rileggi live

Mazzarri: "Voglio ottavi e solidità, il resto arriverà con la serenità. Natan? Ricordo Bremer...", Juan Jesus: "A Torino più occasioni nostre, stiamo tornando!"

Torna a parlare Walter Mazzarri, che oggi terrà la conferenza stampa di presentazione della sfida al Braga.
11.12.2023 15:34 di Redazione Tutto Napoli.net Twitter:    vedi letture
RILEGGI LIVE - Mazzarri: "Voglio ottavi e solidità, il resto arriverà con la serenità. Natan? Ricordo Bremer...", Juan Jesus: "A Torino più occasioni nostre, stiamo tornando!"

Vigilia di Champions per il Napoli che giocherà domani contro lo Sporting Braga la gara decisiva per l'accesso agli ottavi di finale. Nella giornata di oggi Walter Mazzarri risponderà alle domande della stampa in conferenza stampa alle ore 15. Ad affiancare il tecnico in conferenza ci sarà il difensore Juan Jesus. Potrete seguire la diretta testuale, come sempre, su Tuttonapoli.net

Il resp. comunicazione Nicola Lombardo precisa: "Osimhen non c'era oggi perché in gara per il Pallone d'oro africano, un premio molto importante, è nella lista ristretta con Salah ed altri di questo livello e di comune accordo con la società è partito dopo un lavoro individuale svolto in mattinata. Non è l'ultimo allenamento quello di oggi, ma la rifinitura ci sarà domani e Osimhen sarà presente regolarmente. Speriamo con una grandissima carica in quanto vincitore. Il Napoli in ogni caso per la stanchezza gli ha messo a disposizione un fisioterapista".

15.03 - Inizia la conferenza stampa di Juan Jesus

Juan, venite da 3 sconfitte ma in ognuna avete dimostrato cose positive. 
"Domani ci giochiamo tanto, il passaggio del turno, abbiamo fatto le ultime 3 sempre in crescita al di là dei risultati, dimostrando che stiamo tornando quelli che siamo stati. 3 mesi fa eravamo campioni d'Italia, oggi invece nessuno può giocare... ma piano piano stiamo ritrovando la fiducia anche a livello mentale. Sono momenti difficili, i ragazzi sono giovani, io sono quello più grande, già con la Juve abbiamo fatto una bella partita. Mancano le vittorie, mancano i gol per dare tranquillità".

Cosa manca soprattutto al Maradona per tornare a vincere?
"Manca fare gol, manca vincere, a volte siamo un po' meno lucidi rispetto allo scorso anno, ma con la tranquillità ed il lavoro che stiamo facendo tornerà perché stiamo creando opportunità e stiamo dando segnali importanti. Ci serve la serenità giusta, vincere in casa ti dà fiducia, a noi ma anche ai tifosi".

Inizia adesso il nuovo campionato con Mazzarri allenatore? State svoltando col mister?
"Lo conosco da tanto, la carica che ci sta dando, la consapevolezza che non siamo giocatori finiti, dobbiamo ritrovare la serenità e le qualità che ognuno di noi ha dentro. Sistemiamo delle cose in campo, a suo modo perché ognuno ha le sue idee, ma si vede già c'è un cambio importante e dobbiamo continuare, non farlo solo per 50' ma anche per 80' come fatto con la Juventus dove abbiamo sprecato due occasioni importanti e la Juve ne ha fatta una".

Cosa è cambiato? E' una questione anche fisica?
"Tante cose sono cambiate, per noi, per la società, per i tifosi, quando vinci dopo 33 anni le aspettative crescono. Nell'inconscio pensi di aver vinto e va bene così, ma abbiamo sempre lavorato, non perché prima c'era Garcia, in campo andiamo noi e dobbiamo rispondere noi. Ci manca mettere ancora più convinzione, fiducia, il calcio è questo, quando si perde gira tutto negativamente, ma dobbiamo essere sereni, i momenti brutti passeranno".

Sei rimasto sorpreso dal Braga? Che avversario vi aspettate? Il Napoli può perdere anche di un gol di scarto.
"E' una buona squadra, molto organizzata, a prescindere dal risultato vogliamo giocare bene, mettendo il massimo in campo, è una gara decisiva e la affronteremo con questo spirito".

15.13 - Ora tocca a Walter Mazzarri

I risultati non vi premiano, quanto domani anche mentalmente conta passare per alimentare la fiducia?
"Domani è fondamentale passare, prima di tutto. In queste mie prime partite.. non le ho neanche contate perché penso giorno per giorni, abbiamo dimostrato di giocare a calcio, ma dobbiamo ritrovare l'equilibrio che avevamo l'anno scorso, non concedere ripartenze, gol un po' così che l'anno scorso non prendevano. Mi piacerebbe rivedere una fase difensiva più attenta, compatta, cose che si sono viste migliorate, ma sui risultati siamo stati carenti, al primo errori si prende gol. Domani mi aspetto più solidità, giocando il calcio che abbiamo fatto anche con me, secondo me s'è giocato molto bene con la Juventus nel primo tempo e con l'Inter, ma domani mi interessa passare, facendo vedere che siamo tornati solidi e non regaliamo niente. Poi il resto lo vedremo strada facendo".

Senza terzini sinistri, ha mai pensato alla difesa a 3? Domani vedremo cose diverse?
"Per assurdo, sono tornato per giocare a 4, c'erano i giocatori ideali per farla, mi chiedevano della difesa a 3. A sinistra è successo di tutto, Natan sta facendo quello che può fare, mi aspetto che spinga di più se giocherà lui, so che in Brasile pure lo faceva. Ma non è facile arrivare da lì. Io ho allenato Bremer, se lo vedevate nei primi mesi era un altro giocatore rispetto a quello attuale. Si paga dazio quando arrivi qui dal Brasile, sta già facendo di più rispetto alle scorse. Zanoli pure può giocare, ma era infortunato ed ha un minutaggio ridotto. L'importante è essere compatti, tranquilli da quella parte, a destra facciamo un gran calcio, ma c'è apprensione e dobbiamo migliorare già domani. Conta la solidità di squadra, mentre attacca sapere che non bisogna farli ripartire, questo è il senso della prossima gara per me".

Come va col nome del georgiano?
"Io sono un disastro anche con i nomi in italiano (ride, ndr)"

Qual è la sua urgenza tra miglioramento condizione, fase difensiva migliore o maggiore cattiveria sotto porta?
"Chi ha vinto il campionato o fatto piazzamenti migliori ha sempre avuto la difesa migliore. Per quello che ho visto, in questo momento bisogna acquisire una solidità maggiore quando facciamo il nostro gioco. Quando creiamo le occasioni, davanti alla porta... l'importante è crearle, prima o poi farai gol. Dipende dal momento. La fase difensiva invece invece deve essere perfetta quando attacchi con tanti uomini e domani voglio vedere questo".

Il Napoli sta tirando poco in porta, al di là della precisione. Lei come se lo spiega? E' per cercare l'equilibrio?
"Con la Juve abbiamo fatto 7 tiri, mi piacerebbe allenare i tiri quando avrò tempo perché ultimamente tiriamo male. Il primo anno qui arrivammo terzi, i centrocampisti fecero 0 gol, con Inler e Dzemaili ne facemmo tanti ed arrivammo secondi. Bisogna trovare anche il gol dalla distanza, l'Inter non aveva fatto niente nel primo tempo, da fuori l'ha sbloccata, qui dovrò lavorare. Se riusciamo a schiacciare gli avversari nella loro area, poi bisogna trovare anche il gol da fuori, non si può sempre entrare con l'uno-due dentro. Sono convinto che ci darebbe qualcosa in più per sbloccarle, quando affronti difese così chiuse".

Ti preoccupa l'aspetto psicologico? Dopo 3 sconfitte si genera paura?
"No, paura no, però vedo che un po' di tranquillità manca, ci sono momenti in cui ti gira storto tutto e la squadra accusa il colpo. Quando vinci pure se prendi gol continui a giocare... perciò domani è fondamentale ritrovare delle certezze. La tranquillità arriva quando ti senti forte, solido, non prendi contropiedi. Questo lo avvertivo anche quando ero calciatore. Dobbiamo essere bravi, ci tengo ad essere solido domani, senza sbandamenti, senza palle perse ed errori difensivi. Loro sono forti in contropiede, non bisogna concedere ripartenze o errori sugli angoli, cose che avete visto anche prima del mio arrivo".

Dopo 4 partite diceva che si sentiva già la fatica fisica e mentale, dopo tanti anni la sua visione della gestione è la stessa?
"I giocatori prima vivevano la gara in maniera diversa. Dopo la terza partita di fila per 90 minuti, lo stesso titolare poi faceva una partita bruttissima. Ora i ragazzi vivono il calcio diversamente, vedo alcuni giocare anche 6-7 partite e non risentirne, è cambiata anche la mentalità e non c'è più lo stress che avevamo noi a quei tempi. Non sono preoccupato su questo, dopo 3 giorni col giusto recupero fisiologico sono già freschi".

L'incastro del passaggio pure con sconfitta con un gol di scarto condizionerà la vostra partita?
"Ho cercato di non fare ragionamenti diversi da quello di una partita in casa contro una squadra da rispettare e da battere. Dobbiamo pensare solo a vincere, dobbiamo pensare a concedere pochissimo agli avversari, questo ci porterà benefici nel corso del campionato. Come sempre proveremo a vincere, possibilmente non subendo gol e questo mi farebbe piacere più di ogni altra cosa".

15.34 - Termina la conferenza stampa