Xavi bacchetta il Barça: "Ha l'obbligo di rende felice Messi, merita rinnovo automatico!"

Xavi Hernández, ex giocatore del Barcellona e della nazionale spagnola e attuale allenatore dell'Al-Sadd.
13.08.2020 15:00 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
Xavi bacchetta il Barça: "Ha l'obbligo di rende felice Messi, merita rinnovo automatico!"

Xavi Hernández, ex giocatore del Barcellona e della nazionale spagnola e attuale allenatore dell'Al-Sadd, ha parlato del suo ipotetico futuro sulla panchina blaugrana, di Messi e di altri temi di attualità in un'intervista a Icon, rivista del quotidiano El Pais.

Rifiuto e progetti futuri: "A gennaio ho detto al Barcellona che non era il momento giusto, ora non mi hanno contattato. Auguro il meglio a Setien, lo rispetto molto perché pratica il Cruyffismo, ma deve essere aiutato dai risultati. Per me sarebbe un privilegio allenare il Barcellona un giorno: ho in mente uno staff da sogno, con Jordi Cruyff, Carles Puyol e alcuni giocatori attuali. Vorrei costruire una squadra con persone valide che conoscono l'ambiente, persone di cui mi fido e che vedono il calcio allo stesso modo".

Il caso-Messi al Barça: "Dovrebbe avere una clausola automatica per iil rinnovo. Messi ha bisogno del Barça e il Barça ha bisogno di Messi. Hanno il dovere di farlo felice, perché più Leo è felice, più arriveranno titoli. Spero di poterlo incontrare di nuovo a livello professionale. Avere il miglior giocatore della storia nella tua squadra significa aver l'asso vincente",

La denuncia: "C'è ancora tanto maschilismo nel calcio, è un riflesso della società. Ed è ora di dire basta agli insulti: il calcio è uno degli sport - e dei lavori - in cui i lavoratori vengono insultati, siano essi i calciatori o l'allenatore. Penso che dovremmo smetterla. È inammissibile, ad esempio, insultare un cameriere quando fa il suo lavoro. Non possiamo ammettere razzismo, machismo o qualsiasi altro tipo di violenza, dobbiamo estirparli interrompendo automaticamente le partite. L'arbitro è il primo che dovrebbe prendere provvedimenti".