Meret a KKN: "Vorrei un po' più di continuità, ma qui sono contento! Critiche? Incolpevole sui due gol, non le ascolto. Sulla Fiorentina..."

Due giorni dopo la partita contro l'Empoli, che l'ha visto tornare titolare dopo due partite di stop, e due giorni prima della Fiorentina
15.01.2021 14:15 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Meret a KKN: "Vorrei un po' più di continuità, ma qui sono contento! Critiche? Incolpevole sui due gol, non le ascolto. Sulla Fiorentina..."

Due giorni dopo la partita contro l'Empoli, che l'ha visto tornare titolare dopo due partite di stop, e due giorni prima della Fiorentina, gara in programma alle 12:30 di domenica, Alex Meret parlerà tra poco ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli. La diretta testuale dell'intervista sarà tutta da seguire sulle colonne di Tuttonapoli.net.

14.00 - Arriva Meret ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli: "Spero in un 2021 più positivo, sia per la squadra che per la gente. Per quanto riguarda me, vorrei trovare un po' più di continuità, non guasterebbe, ma sono contento del percorso che sto facendo e che stiamo facendo".

I tanti infortunati sono un attenuante. "Abbiamo perso questi calciatori molto importanti per noi, ma c'è molta fiducia in tutti noi, chi va in campo sa al 100% cosa fare. Sono tutti calciatori importanti, speriamo di recuperarli al più presto".

Non esistono gare facili? "Non ci sono mai gare facili, non bisogna prendere nulla sotto gamba. Anche contro l'Empoli dovevamo concretizzare di più le tante occasioni create e dovevamo essere più concentrati nelle due-tre occasioni subite in fase difensiva. Bajrami ha trovato due bellissimi gol, ma siamo stati bravi a rimanere sul pazzo e tornare in vantaggio. Non era scontato il passaggio del turno".

Ti rimproveri qualcosa per i due gol subiti con l'Empoli? "Sono stati due grandissimi gol, palo-gol. Ero coperto, non sono riuscito a portare. Certo, si può fare sempre meglio, ma erano due palle molto difficili".

Ieri pranzo di squadra: ha pagato Bakayoko? "Il mister aveva detto di sì, poi non so effettivamente chi ha pagato alla fine. E' stata una bella occasione per stare insieme e staccare dopo tanti allenamenti di fila. Un giorno di scarico ci stava, oggi abbiamo ripreso a lavorare per domenica".

Serve più attenzione con il Covid-19? "E' un momento complicato e dobbiamo adattarci alla situazione che stiamo vivendo. Non c'è tanto tempo per recuperare e preparare la partita successiva, ma sapevamo che sarebbe stato così, quindi facciamo tutto il possibile per farci trovare sempre pronti".

Ci sono difficoltà a giocare alle 12:30? "L'orario cambia poco per noi. Non ci giochiamo spesso, ma siamo pronti e preparati per affrontare la Fiorentina al meglio".

Che partita dobbiamo aspettarci? "Proveremo a fare il nostro gioco. La Fiorentina ha giocatori di grande qualità sia a centrocampo che in avanti, quindi in fase difensiva dovremo essere più attenti rispetto alle ultime partite. In fase offensiva invece dovremo essere più cattivi e concreti sotto porta".

Il ko che fa più male è quello con l'Inter? "Ci fu un primo tempo equilibrato, ma nella ripresa creammo tantissimo e facemmo una grande partita anche in dieci uomini. Fu un grande dispiacere perderla, così come quella contro la Spezia, squadra con cui abbiamo creato molto e subito pochissimo. Dobbiamo essere più cattivi sotto porta, ma questo arriverà".

Poi ci sarà la Supercoppa con la Juventus mercoledì. "Sarà un'altra grandissima sfida contro una squadra che sta passando un momento positivo. Sarà difficile, ma faremo di tutto per provare a portare un altro trofeo a casa da regalare ai tifosi".

L'importante è conquistare trofei? "Sicuramente è importante. Vincere con continuità ti dà grande fiducia nei tuoi mezzi. Sarà una gara importantissima, come tutte quelle che seguiranno".

Sulle partite senza pubblico. "Non avere i tifosi allo stadio fa un effetto negativo, sono fondamentali per noi e per tutto il movimento".

Sull'affetto di Napoli. "L'affetto dei tifosi fa sempre molto piacere. Qui a Napoli in particolare la gente è super-attaccata ai propri idoli e quindi ai calciatori del Napoli. Mi fa un grande piacere, è una bella cosa per noi calciatori del Napoli".

Non subisci il peso delle critiche, è vero? "Dobbiamo vivere ogni situazione con equilibrio. Quando arrivano critiche non bisogna ascoltarle troppo e quando arrivano complimenti non bisogna prenderli troppo sul serio. Testa al lavoro e alle partite".

L'Italia può vincere l'Europeo? "Siamo una squadra importante che ha fatto molto bene negli ultimi due anni. Abbiamo fatto tante vittorie, trovando continuità, noi ci crediamo".

14.14 - Termina qui l'intervista ad Alex Meret.