Causio: "Non mi piace il gioco della Juve, se perde col Napoli è nel baratro"

Franco Causio, ex calciatore bianconero, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso della trasmissione 'Radio Goal', in onda su Radio Kiss Kiss Napoli.
07.04.2021 10:30 di Antonio Noto Twitter:    Vedi letture
Causio: "Non mi piace il gioco della Juve, se perde col Napoli è nel baratro"
TuttoNapoli.net
© foto di Federico De Luca

Franco Causio, ex calciatore bianconero, ha rilasciato alcune dichiarazioni nel corso della trasmissione 'Radio Goal', in onda su Radio Kiss Kiss Napoli: "A me il gioco che sta facendo la Juve non piace, troppi passaggi orizzontali e poche verticalizzazioni. Gli attaccanti non stanno facendo bene. Pirlo ha avuto la sfortuna di non avere mai la squadra completa per gli infortuni e il Covid, non ha mai avuto Dybala in avanti. Chiesa ha fatto qualcosa d’importante, Ronaldo il suo l’ha fatto, ma in difesa sono mancati elementi importanti. La vecchia Juve avrebbe rimontato contro il Benevento, ma questo è un campionato anomalo per il Covid. Anche Gattuso ha avuto i suoi problemi, ma se lo lasciate lavorare in pace come negli ultimi tempi, avrà 2-3 punti in più. Se la società stava più vicino a Gattuso sicuramente qualche punto in più il Napoli poteva averlo. Contro il Napoli è una partitaccia per la Juve, se perde sarà nel baratro. Pirlo è stato catapultato in prima squadra da un giorno all’altro e ha bisogno di fare le sue esperienze. Anche Gattuso ha avuto difficoltà nel primo anno, quest’anno ha avuto la fortuna di avere giocatori vicini come Insigne.

Lotta Champions? L’Atalanta è la prima indiziata per andare in Champions, il Napoli o la Juve vincendo o pareggiando sono lì col Milan, i rossoneri devono stare attenti. L’unica squadra che non è al 100% in questo momento è proprio la Juve, non andare in Champions sarebbe un disastro economico per la società. Contro il Napoli la partita è difficilissima ma sono convinto che faranno una partita diversa rispetto a quella col Benevento e quella contro il Toro.

Incontri tra Agnelli e Allegri? Anche altri presidenti hanno incontrati altri allenatori, si saranno anche sentiti per telefono, probabilmente Max sarà rimasto ancora nel cuore di Agnelli”.