All'ultima spiaggia senza senatori

Nonostante le rassicurazioni pubbliche, il presidente Aurelio De Laurentiis attende una risposta netta domani ad Udine
06.12.2019 17:00 di Redazione Tutto Napoli.net  Twitter:    Vedi letture
© foto di Insidefoto/Image Sport
All'ultima spiaggia senza senatori

E' la resa dei conti per Carlo Ancelotti. Nonostante le rassicurazioni pubbliche, il presidente Aurelio De Laurentiis attende una risposta netta domani ad Udine (e poi nella gara di Champions col Genk, ma basta un pareggio per gli ottavi). Un segnale dovrà arrivare sul piano delle prestazioni, oltre che dell'applicazione e dello spirito di squadra, come dimostrazione inequivocabile di una svolta alla stagione. La gara di Udine del resto ha i contorni dell'ultima chance anche per quanto riguarda la classifica, essendo gli azzurri a -10 dalla Lazio e -8 dalla Roma quarta, entrambe impegnate contro le prime due della classe e quindi con l'ennesima possibilità di accorciare per quella zona Champions ritenuta imprescindibile dal club per investimenti e progettualità.

OUT TUTTI I SENATORI - Ancelotti deve far fronte ad una squadra sfiduciata, bloccata anche mentalmente e che ha perso ogni certezza dopo l'ammutinamento e le conseguenti polemiche e contestazioni in città. E pure dal ritiro di Castel Volturno non sono arrivate buone notizie. La settimana doveva portare a recuperare elementi come Milik ed Allan, ma in realtà anche ieri hanno svolto ancora lavoro personalizzato e non sono stati convocati. Come se non bastasse, s'è fermato anche Koulibaly per un problema alla spalla: è stato inserito tra i convocati ma domani si deciderà sul suo impiego. Secondo le ultime indiscrezioni fornite da Sky, dovrebbero restare fuori anche Mertens (in attacco Lozano-Llorente o Insigne avanzato) e Callejon (con Elmas o Fabian a destra). Segno che qualcosa s'è rotto ed il Napoli sta probabilmente già vivendo una rivoluzione epocale che andava chiaramente anticipata e programmata gradualmente negli anni.