Canale8, Mele: "Mazzoleni silente al Var conferma predisposizione decennale sfavorevole all'azzurro"

Silver Mele, volto di Canale8, ha commentato attraverso i propri canali social la gara tra Napoli e Cagliari
03.05.2021 11:50 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
Canale8, Mele: "Mazzoleni silente al Var conferma predisposizione decennale sfavorevole all'azzurro"

Silver Mele, volto di Canale8, ha commentato attraverso i propri canali social la gara tra Napoli e Cagliari: "Quattro sfide per la Champions, in venti giorni che avrebbero senz’altro avuto vigilia diversa se il Napoli fosse riuscito a conservare il vantaggio su un Cagliari arcigno, determinato, cattivo fino alla fine. La corsa all’ultima stilla di sudore e sangue per i club italiani, le cui ambizioni non possono prescindere dal riverbero del salvadanaio europeo è iniziata, con tutte le (visibili) variabili del caso. In testa il peccato originale che la squadra di Gattuso si porta dietro: equivale al suicidio sprecare palle gol in serie (sei limpide nel caso specifico), specie se di fronte c’è chi lodevolmente non smette di crederci. In realtà Osimhen la sua doppietta l’aveva realizzata ma Fabbri giudica da fallo il soffietto che fa sobbalzare a mo’ di pro-wrestler l’ex colchonero Godin.

Mazzoleni? Silente osserva dal Var, confermando una predisposizione ormai decennale per niente favorevole all’azzurro. L’Inter ricusò Orsato dopo i celebri fatti dell’aprile 2018, De Laurentiis dimostra magnanimità nei nervi saldi se solo si pensa a quel che avvenne in terra cinese. Da Udine invece Pierpaolo Marino racconta di accerchiamenti d’altra epoca. Se verosimilmente abbiamo inteso, non erano belle epoche…e la giostra Champions passa la boa con il Napoli che da potenziale terzo scivola fuori dai posti utili. Tornando al campo, quello del pallone che rotola i demeriti sono gli stessi per i quali non si è dilagato a Torino solo una settimana fa. Rimbalzare contro il muro sardo e i propri errori di mira ti consegna inevitabilmente a chi si nutre innanzitutto di motivazioni, ben sostenute dalla condizione fisica.

E il Napoli, questo Napoli non può neppure permettersi l’eventualità di pensare soltanto alla gestione delle cose. Troppo alto il rischio, quello che di rapina ha imposto Nandez al povero Hysaj. Restano quattro gare che se vinte porterebbero direttamente in Champions. Bisogna farlo, consapevoli che il “senza regole” non sarà slogan o leit motive di semplice facciata. Tutto (proprio tutto) può ancora succedere…