RILEGGI LIVE - Juventus-Napoli 2-1, è finita: non basta il rigore di Insigne, azzurri ko!

premi F5 o aggiorna la pagina per seguire il live
07.04.2021 20:37 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
RILEGGI LIVE - Juventus-Napoli 2-1, è finita: non basta il rigore di Insigne, azzurri ko!
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

Termina 2-1 il match dell'Allianz Stadium. La Juve segna un gol per tempo con Ronaldo e Dybala, a nulla serve la reazione finale del Napoli e il rigore di Insigne al 90'. Azzurri ko.

20.37- Finisce il secondo tempo!

90’ - L’arbitro concede quattro minuti di recupero.

89' - GOOOOOL DEL NAPOLIIII! Insigne spiazza Buffon e accorcia le distanze. 

88' - CALCIO DI RIGORE PER IL NAPOLI! Fallo di Chiellini su Osimhen! 

83' - Il Napoli ora prova a cercare spazi, ma la Juventus è ben organizzata e non molla un centimentro.

81' - Cartellino giallo per Rrahmani che interviene duramente su Dybala

80' - Sostituzione tra le fila della Juve: esce Chiesa ed entra Arthur.

78' - Apertura per Mario Rui, che va subito al cross per Osimhen. Chiellini vince il duello aereo e devia in angolo.

76' - Doppio cambio del Napoli: escono Mertens e Hysaj, rimpiazzati da Elmas e Mario Rui.

73' - GOL DELLA JUVE! Palla di Bentancur per Dybala a ridosso dell'area. Da fermo tira a giro col mancino e batte Meret. 2-0 Juve.

71' - Fabian calcia dai 25 metri. Devia Buffon, attento sulla traiettoria.

69’ - Doppio cambio per la Juve: escono Morata e Cuadrado, dentro Dybala e Mckennie.

66' - Insigne imbuca per Hysaj, ma Cuadrado intuisce tutto e in scivolata anticipa l'albanese.

63' - Scintille tra Chiesa e Politano. Di Lorenzo placa gli animi.

60' - Morata cerca Chiesa, che in area spara su Meret. Si alza la bandierina: offside.

59' - INSIGNE! Doppia finta in area del capitano azzurro. Tiro in porta, Buffon è bravo. Corner Napoli.

56' - Palla in area per Osimhen, che calcia. Alex Sandro devia in angolo.

55' - OSIMHEN! Sponda di Osimhen per Insigne, che restituisce la palla al nigeriano: destro al volo largo.

54' - Ammonito Alex Sandro che stende Politano.

53' - Doppio cambio per il Napoli: escono Demme e Lozano, dentro Politano e Osimhen.

52' - Ripartenza della Juve con Morata che allarga per Cuadrado. Il colombiano calcia in porta, tiro che termina a lato.

50' - Rabiot crossa per Chiesa, che è solo in area: di testa però spedisce a lato.

49' - DI LORENZO! Insigne allarga per l'ex Empoli che calcia in porta col destro. Buffon respinge.

47' - Nessun cambio all'intervallo, in campo gli stessi ventidue del primo tempo!

19.48 - Inizia il secondo tempo!

Dopo 45 minuti la Juventus è in vantaggio sul Napoli. Decide il gol di Cristiano Ronaldo. Proteste sia dei bianconeri che degli azzurri per due rigori non concessi. Squadre negli spogliatoi.

19.32 - FINE PRIMO TEMPO!

45' - L’arbitro concede un minuto di recupero.

44' - Intervento di Danilo in area su Zielinski. Il brasiliano tocca il polacco, per l'arbitro è tutto regolare. Protesta il Napoli.

41' - Cuadrado strappa in mezzo al campo e appoggia a Chiesa in area. Conclusione alta dell'ex viola.

40' - INSIGNE! Il capitano azzurro si accentra e viene coinvolto da Di Lorenzo. Tiro con il destro di poco alto sopra la traversa.

38' - Duetto tra Danilo e Cuadrado. Il colombiano conclude, ma Meret blocca in due tempi.

36' - Dopo un check con il VAR Mariani fa segno di ripartire: per gli arbitri non è calcio di rigore.

34' - Proteste bianconere per un presunto fallo in area di Lozano su Chiesa. Il giocatore della Juve resta a terra.

31' - I ritmi ora sono leggermente più bassi rispetto ai primi minuti. Juve in possesso, chiude gli spazi.

29' - Cross di Danilo, palla che attraversa tutta l'area e termina sul fondo.

26' - Bella chiusura di Koulibaly su Morata: il senegalese evita anche il calcio d'angolo.

23' - Il Napoli fa giropalla alla ricerca di spazi. La Juve chiude tutte le linee di gioco.

21' - Ammonito Koulibaly per un intervento in scivolata su Bentancur. 

17' - Cross di Di Lorenzo, Buffon esce e blocca.

16' - Fabian conclude male dopo un bel velo di Zielinski: il suo tiro termina alto sopra la traversa.

13' - GOL DELLA JUVE! Chiesa va via a due uomini in slalom e mette in mezzo. Ronaldo si smarca dai difensori e batte Meret. 1-0 Juventus.

11' - Insigne mette una palla bassa al centro. Chiude Alex Sandro con un brivido.

10' - Sugli sviluppi dell'angolo, Rabiot trova la torsione giusta: colpo di testa largo di poco.

8' - Sbaglia la respinta Koulibaly, il pallone arriva a Chiesa. Il bianconera calcia, si immola Rrahmani e devia in corner.

6' - Insigne prova a cambiare campo, chiude Chiellini.

5' - Lozano sbaglia un retropassaggio e favorisce Morata. Il suo cross basso viene ribattuto in angolo.

4' - ZIELINSKI! Lancio lungo a cercare lo scatto di Lozano. Il messicano entra in aea e appoggia per Zielinski a rimorchio. Destro alto del polacco.

2' - RONALDO! Cross dalla destra di Danilo per Cristiano Ronaldo lasciato incredibilmente solo dalla difesa azzurra. A due passi da Meret liscia clamorosamente il pallone di testa.

18.46 - PARTITI! Inizia il match

18.42 - Tutto pronto, squadre in campo!

18.36 - Squadre rientrate, piccolo fastidio muscolare per Danilo nel riscaldamento.

18.30 - Fabio Paratici, direttore sportivo della Juventus, prima del big match con il Napoli, è intervenuto a Sky: "Avrebbe dovuto giocare Buffon già col Torino perché Szczesny veniva da tante partite consecutive, poi la squalifica all'ultimo istante ce l'ha impedito. Il mister ieri dopo la conferenza ha parlato con Szczesny per programmare questa gara e quelle che verranno e di comune accordo hanno deciso per un turno di riposo".

Che valore ha questa partita? "Mancano dieci partite, sono tutte e dieci molto importanti. Vale come le altre dieci, in un momento del campionato in cui le partite hanno maggior peso".

Pirlo può subire le pressioni per tutte le voci e l'ombra di Allegri? E voi dirigenti? "Noi da undici anni siamo a questo livello e di pressioni ne riceviamo ogni giorno. Le riceviamo quando vinciamo gli scudetti o i titoli, figuriamoci quando le cose non vanno come al solito. La stessa cosa vale per Andrea, è da anni a questi livelli. Da calciatori si è sempre preso tante responsabilità e le ha gestite con grande responsabilità. Non c'è problema".

Cosa accadrebbe se non arrivaste tra le prime quattro? "Noi pensiamo positivo e non a non arrivare tra le prime quattro. Cerchiamo di fare il nostro campionato, non ci pensiamo. E' un'ipotesi".

I giocatori sono sotto-rendimento? "Mi fa piacere che lo diciate perché io lo dico ai miei collaboratori da molto tempo. Il primo anno con Delneri avevamo Bonucci, Barzagli e Chiellini e tutti mi chiedevano di comprare difensori. Noi andavamo in giro per il mondo e la nostra convinzione era che migliori di questi ce ne fossero 2-3, Piqué, Ramos. Poi quest'idea si è rilevata corretta perché per dieci anni sono stati tra i migliori difensori al mondo. I giocatori che giocano in questa rosa sono competitivi: Rabiot è titolare della Francia, Arthur ha vinto una Copa America col Brasile un anno fa, Bentancur ha giocato già due Copa America e 100 partite con la Juventus. E posso proseguire con McKennie, una delle rivelazioni di questo campionato. Sono stagioni anche un po' strane, difficili, in cui ci sono tantissime componente. Non sono alibi, tutti noi dobbiamo metterci in discussione, ma allo stesso tempo fare valutazioni corrette e lucide sui calciatori".

Cos'ha avuto l'Inter più di voi? "Sono partiti con lo stesso tecnico, con un sistema e un'idea di gioco già radicata. Sappiamo come lavora Conte, è un martello e fa di questa organizzazione di gioco la sua forza. Questo è stato un vantaggio molto grande. Noi delle squadre di testa siamo gli unici ad aver cambiato il tecnico, non abbiamo avuto tempo per fare pre-campionato e questo ha portato a qualche passaggio a vuoto. Ci vuole qualche tempo in più. Inoltre abbiamo giocato tante partite in poco tempo. Sono tutti elementi validi. Questa stagione è molto più difficile da analizzare rispetto alle altre".

Vi siete messi in discussione, ma cosa vi manca? "Noi ci mettiamo in discussione e ci siamo sempre messi in discussione, anche quando vincevamo, ogni giorno. Siamo in grado di fare autocritica. Quest'anno non è differente dagli altri perché abbiamo 10 punti in meno. Non è la posizione di classifica che ci fa fare riflessioni sulla rosa. Le abbiamo fatte anche quando vincevamo. Dobbiamo lavorare per migliorarci, come abbiamo fatto ogni anno. Lo vedremo a fine stagione, ne parleremo con l'allenatore".

Avete fatto un pensierino ad Allegri per sostituire Pirlo? "In questo momento noi pensiamo a lavorare e fare il meglio possibile. Non c'è nessun ragionamento che va al di là delle partite e della fase tecnica. Il resto lascia il tempo che trova".

18.03 - Il Napoli inizia il riscaldamento

17.50 - Nel pre di Sky, il capitano della Juventus, Giorgio Chiellini, ha commentato il momento dei bianconeri: “Quando esci dalla Champions qualche strascico c’è sempre, l’abbiamo avuto anche negli anni scorsi, era da mettere in preventivo. Chiaramente speravamo in un risultato diverso, soprattutto col Benevento, perché col Torino abbiamo giocato nel modo giusto. Ora abbiamo una partita difficile davanti, contro una squadra che sta bene e ha grandi valori. Dovremo essere quasi perfetti per vincere”. Si parla molto del futuro di Pirlo. Come lo state vivendo? “Siamo focalizzati sulle partite. Chi ha giocato in grandi squadre è abituato a tutte queste chiacchiere, non ci tange con tutto il rispetto. Siamo molto concentrati sulle prossime partite, a partire da quella di oggi”.

17.37 - Diramale le formazioni ufficiali di Juventus-Napoli. Gattuso opera 6 cambi rispetto al match col Crotone: rientra Koulibaly dopo la squalifica, ma c'è anche Rrahmani al centro della difesa, con Di Lorenzo a destra e Hysaj preferito a Mario Rui. La quarta novità è il recupero di Demme, in coppia con Fabian, ed altri due ritorni arrivano in attacco con Lozano e Zielinski, nel terzetto con Insigne dietro Mertens. Pirlo conferma Cuadrado alto a destra, con Chiesa a sinistra, ed in attacco Morata-Ronaldo. Ancora out McKennie, Arthur e Dybala reduci dalla punizione. A sorpresa c'è Buffon tra i pali.

Juventus (4-4-2): Buffon; Danilo, De Ligt, Chiellini; Alex Sandro; Cuadrado, Bentancur, Rabiot, Chiesa; Morata, Ronaldo. A disp: Szczesny, Pinsoglio, Demiral, Di Pardo, Dragusin, Frabotta, Fagioli, McKennie, Arthur, Ramsey, Dybala, Kulusevski. All. Pirlo

Napoli (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Koulibaly, Hysaj; Demme, Fabian; Lozano, Zielinski, Insigne; Mertens. A disp: Contini, Ospina, Maksimovic, Mario Rui, Elmas, Bakayoko, Osimhen, Politano, Petagna, Manolas, Cioffi, Lobotka. All. Gattuso

17.16 - Arrivata anche la Juventus, a breve le formazioni ufficiali

17.10 - Il Napoli è appena arrivato allo Stadium

17.00 - Si avvicina il fischio d'inizio di Juventus-Napoli, recupero della 3a giornata di Serie A. Rientrano, dopo la punizione scontata nel derby, Arthur, McKennie e Dybala, al pari di Demiral, che è tornato negativo ieri. Fuori invece Bernardeschi, ancora positivo al Covid-19, e Bonucci, per lo stesso motivo.. Di seguito la lista dei giocatori convocati da Mister Andrea Pirlo per la sfida dell'Allianz Stadium:

Portieri: Szczesny, Pinsoglio, Buffon.
Difensori: Chiellini, de Ligt, Alex Sandro, Danilo, Cuadrado, Demiral, Di Pardo, Dragusin, Frabotta.
Centrocampisti: Arthur, Ramsey, McKennie, Chiesa, Rabiot, Bentancur, Fagioli, Kulusevski.
Attaccanti: Ronaldo, Morata, Dybala, Correia.

Rino Gattuso dovrebbe cambiare almeno cinque elementi rispetto alla formazione vista col Crotone. A partire, come detto, dal senegalese al centro della difesa, probabilmente con Manolas (ma non si esclude Rrahmani, recuperato e che rappresenta il primo grande dubbio del tecnico), con Di Lorenzo a destra e Hysaj a sinistra preferito a Mario Rui. Altra novità dall'inizio è il ritorno di Demme, nella solita coppia con Fabian, così come Lozano e Zielinski, nel terzetto offensivo con Insigne dietro Mertens. Il secondo grande dubbio di Gattuso è sul portiere: Ospina ieri ha superato una visita di controllo e svolto l'intero allenamento in gruppo, giusto in tempo per insidiare Meret.

E' il giorno del recupero di Juventus-Napoli. La sfida infinita che, dopo vari spostamenti, ha visto le due formazioni avere tantissimi alti e bassi, vivere finora due stagioni sulle montagne russe, ma che ora presenta le squadre più o meno nello stesso momento che vivevano nei giorni della mancata disputa. Da un lato una Juventus in difficoltà, ancora alla ricerca di un'identità, e dall'altra gli azzurri di Gattuso che hanno ripreso slancio con gioco, fiducia ed entusiasmo, parallelamente al recupero di tanti elementi mancati nei mesi scorsi per infortunio.

Amici di Tuttonapoli, buonasera e benvenuti alla diretta testuale di Juventus-Napoli