Il meno appariscente a centrocampo è anche il più prezioso per il Napoli

Quando un calciatore riesce a migliorare anche i compagni diventa imprescindibile e il mediano italo-tedesco ha questo gran potere.
12.04.2021 16:05 di Pierpaolo Matrone Twitter:    Vedi letture
Il meno appariscente a centrocampo è anche il più prezioso per il Napoli
TuttoNapoli.net
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport

Oltre a Victor Osimhen, gli uomini-copertina di Sampdoria-Napoli sono Fabian Ruiz, autore di un bellissimo gol nel primo tempo, e Piotr Zielinski, perfetto nelle rifiniture e assist-man proprio per il collega spagnolo. Ma, dovessimo sceglierne solo uno a centrocampo, in prima pagina ci sbatteremmo il meno appariscente Diego Demme, il calciatore tatticamente più importante per la fase difensiva (e non solo) del Napoli. Quando un calciatore riesce a migliorare anche i compagni diventa imprescindibile e il mediano italo-tedesco ha questo gran potere.

TATTICAMENTE PERFETTO - A Marassi abbiamo visto più volte Demme abbassare la sua posizione, venire incontro al portiere, farsi seguire e concedere maggiore spazio a Fabian in fase di costruzione. Oppure, sempre al Ferraris, sovente ha rincorso gli avversari a tutto campo. Gabbiadini, su cui spesso l'ex Lipsia s'è abbassato, probabilmente l'ha sognato anche di notte. Un incubo per i rivali, una manna per la sua squadra. Il Napoli ha bisogno della sua intelligenza tattica più di ogni altra cosa e s'è visto.

I NUMERI - Quanto Demme è importante per Rino Gattuso? Tanto, forse anche troppo. Con lui tutta la squadra gira meglio e i numeri sono dalla sua partita. In questa stagione il numero 4 ha collezionato 19 presenze su 30 giornate di campionato e il rendimento del Napoli è stato quasi sempre eccellente: 12 vittorie, 2 pareggi e 5 sconfitte. Nelle 11 gare senza Diego in campo, invece, gli azzurri hanno inanellato lo stesso numero di sconfitte, nessun pareggio e soltanto 6 vittorie. La conclusione è lampante: con Demme in campo è un altro Napoli, più bello e più equilibrato.