Callejon ed un colpo di scena ancora possibile

04.06.2020 16:57 di Arturo Minervini Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Callejon ed un colpo di scena ancora possibile

(di Arturo Minervini) - Ci avete mai pensato a quanto coraggio serva per chiudere una porta? Sembra di vederlo Josè, su quell’uscio che fatica ad attraversare. Ci sono state spalle alle quali affidare una lacrima. Ci sono state mani pronte a cullare ogni affanno. Ci sono state braccia pronte a diventare porto con un mare in tempesta. Ci sono state facce in festa da ringraziare con quell’inchino che è diventato marchio di fabbrica.

Perché forse certe porte non si chiudono mai davvero. Perché quando un posto diventa casa, che cura gli affanni, allora rischi di rimanere bloccato, tra la Madre Patria che esercita il richiamo ed una Napoli che ormai è diventata una vita quotidiana da sette anni. 

Callejon andrà via. Lo diciamo da così tanto tempo, che ci avevamo creduto tutti. Forse ci eravamo anche rassegnati troppo in fretta all’idea, come evoluzione naturale di questa piccola rivoluzione avviata dalla società nel gennaio scorso. Il tempo cristallizzato da una quarantena che ha rallentato ogni secondo, ha frenato il conto alla rovescia per un contratto in scadenza al 30 giugno, che dovrà essere prolungato per il tempo necessario a completare la stagione col nuovo calendario.

E perché non oltre? Sebbene i segnali siano scostanti e tutto sembra adombrare il cielo azzurro di Callejon, qualcosa si muove. Eppur si muove, insomma. Perché questo ragazzino del 1987 sembra essere schizzato fuori dalla sceneggiatura del film Cocoon e non ne vuole sapere di fare i conti con l’età che avanza. 

Valutazioni tutte da fare, magari tenendo in considerazione il parere di Gattuso. Lui, Ringhio, allo spagnolo non ha saputo rinunciare come tutti quelli che si sono alternati sulla panchina del Napoli in questui anni. Chissà se il ritorno il campo possa essere la giusta occasione per far scattare la nuova scintilla, ridare fuoco ad una passione stava vivendo gli ultimi momenti di complicità.