Ospina confermato anche col Brescia: Gattuso ha fatto la sua scelta

20.02.2020 11:20 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Fonte: di Antonio Gaito per Tuttomercatoweb
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Ospina confermato anche col Brescia: Gattuso ha fatto la sua scelta

Vietati cali di tensione. Rino Gattuso teme la trasferta di Brescia, sia per la discontinuità della sua squadra di cui ancora non si fida che per l'imminente sfida al Barcellona che rischia di catturare inconsciamente l'attenzione della squadra. Per questo ha tenuto alta l'intensità degli allenamenti, senza concedere il giorno di riposo dopo la sfida di Cagliari, ed è orientato a non fare cambi di formazione, confermando gran parte della squadra titolare delle ultime uscite. Un segnale forte per approcciare al meglio la sfida che può portare il Napoli ad un balzo in classifica, risalendo posizioni decisamente più dignitose.

Il dubbio riguarda il possibile rientro di Allan in mediana, uno spiraglio c'è per Politano nel ballottaggio con Callejon, ma per il resto Gattuso dovrebbe confermare l'undici delle ultime due vittorie senza subire reti. Conferma anche per la coppia Manolas-Maksimovic, senza timore di un sovraccarico di minutaggio, così come il portiere alle loro spalle. Gattuso confermerà David Ospina tra i pali: il colombiano ha sovvertito la gerarchia con il cambio in panchina e, per ora, considerando la scarsa propensione del tecnico alle rotazioni in porta, per Meret non dovrebbe esserci spazio neanche nella gara che precede la Champions. Il portiere della nazionale ha recuperato dal problema al fianco e quella di Gattuso è una scelta puramente tecnica: la preferenza è per il colombiano per il gioco dal basso che richiede un portiere a suo agio con i piedi, ma probabilmente anche per la maggiore esperienza nel guidare una linea difensiva ancora col cartello lavori in corso. Un avvicendamento che continua a far discutere la tifoseria, visto che il portiere classe '97 è stata una delle poche note positive fino all'esonero di Ancelotti, risultando anche decisivo per il passaggio agli ottavi di Champions e non a caso inserito dall'Uefa nella top 11 Under 23 della fase a gironi. Per ora, però, deve restare a guardare e lavorare sui (pochi) punti deboli per riconquistare i pali di un Napoli che inizia a trovare una certa solidità, dopo mesi allo sbando in cui proprio lui l'ha tenuto a galla.