TN - Dalla Polonia: "Che gol Milik, ma in Nazionale è penalizzato per un motivo! Zielinski sta deludendo, il ct dice sempre una frase..."

15.10.2019 09:10 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
TN - Dalla Polonia: "Che gol Milik, ma in Nazionale è penalizzato per un motivo! Zielinski sta deludendo, il ct dice sempre una frase..."

Arek Milik ha ritrovato il gol dopo sei mesi dall'ultima volta: segnò col Chievo il 14 aprile scorso, ha segnato contro la Macedonia il 13 ottobre regalando alla sua Nazionale il pass per Euro 2020. Una gioia ritrovata, per il centravanti polacco, che non vede l'ora di sbloccarsi anche con la maglia del Napoli. La Nazionale lo ha galvanizzato, non ha avuto identica sorte Piotr Zielinski, un talento che fatica a imporsi nonostante le immense qualità. Ne abbiamo parlato con Maciej Siemiątkowski, giornalista di Sportowe Fakty, tra i principali riferimenti d'informazione in Polonia. 

Milik si è finalmente sbloccato. "Ha fatto uno splendido gol. Rientra nelle sue potenzialità. Una rete bella ma anche importante".

Non stava attraversando un buon momento. "In Nazionale è costretto a competere sempre con Piatek e questo forse lo penalizza. La Polonia ha tre grandi attaccanti: oltre a loro due c'è Lewandowski, capitano e leader, che gioca sempre essendo uno dei migliori giocatori della nostra storia. In più l'allenatore preferisce giocare con una sola punta e così Milik e Piatel sono costretti a partire spesso dalla panchina". 

Zielinski è un punto interrogativo? "Quello che posso aggiungere è che anche le ultime partite in Nazionale non sono state così buone, eppure gli avversari non erano insormontabili, soprattutto la Lettonia. Da lui ci si aspetta sempre qualcosa in più". 

Che idea vi siete fatti su Piotr? "Le qualità sono evidenti, a Napoli certamente ha dimostrato qualcosa in più mentre in Nazionale ha spesso problemi. Il ct Brzeczek, parlando di lui, si affida sempre a una frase...".

Quale? "Se Zielinski cambierà mentalità, tutti lo invidieranno...".