Sampdoria-Napoli 0-2, le pagelle: Fabian domina, Osimhen instancabile, segnali da Manolas

Sampdoria-Napoli 0-2
12.04.2021 06:45 di Antonio Gaito Twitter:    Vedi letture
Sampdoria-Napoli 0-2, le pagelle: Fabian domina, Osimhen instancabile, segnali da Manolas
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

Ospina 6,5 - Diverse uscite di personalità, tante partecipazione nell'uscita dal basso, poi nella ripresa si mette in mostra con un'uscita su Gabbiadini, prendendo anche un colpo, e poi su una bella parata in tuffo. Recupera dalla botta, poi accusa problemi muscolari ma resiste e sul gol annullato viene chiaramente travolto da Colley.

Di Lorenzo 6,5 - Si conferma su buonissimi livelli. Preciso ed attento in chiusura, tenendo anche su diversi uno contro uno senza l'aiuto di Politano ed in fase di spinta fino al gol si propone con continuità, fornendo spesso lo scarico a Politano che però non sembra lo premia.

Manolas 6,5 - Un fallo al limite su Gabbiadini, dopo un errore in uscita altrettanto evitabile, lo costringe a giocare dal primo tempo col giallo. Tutto sommato tiene botta e appare in crescita soprattutto quando allunga la falcata per chiudere a campo aperto: al netto di qualche errore tecnico, visto il livello di Rrahmani e Maksimovic è fondamentale recuperare il vero Manolas nella corsa Champions.

Koulibaly 6,5 - Sempre attento, risulta decisivo, murando o andando in anticipo, in almeno tre occasioni andando a sbrogliare situazioni potenzialmente pericolose nel cuore dell'area di rigore. Non manca qualche rischio, ma esce vincitore da quasi tutti i duelli.

Mario Rui 6 - Tanta partecipazione sull'out mancino, ma con risultati non proprio esaltanti al cross o alla scelta finale. In fase difensiva tiene botta come può, ma dal suo lato può contare sull'aiuto di Insigne ed anche di Koulibaly che si allarga più del solito.

Fabian 7 - Il migliore in campo. Diversi errori ad inizio gara, poi riesce a divincolarsi dalla pressione furiosa dei padroni di casa, spesso aprendosi anche il campo ed esaltandosi quando può guardare la porta. Verticalizza con fiducia: bellissimo lo scambio che porta al gol che incanala la partita ma anche l'assist che manda al tiro Zielinski nella ripresa (dal 90' Bakayoko sv)

Demme 6 - Gioca in sicurezza, senza prendersi troppe responsabilità, ma non manca qualche errore. Fondamentale nel dare equilibrio alla squadra, ma naturalmente per caratteristiche per gran parte del match quando si deve trovare il varco giusto allarga o si affida a Fabian.

Politano 5,5 - Schierato titolare, converge spesso buttandosi però così nel traffico. Quando punta sul fondo sbaglio spesso la scelta, ignorando Osimhen libero al centro. Non demerita, ma gli manca sempre qualcosa, sprecando diverse ripartenze o l'ultimo passaggio (dal 73' Lozano 5,5 - Non un buon impatto: si fa ammonire e salterà l'Inter, poi supera l'uomo ma ignora Mertens per un cross fuori misura)

Zielinski 6 - Diverse giocate delle sue, ma intervallate da qualche palla persa di troppo ed un paio di occasioni sprecate, una ad inizio gara non semplice ed un'altra nella ripresa trovando però Audero. Si sacrifica in un paio di recuperi importanti, ma cala alla distanza e viene sostituito (dal 73' Mertens 6 - Ha una buona occasione, ma apre troppo il piatto e manda fuori, si riscatta però con un recupero ed una verticalizzazione che manda Osimhen in porta per il 2-0)

Insigne 6 - Non sembra ispiratissimo. Porta a casa la prestazione per la mole di gioco creata, il sacrtificio difensivo, ma offensivamente fatica a trovare la verticale, poi nella ripresa si divora il raddoppio da un passo, perdendo forse un attimo per aprire il piatto anzichè andare di punta (dal 90' Elmas sv)

Osimhen 7 - Una spina nel fianco per la Sampdoria per 94 minuti. Politano lo ignora in un paio di circostanze e lo anticipa su un pallone da spingere in rete, in crescita comunque nella partecipazione, come sul tacco nella combinazione dell'1-0, e tiene comunque sempre in affanno la difesa blucerchiata attaccando la profondità a ripetizione. Alla fine viene premiato da Mertens ed alla prima vera palla pulita firma il 2-0, non senza rimpianti per quella che poteva essere la stagione con lui titolare ed il belga alle spalle.