Il punto di Caiazza a TN: "ADL, punta su Icardi! Sarri cosa farà ai cori contro Napoli allo Stadium...?. Mazzoleni? Per fortuna ha smesso!"

07.06.2019 07:35 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Il punto di Caiazza a TN: "ADL, punta su Icardi! Sarri cosa farà ai cori contro Napoli allo Stadium...?. Mazzoleni? Per fortuna ha smesso!"

«Cosa farà Maurizio Sarri, che ha mostrato il dito medio e si è sempre rizzelato per i cori razzisti, quando entrerà allo Stadium da allenatore della Juventus contro il Napoli e sentirà i cori come Lavali col Fuoco?». Se lo domanda Salvatore Caiazza, giornalista del quotidiano “Roma”, nel suo consueto punto su Tuttonapoli.net. 

Si può parlare di tradimento? «Si può parlare di tradimento dal punto di vista sentimentale non professionale. Sarri è divento capopopolo di una piazza come quella napoletana e sentirlo cambiare idea fa venire dei dubbi. Mi chiedo, a questo punto, casa cambia tra la fuga di Higuain che fu definito un traditore e quello di Sarri alla Juventus? Secondo me, non cambia nulla. Dal punto di vista professionale si deve raccontare di un allenatore che in pochi anni è passato dal guadagnare 4.500 euro al mese con il Sorrento a un contratto di 7 milioni con la Juventus».

Stanno facendo molto discutere le dichiarazioni di Mazzoleni che hanno riaperto vecchie ferite… «Ricordo che sul “Roma” dopo Pechino titolai il mio corsivo: ‘date metà Supercoppa a Mazzoleni’. Per questo non mi stupisco, a Bergamo raccontano di una persona che è sempre stata anti-napoletana. È assurdo sentire un arbitro che si lamenta di Hamsik. A Napoli Marek ha ricevuto anche tante critiche perché da capitano si faceva sentire poco con i fischietti. Come si fa a lamentarsi di lui? Per fortuna ha finito di arbitrare, chissà dove ce lo ritroveremo nelle prossime settimane…».

Capitolo mercato, si fanno nomi importanti ma che paiono difficili da realizzarsi come Lukaku: «Una società come quella guidata da De Laurentiis, che è sempre molto attento ai bilanci, è molto difficile pensare che venga acquistato un calciatore di 31 anni che costa 70 milioni e con un contratto di 4 anni a 10 milioni che con le tasse diventano 20. Se io dovessi fare un investimento davvero importante, piuttosto che su Rodrigo, Diego Costa e Lukaku, lo farei per Mauro Icardi. Conosce il campionato italiano e credo che potrebbe fare grandi cose anche al fianco di Aree Milik. Non sarebbe così impossibile considerando che al di là dei soldi della Champions, il Napoli può contare su un tesoretto che si può accumulare con le cessioni di Inglese, Diawara, Rog, Grassi, Sepe, Verdi. Si ipotizza di uno scambio con la Roma per la punta dell’Inter, fossi nel Napoli ci penserei. Un nome come quello di Icardi scalderebbe anche la piazza e potrebbe far riavvicinare la tifoseria al club». 

In uscita ti aspetti qualche big? «La cosa certa è che Koulibaly resterà, così come gli altri big. A meno che il Napoli non faccia l’acquisto del secolo e dovrebbe privarsi, a quel punto, di uno tra Allan e Insigne. Ma non certo di Koulibaly che rappresenta il 90% della forza del Napoli, non solo in difesa».