Spalletti a KKN: "Recupero tre azzurri, ma guai a sottovalutare l'Empoli! Ricorso respinto? Che amarezza! Su ADL, tifosi ed EL..."

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, alla vigilia della sfida di campionato contro l'Empoli non parlerà in conferenza stampa, ma soltanto alla radio
11.12.2021 14:50 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    vedi letture
Spalletti a KKN: "Recupero tre azzurri, ma guai a sottovalutare l'Empoli! Ricorso respinto? Che amarezza! Su ADL, tifosi ed EL..."
TuttoNapoli.net
© foto di www.imagephotoagency.it

Luciano Spalletti, allenatore del Napoli, alla vigilia della sfida di campionato contro l'Empoli non parlerà in conferenza stampa, ma soltanto alla radio ufficiale. L'intervista del tecnico azzurro a Radio Kiss Kiss Napoli sarà riportata su Tuttonapoli.net in diretta testuale.

14:33 - Comincia l'intervista di Luciano Spalletti: "Quella radiografia dell'anima dice che ne esce fuori una squadra con un'anima kennediana. Ognuno si domanda cosa può fare per il Napoli, questa disponibilità che si è vista ci permette di esprimere il valore totale di questa rosa. Chi viene chiamato in causa riesce a fare del suo meglio. Attraverso questa competitività esibita si riesce ad acchiappare il meglio. Sono tutte cose normali. Colpisce che si confronti l'anima, ma è una cosa normale".

Si è visto gran spirito di squadra contro il Leicester. "C'è disponibilità da parte di tutti a dividersi i ruoli, a prendere in carico delle responsabilità che sarebbero di un altro durante la partita. Questa disponibilità a dividersi i minutaggi delle partite. Con le cinque sostituzioni diventa fondamentale essere titolari del primo tempo e titolari dell'ultima mezzora. Dopo lo sfiancamento dei compagni nella parte iniziale, nel finale di partita chi entra può dare il colpo di grazia. Ho dei ragazzi intelligenti, con i quali si può dialogare".

Quant'è importante l'apporto dei tifosi? "La squadra stava dando tutto per la vittoria, i tifosi ci hanno dato la spinta per arrivare fino alla fine. I tifosi percepiscono questa totale dedizione per la maglia, ora si fidano e tolgono dunque ogni freno alla loro infinita passione per il Napoli. E' un supporto che ha un peso determinante sui risultati. Con loro al nostro fianco siamo più forti, la nostra metà campo parte da metà campo fino alla punta della curva".

Si può andare lontano in Europa League? "In Europa League avremmo voluto evitare le più forti e credo che lo stesso valga per loro: vorrebbero evitarci. Ma giocare contro top club europei è sempre importante, è un'opportunità di crescita per una squadra ambiziosa come la nostra. Da questi club c'è da imparare e ci si va a confrontare con piacere. Per arrivare più in là le partite devi vincerle, quindi che tu le incontri ora o più avanti cambia poco".

Ora c'è anche l'Empoli che fa molto bene fuori casa. "L'errore più grande che possiamo fare è dire 'C'è anche'. Considerare la partita con l'Empoli solo come la partita tra il Leicester e il Milan sarebbe l'errore più grande che possiamo fare. Non corriamo il rischio di sottovalutare l'impegno perché basta vedere che calcio sta proponendo l'Empoli. Per riuscire a vincere questa partita dovremo esibire una prestazione top, al massimo delle nostre possibilità, altrimenti sarà dura. All'Empoli vanno fatti i complimenti per come gestisce questa squadra da più anni, per l'identità che ormai ha dato il presidente Corsi a questa società e per l'identità ben definita che la squadra ha in campo. Complimenti sinceri".

Domani contro l'Empoli di Andreazzoli: quanti ricordi per lei. "Empoli è ancora casa mia, ho casa lì e quando ho un po' di tempo ci vado perché ho mia madre che mi aspetta a braccia aperte. Con Aurelio ho imparato tante cose, era mio collaboratore. Anche ora imparo moltissimo dai collaboratori perché loro hanno la possibilità di vedere le cose con occhi esterni, con maggiore rilassatezza nella valutazione delle situazioni. Di Andreazzoli ho apprezzato tutte le sue qualità quando l'ho portato con me a fare il collaboratore. L'ho potuto apprezzare a Roma, quando ci ho giocato contro. Basta vedere cosa fa l'Empoli per capire che è un allenatore capace, organizzato e che gestisce le situazioni con equilibrio".

Chi può recuperare per l'Empoli? "Ho finito da pochi minuti. Insigne, Anguissa e Lozano saranno convocati. Non mi chiedere altro, non chiedete quanto possono giocare perché in queste situazioni così equilibrate si possono trovare nuove soluzioni. Per noi è importante fare bene questa partita perché poi avremo la prossima settimana tutta a disposizione, è tanto che non facciamo una settimana-tipo. Dopo tante settimane di apnea e difficoltà a recuperare averli domani ci permetterà di metterli a posto per la prossima partita".

Domani festeggia le 500 panchine in Serie A. "Così poche? Pensavo fossero di più visto che in vita mia sono stato più sul campo che a casa. Ma io punto alla panchina numero mille. Finché non ci arriverò non smetto".

De Laurentiis ha detto che lei è il miglior tecnico della sua storia da presidente. "Ringrazio il presidente per le belle parole. E' un presidente che ha vissuto nel calcio, per cui se dice queste cose fa piacere. Mi mette quasi in difficoltà. Lui ha portato grandi allenatori e grandi giocatori al Napoli. Ma è impossibile fare paragoni diretti tra passato e presente. Le parole del presidente nei miei confronti spingono a lavorare duro nella stessa direzione. La giusta conta delle pecore però sarà a maggio, è lì che si farà la somma dei punti portati a casa".

Il ricorso contro la sua squalifica è stato respinto: cosa ne pensa? "Stavolta lo dico con franchezza: sono un po' deluso. Si fanno riunioni in cui si invoca al dialogo, alla collaborazione tra uomini di campo e istituzioni, poi basta una situazione come questa per capire che è difficile avere un confronto semplice e collaborativo. A fine partita ammisi a tutti i media di aver avuto un comportamento poco opportuno in quel momento, anche se non credo così eccessivo da darmi due giornate. Non avevo mai ricevuto due giornate di squalifiche in carriera. La mia carriera di 500 panchine in Serie A, quasi immacolata dal punto di vista disciplinare, non è bastata per fare trasparenza. Probabilmente questa collaborazione tanto chiacchierata rimane una cosa difficile. Comunque accetto con il massimo rispetto la decisione, ma stavolta non posso nascondere la grande amarezza".

14:49 - Termina l'intervista a Luciano Spalletti.