Col Bologna non ha perso il Napoli degli ammutinati ma di Ancelotti

03.12.2019 07:44 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
Col Bologna non ha perso il Napoli degli ammutinati ma di Ancelotti

Qualcuno ancora si starà confondendo: col Bologna non ha perso il Napoli degli ammutinati ma il Napoli di Ancelotti. Ovvero la stessa squadra di Ferrara con la Spal o del San Paolo col Cagliari. Incapace di brillare, di divertire, di costruire e dunque segnare. Per questo incapace di vincere. I problemi emersi domenica pomeriggio sono estranei al caos post Salisburgo. L'errore c'è stato, i calciatori pagheranno con le multe e hanno già pagato dazio in campionato quando affrontarono il Genoa - nel gelo di Fuorigrotta - col timore anche solo di giocare un semplice pallone in orizzontale tra fischi e contestazioni. Ma poi s'è voltato pagina. 

QUANTI PROBLEMI - Già a San Siro col Milan si erano intravisti i problemi di sempre. Limiti tattici, tecnici, strutturali. Di un organico incompleto, di una squadra poco fluida, di un allenatore che, smentite a parte, non è ancora riuscito ad incidere sul gioco. Creando caos, cambiando moduli, uomini e idee. Con le piccole si fa fatica, le azioni da gol scarseggiano, il centrocampo fa poco filtro, l'attacco crea poco e spreca ciò che produce. Così si spiegano i punti persi per strada con Torino, Spal, Cagliari, Genoa, Bologna. Gare fotocopia col Napoli volenteroso e poco altro. L'ammutinamento è già alle spalle ma le difficoltà restano. Ci sono da fine agosto - forse anche prima - e non dal 5 novembre in poi.