"In Italia ci avrebbero dato due rigori": l’agghiacciante verità di un Sarri convertito alle strisce

27.02.2020 16:57 di Arturo Minervini Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
"In Italia ci avrebbero dato due rigori": l’agghiacciante verità di un Sarri convertito alle strisce

(di Arturo Minervini) - Quanto è amara una verità che proprio non riesci a buttare giù? Sono passate tante ore dalla sfida in Champions ma resta viva una grande tristezza dopo Lione-Juventus ripensando a quello che accade nel nostro campionato ed analizzando le parole del post-gara dei protagonisti.

A fare scalpore sono le parole di Maurizio Sarri. Lui, proprio lui, quello che per anni è stato dall’altra parte della strada ad ironizzare sui presunti trattamenti di cortesia riservati alla Juventus che ora allena. Lui, che rappresentano a ora quel club che ripete da sempre come un mantra che ‘gli arbitri restano l’alibi dei perdenti’, per poi puntualmente fare riferimento alle questione arbitrali dinanzi agli insuccessi fuori dal confine.

Nella gara con il Lione, molto ostica, la squadra bianconera nella ripresa ha provato a pareggiare insediandosi in area di rigore transalpina, senza mai essere pericolosa. Diversi i crolli in area del Lione, che allo spettatore medio hanno generato un pensiero poi incredibilmente ripreso da Sarei nella conferenza post gara. Quello che era un malignare social, è diventato incredibilmente il titolo da regalare a tutti i quotidiani del mondo da parte di Maurizio Sarri: “Fossimo stati in Italia ci avrebbero dato due rigori” afferma Maurizio, ormai convertito all’ideologica strisciata.

L’aspetto meno ironico, quasi drammatico, resta uno: che Sarri ha maledettamente ragione. Non dice un’eresia, ma riafferma un principio quasi consolidato. Tra tutti quei mezzi contatti, qualche zelante arbitro italiano ne avrebbe colto uno da premiare con un calcio di rigore che avrebbe cambiato le sorti del match. Semplicemente perché il potere psicologico esercitato nel nostro campionato dalla Vecchia Signora rischia spesso di schiacciare la personalità debole dei direttori di gara nostrani. In Europa invece questa sudditanza non attecchisce ed i risultati rendono palese come ciò possa cambiare i destini dei bianconeri. Purtroppo Sarri ha ragione, ma nessuno al mondo avrebbe mai immaginato che fosse proprio il tecnico della Juventus ha fare un outing così clamoroso ed inatteso.