titolare sotto la gestione Gattuso (tranne nell'ultima uscita contro il Brescia), anche ieri Zielinski ha firmato una prestazione importante, di personalità e qualità. I numeri, poi, dimostrano quanto la cura Ringhio abbia dato effetti soprattutto sul polacco: durante la gestione Ancelotti un gol ed un assist in stagione, con Rino in panchina Zielinski ha collezionato in pochi mesi un gol e ben quattro assist. Dopo aver sentito tanto parlare di Mister X, per Gattuso l'uomo in grado di cambiare gli equilibri è mister Z(ielu).